Lunedì 25 Marzo 2019
   
Text Size

INAUGURATA LA BRETELLA: SAN VITO ISOLA PEDONALE?

bretella_inaugurazione_1

ALLACCIATA LA BRETELLA, INTERROGATIVI SUL FUTURO DI SAN VITO: Spiaggia nuova e isola pedonale.

Inaugurata la strada nuova, una bretella che collega la periferia di San Vito con l’area in prossimità del porto turistico, bypassando la complanare e buona parte del tracciato che attraversa l’abbazia benedettina e costata 600mila euro.

Disegnata a tre mani, dai progettisti architetti Lucrezia Montalbò, Paolo Pellegrini, Domenico Tanese, è l’ultima opera di riqualificazione della maglia 9.bretella_inaugurazione_3

RISPARMIO ENERGETICO - Lucrezia della mpt3, studio di architettura e design il cui nome è l’acronimo delle iniziali dei tre progettisti, non a caso parla di risparmio energetico: “I pali della luce e le lampade sviluppano un wattaggio di 150, ma ne consumano 75, la metà. Ci siamo attenuti alla legge regionale, una disciplina del 2005 studiata appositamente per il risparmio energetico e per combattere l’inquinamento luminoso, una piaga per la nostra città”.

Forse si poteva puntare al pannello solare? Lucrezia Montalbò lo esclude: “Fonti rinnovabili? E’ un parolone spesso abusato. Nel 2006, quando abbiamo consegnato il progetto, il lampione con pannello solare aveva dei costi di manutenzione altissimi, insostenibili per le casse comunali. Chissà, in futuro!”.

IL PERCORSO - Con Domenico Tanese ripercorriamo il tracciato: “è lungo 420 metri, segue il percorso fognario già esistente che si innesta in un altro terreno, laddove in futuro si snoderà un tratto di strada perpendicolare a questo, per completare l’opera di urbanizzazione e riqualificazione dei servizi dell’area. La scelta dei materiali è omogenea e tale da ridurre i costi pubblici. E’ una strada che rispetta appieno i vincoli paesaggistici imposti dalla sovrintendenza e dalle direttive nazionali, vedi i cancelli per esempio”.

bretella_inaugurazione_2Domenico Tanese vorrebbe che in un futuro non lontano San Vito, grazie a questo percorso alternativo e a quelli prossimi, diventi un’isola ciclabile e pedonale, una zona a forte sostenibilità ambientale. “Sarebbe un’opportunità per questo splendido tratto di costa!”.

SAN VITO ISOLA PEDONALE - Ora la bretella è pronta. Raffaele Scagliusi, neo assessore ai lavori pubblici, non esclude che entro un anno la stradina di San Vito venga definitivamente chiusa al traffico e diventi isola pedonale e ciclabile. Giovedì mattina non si è dato pace, appena è stato delegato dal sindaco ai lavori pubblici si è messo subito all'opera: “Ho insistito perché la bretella venisse immediatamente aperta prima della settimana di ferragosto. I tecnici e la ditta appaltatrice volevano inaugurarla già da maggio. Giovedì mattina mi sono messo a lavorare, alle 14 ho finalmente ottenuto il certificato di agibilità. Conta 53 posti auto, 3 dei quali per disabili. E’ pronta per la viabilità”.

IL FUTURO DI SAN VITO - San Vito nel futuro potrebbe diventare il fiore all'occhiello della nostra costa. Un gioiello spesso dimenticato e mai sfruttato con le dovute cautele. I concerti organizzati da Colagrande per Anime Migranti ne risvegliano di tanto in tanto la passione e l'interesse per questa splendida località balneare. I lavori per la nuova spiaggia realizzati dalla Provincia vanno avanti spediti. Si spera che l'area presto si trasformi in isola pedonale.

Voi, cari lettori, come ve la immaginate la San Vito del futuro?

bretella_inaugurazione_4

Commenti  

 
#11 antonio-43 2009-08-12 21:23
Denigrare e criticare continuamente questa amministrazione comunale ed in particolare il Sindaco è simbolo di "corvi" male cresciuto. Il boumerang se non viene lanciato bene ritorna indietro e si diventa peggio del "corvo". Tantissimi complimenti personale li rivolgo ai bravi tecnici che hanno progettato con professionalità questa bretella. A volte non è necessario realizzare le "torri gemelle" per evidenziare la propria professionalità, basta anche disegnare un bel cerchio come il grande "GIOTTO" ed un forte plauso all'amministrazione, alla Giunta ed al Sindaco Bovino. Desidero precisare a qualcuno che non sono un servitore di Bovino, ma un cittadino attento
 
 
#10 freemind 2009-08-12 12:58
evidentemente il sindaco si è accorto che sta perdendo sempre piu' consensi ed ha voluto inaugurare in fretta e furia vestito come un corvo la bretella non ancora completamente finita nella parte perimetrale. Peccato se avesse avvisato anche i cittadini della zona lo avremmo "sostenuto" con dei grandi cori e cartelli di "Benvenuto".
 
 
#9 cittadino 2009-08-11 21:25
hai ragione anke tu violentino , speriamo siia un piccolo esempio per le altre cose che e se faranno hihihhi
vabbè l''innaugurazione e solo mania di protagonismo
 
 
#8 violentino 2009-08-11 19:44
HAI ragione cittadino....ma stiamo parlando di una semplice strada....mica del progetto delle torri gemelle....che diamine, e si permettono pure d'inaugurarla....voi vi cantate e voi vi suonate.....auguri
 
 
#7 Rokky 2009-08-11 15:16
Bel lavoro...diamone atto a questa Amministrazione Comunale.
Complimenti per San Vito ci voleva
 
 
#6 cittadino 2009-08-11 12:59
complimenti sinceri ai progettisti architetti Lucrezia Montalbò, Paolo Pellegrini, Domenico Tanese, finalmente un lavoro che ha rispettato il territorio non facendo ammassi di cemento come di solito si fa in qst paese
per la prima volta a mio parere non c'è niente da ridire veramnte bello un design minimalista regolare pulito e rispettoso nei confronti del paesaggio
BRAVI BRAVI BRAVI
spero soltanto che san vito viene rivisto tutto completamente e non soltanto una strada
ad esempio e vergognoso vedere le macchine parcheggiate sulla spiaggia tra le barche dei pescaori , è una cosa assurda
PER FAVORE UN Pò D'AMORE VERSO QUESTO PAESE
 
 
#5 prendolaresidenzaacellamare 2009-08-11 01:50
ritengo che il borgo di San Vito abbia bisogno di un progetto più organico e completo di rivalutazione, piuttosto che interventi una tantum e spesso slegati tra loro, ma pensando alle difficoltà di finanziare opere strutturali e complete ben vengano le bretelle, la spiaggia e tutto quello che possa essere utile alla funzionalità ed al decoro del borgo, chissà se con un po di spirito di iniziativa e di maggiore coraggio non si possa richiedere la tutela dell'UNESCO per l'intera abbazia, vi sembra azzardata? ma tentare non nuoce e giacchè ci siamo proverei ad estendere la tutela alla villa del vicesindaco ed ai due ristoranti del rom...ano.
 
 
#4 freemind 2009-08-11 00:41
la san vito del futuro mi piacerebbe che fosse rispettosa dei piani particolareggiati, che ci fosse meno abusivismo , che chi ha ottenuto legalmente le concessioni edilizie abbia anche come legge vuole, fatte le strade di piano particolareggiato , altrimenti la vedo dura raggiungere i propri lotti con regolare concessione edilizia o godere a pieno di una proprieta' privata come dice la costituzione, ma questa situazione il sindacao la conosce benissimo e infatti la blocca per le solite motivazioni dei soliti amiciclienti che vogliono che non sia fatto nulla. Quindi auspico per una san vitopolignano migliore e piu' giusta che tal sindaco sia adoperato ad altri incarichi anche fuori provincia..., tipo san vittore o simili...
 
 
#3 visitatore 2009-08-10 22:23
Si come no adesso appalterà l'autostrada del buio perchè quella del sole già esiste collegherà SAN VITO allo stretto di SANGEMINI che non so dovè...;-);-);-)
 
 
#2 apolititco69 2009-08-10 21:41
se non entrava Nico Giuliani in consiglio , e mo la vedevamo la strada aperta;-)
 
 
#1 Nathan Never 2009-08-10 16:59
Wow, quindi ieri notte sono stato uno dei primi a solcarla? Ops, forse non dovevo dirlo!!! ;-)
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI