Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

SANTO BRUNETTA, "MIRACOLO" AGLI UFFICI COMUNALI

brunetta

In tempi remoti nel nostro piccolo borgo il culto religioso era devoto alla figura di San Vito Martire. Storie di miracoli compiuti dalla reliquia di un ginocchio di San Vito, dal quale ogni tanto fuoriusciva una sorta di manna; o storie di indemoniati e tarantate che i monaci esorcisti riuscivano a salvare dal demonio recitando incomprensibili giaculatorie. Il suo culto e la credenza nei suoi miracoli si è ripetuta sino ai giorni nostri, sino a far divenire in tempi non lontani il santo come protettore della nostra amatissima cittadina.

Gli anni passano, però, e nuove forme di culti religiosi sopravanzano inesorabili facendo in fretta dimenticare quelle passate. Nel corso dell’ultimo anno nuovi “miracoli” hanno sconvolto la quotidianità di alcuni polignanesi. Ahimè non sono storie che gli anziani tramandano di generazione in generazione sino ad essere notizia di credibilità comune, bensì trattasi di racconti che di credibilità ne hanno tanta, e a dire il vero con poco scetticismo portano a forme di devozione fuori da ogni leggenda e tradizione.

L’ultima è appunto quella descrittaci dall’AGI, Agenzia Giornalistica Italiana, che in un suo articolo tiene a riportare un grande risultato che gli “instancabili lavoratori” degli uffici comunali polignanesi hanno raggiunto.

Cosi grande come risultato che è stato utile attribuire il nome del nostro paese ad un grande primato, da “invidiare” ad ogni comune presente in Italia: “PUGLIA, ASSENZE IN MODERATO CALO, PRIMATO A POLIGNANO”.

Recitano cosi le parole espresse dal report dell’Agenzia nazionale, la quale afferma che“in Puglia la lotta all'assenteismo nella pubblica amministrazione procede, anche se a velocità ridotta rispetto al resto del Paese. Nei primi mesi del 2009 gli uffici pugliesi hanno ridotto il numero di assenze per malattia, ad un ritmo medio inferiore alla media nazionale”.

Un dato non eclatante, ma di certo, un risultato positivo. Frutto anche del “neo-santo” Renato Brunetta, al quale a partire dal giugno 2008 con il decreto anti fannulloni negli uffici della pubblica amministrazione comunale avranno dedicato non poche cappelle votive. “Nel dettaglio, e' il comune di Polignano a mare l'ufficio pubblico piu' virtuoso, con un calo medio da febbraio a luglio del 72,6%”. I dati sono chiari. Un netto calo di lavoratori assenteisti, pari a 7 persone su 10 che da febbraio a luglio hanno improvvisamente visto migliorare le loro condizioni di salute.

Dati incoraggianti, almeno per le aziende sanitarie locali di zona, che di certo avranno meno pazienti da segnare in cartella. Fatto sta che le perplessità riguardo al passato sorgono inesorabili: tutti quanti si chiederanno il motivo di tale guarigione, molti diranno che i medici erano troppo impegnati o magari “sempre assenti”. Allora prendiamo esempio dai nostri compaesani che lavorano agli uffici comunali, almeno avremo un nostro primato. Brunetta Docet, direbbero al tempo dei romani.

VEDI ARTICOLO AGI SU INDAGINE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

VEDI SITO UFFICIALE RENATO BRUNETTA

Commenti  

 
#13 visitatore 2009-08-20 01:31

Sento odor di miccia, stà per scoppiare una bomba investigativa.
FINALMENTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!................era ora.
 
 
#12 belladinotte 2009-08-20 00:48
Aspettiamo di vedere quali saranno i risvolti delle famose stagiste....dato che lo stage a giorni sta per terminare .PS attendiamo l'esito dei contratti a tempo determinato di coloro che scendono in trasferta presso tale ente.Di conseguenza ci rivolgeremo agli enti preposti nei modi e luoghi opportuni.Tutto questo a tutela del cittadino ignaro.
 
 
#11 perseo00 2009-08-15 13:20
... intanto uno si ritiene danneggiato la lettera la fa... e le risposte arrivano entro i 30 giorni... e sicuramente arriverebbe anche quella di Paladino, perchè, la sua posizione lo obbliga a rispopndere e se non lo fa si assume le sue responsabilità, e poi, lui sa a cosa andrebbe incontro in caso contrario... la legge e' legge... anche per i Paladino di turno... Invece credo che il problema sta nell'incapacità del polignanese di apporre una firma sotto un documento di denuncia... perchè è piu' facile sparlare e criticare che gridare ad alta voce i propri diritti firmando in calce un documento. Se un dirigente o un funzionario, ha commesso un illecito fate regolare denuncia alla Procura delle Repubblica, e firmatela... altrimenti state zitti e non vi lamentate sempre a testa bassa... scusate ma quando ci vuole ci vuole...
PS*- Quando ho subito un un forte ritardo nell'espletamento di nuna pratica, ho ritenuto opportuno e utile, rivolgermi al dispositivo di legge, firmando con nome e cognome.
 
 
#10 matelda 2009-08-14 19:38
quel personaggio non teme neanche Brunetta. E sai perchè? perchè la sua etica è "fluida"... assume la forma del contenitore. Tradotto, significa che si adatta a tutte le forme di governo,sia di destra, di sinistra, o di centro. E così resta sempre a galla. E poi lo lasciano fare fino al punto che può promettere posti di lavoro. E così si guadagna l'appoggio incondizionato di politici e di .... di stagiste.....poi lavoratrici a termine(da agenzie di lavoro interinale)riuscencdo a farle lavoare anche nel periodo di astensione dal lavoro per maternità pre e post partum .
 
 
#9 visitatore 2009-08-14 16:37
Brava Matelda,finalmente in questo paese si fa chiarezza.;-)e speriamo che viene Brunetta così gli fa prendere una saetta...;-);-)
 
 
#8 matelda 2009-08-13 21:36
Beh, ti assicuro che a Polignano le cose non vanno proprio così. Puoi richiamare tutte le leggi, la 241 compresa ..... ma con certi dirigenti proprio non funziona: se ha deciso di non degnarti neanche di una risposta non c'è "un Dio" che lo smuova.... perchè tanto comanda lui.... il paladino della legalità
 
 
#7 perseo00 2009-08-13 18:28
... anche io, qualche volta, sono stato dirottato sui "fondali melmosi" della burocrazia, ho scritto raccomandate richiedendo il nome e cognome del responsabile del procedimento, presso l'Pubblica Amministrazione, nel termine di trenta giorni, trascorso il quale, avrei inviato il tutto alla Procura della Repubblica... be, posso garantirti che il 29° giorno arrivava puntuale la risoluzione del problema e della pratica... funziona credimi...;-)
 
 
#6 vieniaballareinpuglia 2009-08-13 17:24
Caro Perseo00, condivido il tuo ragionamento in pieno e quanto vorrei che funzionasse proprio così ... a Polignano. Nel lontano 1994 ho realizzato un lavoro di ricerca sull'impatto di quell'impianto di leggi (responsabilità degli amministratori e dei dirigenti, compatibilità delle cariche, ecc) sulle PPAA. Pertanto ti confermo che conosco bene il contesto. Ma tu mi insegni che una cosa sono i dettami legislativi un'altra cosa è l'applicazione della legge. A Polignano la macchina amministrativa funziona spesso (come vedi sono ottimista, altrimenti direi sempre) per il tramite di qualche omuncolo che si propone come "sviluppatore" del procedimento. Ahimè.
 
 
#5 perseo00 2009-08-13 16:30
Caro "vieniaballareinpuglia",
Io non sono un impiegato comunale, ma posso consigliarti di dare una occhiata alla seguente legge: Legge 241/90, molti articoli sono stati aggiornati ma sostanzialmente il contenuto è rimasto lo stesso. Inserisci nel motore di ricerca la seguente stringa:Legge 241/90, e avrai nelle mani uno strumento di "guerra" per fare valere i tuoi diritti...
Fanne buon uso...
PS* in particolare vedi l'articolo relativo al "responsabile del procedimento amministrativo" c'è tutto un mondo da scoprire.... buona lettura....

Legge 241/90
Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi
Aggiornamento alla GU 06/09/97
221. MINISTERI:
PROVVEDIMENTI GENERALI E PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
 
 
#4 apolititco69 2009-08-13 15:18
una risposta potrebbe essere:

lei non sai chi sono io !!!!:sad:;-):o:cry:
 
 
#3 contromano 2009-08-13 15:01
Ma secondo voi cosa abbiamo risolto? Secondo voi avere i dipendenti tutti presenti è garanzia di efficienza? E' una misura che serve solo a dare in pasto ad un certo tipo di stampa e ad una precisa fascia di popolazione contenti,solo, di individuare nel dipendente pubblico il "capro espiatorio" delle loro frustrazioni sociali! La Destra italiana è brava a cavalcare questi malumori perchè non li sa governare. Vorrei precisare che non sono qui per giustificare tutto e tutti ma solo ed esclusivamente per ringraziare tanti dipendenti che ogni giorno fanno il loro lavoro e che non vogliono finire nel calderone del "sono tutti uguali". P.S. : Non sono un dipendente pubblico.
 
 
#2 ASSENTE 2009-08-13 14:14
Non sono uno dei dipendenti, ma la cura Brunetta che tanto si vuol far passare per "miracolosa" è subito spiegata: il sig. ministro lavora con le percentuali, per cui se nel 1° semestre 2008 c'erano stati 3 malati e nel 1° semestre 2009 1 solo malato (vi ricordo la "pacifica" del 2008 che ha colpito tanti!), allora la riduzione del 75% è presto fatta. Sono i numeri, in questi casi, quelli che contano...se fossero stati rivelati i dati numerici, allora sì che si sarebbe potuta cantare vittoria, come invece fa adesso il Sindaco ingegnere, che pure, con i muneri, dovrebbe avere una certa confidenza. Come diceva un mio prof. di artistica, la media è quella cosa secondo la quale se io mangio 2 polli e tu resti digiuno, in media tutti e due siamo sazi!!!
 
 
#1 vieniaballareinpuglia 2009-08-13 13:51
Dai dati relativi a Polignano sorgono almeno due domande, quelle che farebbe il più asino e impertinente della classe.
Prima non c'erano strumenti per limitare il fenomeno dell'assenteismo al Comune di Polignano? non si conoscevano persone e fenomeni?
L'altra domanda è: e ora tutti questi cosa faranno? presenza non è sinonimo di lavoro efficiente ed efficace ma molto più probabilmente affollamento inconcludente (magari più passaggi al bar).
L'appetito vien mangiando, e scrivendo mi vengono altre domande relative ai dipendenti comunali. Ma qual'è il livello della loro preparazione? hanno titoli di studio adeguati? hanno mai seguito corsi di formazione specifici? da quando non si aggiornano? e da quando non vengono introdotte innovazioni di processo nei maleamati uffici comunali?
Ovunque si sente dire che l'amministrazione pubblica è al servizio dei cittadini. Perchè a Polignano qualsiasi richiesta ufficiale finsice per essere una domanda di grazia? perchè a Polignano sono i cittadini al servizio dell'amministrazione pubblica?
Incapacità dei politici o malizia dei dirigenti?
Apprezzerei molto la risposta di qualcuno chiamato in causa.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI