Martedì 25 Giugno 2019
   
Text Size

PATRIZIA LAQUIDARA E CASINO ROYALE: STASERA

Patrizia_Laquidara_funambola

GRANDE MUSICA QUESTA SERA, A POLIGNANO, CON PATRIZIA LAQUIDARA E CASINO ROYALE.

Due grandiosi appuntamenti musicali, questa sera, a Polignano: per i palati sopraffini c’è Patrizia Laquidara (ore 22.00, Begùla Jazz Cafè); per gli amanti dello ska, invece, ci sono i Casino Royale con ospite d’eccezione, il pugliese Papa Ricky (ore 21.30, Lungomare Cristoforo Colombo, concerto a pagamento).

PATRIZIA LAQUIDARA - La cantante e compositrice catanese è già di casa: debuttò a Polignano il 26 luglio del 2005 con l’album “Indirizzo Portoghese”.

Stasera chiude la sesta edizione di Autori, organizzata da Insolisuoni.

Questa volta fa rotta verso New York con un nuovo disco, “Funambola”, prodotto da Arto Lindsay e Patrick Dillett. Un album nel quale Patrizia si riflette come in uno specchio, perché in continua ricerca di quel fugace equilibrio fra i vari aspetti della musica e della vita stessa: jazz e bossanova, caldo e freddo, semplicità ed enigma, lucidità e delirio.

Patrizia ha già debuttato a Sanremo nel 2003 vincendo il premio della critica e quello per la migliore interpretazione, inciso due dischi, partecipato con un brano alla colonna sonora di “Manuale d’amore” di Veronesi e duettato con Mario Venuti in una canzone dal titolo “Per causa d’amore”.

In Funambola, Patrizia mantiene la sua voce sussurrata, quasi in bilico sulla sua stessa potenza e limpidezza, ma sul palco sa aprirsi all’imponenza e alla corposità, soprattutto quando canta le sue canzoni popolari.

Un salto nel vuoto, un giramento di testa e l’emozione di prendere il volo in un concerto senza rete.

CASINO ROYALE E PAPA RICKY - Per la prima volta a Polignano a Mare. E’ il secondo appuntamento musicale prodotto e organizzato dall’associazione culturale e20, per Melodie d'Estate 2009.

Un piccolo assaggio dei Casino l’aveva già offerto Giuliano Palma (membro fondatore del gruppo nel 1987, dal 1997 con la Pina e poi Bluebeaters), lo scorso 1 agosto a Polignano.

All’attivo, il gruppo milanese ha ben 10 album pubblicati, i Casino Royale sono autori di un percorso musicale sempre in evoluzione, partito dai primi lavori (Soul of Ska, Jungle Jubilee e Ten Golden Guns) orientati allo ska e al reggae e con testi in inglese.

Già nel disco del 1992Dainamaita” passano al cantato in italiano e a contaminazioni con l'hip hop e con un rock di matrice black (ospiti di quest'ultimo lavoro Sergio Messina alias RadioGladio e DJ Gruff dei Sangue Misto. Correvano gli anni della massima espressione italiana dell’hip hop, con grande fermento culturale e generazionale (troverà l’apice, in Italia, nel 1995 con l’indimenticabile Neffa & i messaggeri della dopa).

Il 4 settembre prossimo è prevista l’uscita del nuovo album.

VEDI SITO WEB INSOLISUONI - CONCERTO PATRIZIA LAQUIDARA

VEDI SITO WEB E-20 - CONCERTO CASINO ROYALE

Commenti  

 
#9 diaboliko 2009-08-14 19:44
Coprire i costi? Di che? Non continuate a dire bugie (vedi quella del migliaio di persone a Palma!!) Anche perchè delle persone che c'erano bisogna vedere chi ha realmente pagato e chi è entrato con i biglietti "omaggio".
E chiarisco per il neo assessore: avrebbe dovuto informarsi sullo sbigiettamento (non c'erano da sommare grossi numeri) ed aprire il concerto al pubblico. Avrebbe salvato la faccia agli organizzatori ed al Comune.
Pensate che a quest'associazione è stato stanziato un terzo di tutta l'Estate Polignanese...Per 340 persone
 
 
#8 sgomento 2009-08-14 18:08
Sono in parte d'accordo con te. Ma come ho più volte detto, la colpa non è di uno che s'è messo a disposizione e s'è impegnato per organizzare qualcosa per portare gente a Polignano, ma del comune che non gli ha dato una mano a farlo per l'intera comunità, pagando le spese per tutti. D'altronde, anche Insolisuoni, che organizza concerti da anni, dal comune ha avuto 800 miseri euro. Segno che l'ignoranza sta a monte. Secondo me non s'è capita una cosa: se non ci si impegna, non si sbatte la testa per farne uscire buone idee e non si spendono un po' di soldini (anche se alcuni pensano che siano buttati via anziché investiti), a Polignano non cambierà nulla. A Conversano avevano in bilancio preventivo, per l'estate, 80mila euro. A Polignano, probabilmente pensavano di spenderne 8mila. E' ovvio che il risultato cambia.
D'altronde, se tutti ricordano le Estati delle amministrazioni Di Giorgio, un motivo ci sarà. Ci deve essere un'unico regista e produttore (il comune) e tanti sceneggiatori (le associazioni)...poi, magari, possiamo trovare tutti gli sponsor del mondo per contribuire alla buona riuscita del tutto. Così invece, il comune non fa niente e sta lì solo a scegliere gli eventi politicamente "allineati" (o magari consultando l'albero genealogico degli organizzatori) e ad elargire quei 4 soldi stanziati, le associazioni si ammazzano per organizzare e lottano per trovare sponsor che le aiutino (E chiaramente un ristorante lo sponsor può farlo per 1-2 eventi, non per 20) e il risultato è un chiarissimo vertiginoso calo delle presenze di turisti e quindi dell'economia di una città sempre più "agricola" e sempre meno "turistica". Alla faccia della Bandiera Blu!
 
 
#7 vitostoppa 2009-08-14 17:07
caro sgomento, il discorso non è sul numero dei 40 o 80 persone presenti facciamo 150 cosi siamo contenti tutti.
il discorso cade sull'organizzazione di una estate polignaese "da favola", i due concerti messi a dispizione della ass.e20/comune rispecchiano l'andamento della nostra estate. Meno Gente a Polignano, Miglior organizzazione a Monopoli e non parliamo di Castellana.
Quindi lasciamo lavorare chi ha competenza nel settore, no gente che dall'oggi al domani diventa presidente di associazione di che....cosi le figuracce le lasciamo agli altri.
 
 
#6 zanzibar 2009-08-14 16:13
perchè allora non si pubblico il numero preciso dei paganti? personalmente non sono ancora a conoscenza del numero dei biglietti venduti per giuliano palma.
Ma avete sapete che c'era Nabil dei Radiodervish a sentire la Laquidara? e che alla fine ha cantato pure .....Amara Terra Mia di Modugno !!!
grazie insolisuoni
 
 
#5 flop totale 2009-08-14 15:26
le presenze (non i paganti) al concerto dei Casino Royale saranno state al massimo 150 (inclusi i 2 vigili urbani, la security ed il pronto intervento) quindi dubito fortemente che con un migliaio di euro le spese siano state coperte.
E' stata una vergogna totale, per gli artisti ma anche per l'intera comunità che pagherà per il nulla assoluto.
Incompetenti gli organizzatori che non si sono informati sulle altre manifestazioni (gratuite) che si sarebbero svolte in contemporanea nei paesi limotrfi (vedi Alter Festa in primis) e che si rivolgevano allo stesso target di persone.
Pagate la penale ai Radioderwish, annullate il concerto e mettete fine a questo scempio.
 
 
#4 sgomento 2009-08-14 12:01
Che io sappia ai Casino Royale non c'erano 40 persone, ma molte di più. E a quanto pare, almeno stavolta, l'associazione è riuscita a coprire i costi dell'evento. Se poi Diaboliko è andato a contare uno ad uno le persone presenti al concerto, allora ho avuto informazioni errate...ma non credo...
Giusta la polemica sui concerti gratis, come ho sempre detto, ma non dobbiamo stare qui ad inventarci le cose.
 
 
#3 zanzibar 2009-08-13 21:21
che frustazione sarà stata per i casino royale suonare senza pubblico!!
e adesso chi paga? di chi è la colpa di questo flop? dell'associazione o del Comune? speriamo che qualcuno abbia l'umiltà di fare un mea culpa e di riconoscere le vere risorse che ci sono nella comunità.
 
 
#2 diaboliko 2009-08-13 16:28
Non posso esimermi da fare i complimenti e per la bravura della cantante (a me prima sconosciuta) e per l'ottima riuscita della manifestazione con Patrizia Laquidara.
 
 
#1 diaboliko 2009-08-13 16:25
Giuliano Palma 300 persone
Casino Royale 40 persone

Costo dell'operazione A CARICO DELL'INTERA COMUNITA' 19.800

Qualcuno vi aveva ben consigliati: ingresso gratis ai Casino R. per salvare almeno la faccia. Ma niente.

Caro assessore, cominciamo male!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI