Mercoledì 27 Marzo 2019
   
Text Size

La mensa dei bisognosi aprirà il 10 Febbraio

paolo mazzone mensa

Articolo pubblicato su "La Voce del Paese - edizione Polignano (uno dei 10 comuni del network)" nelle edicole da venerdì 29 gennaio.


Ma siamo sicuri che sarà frequentato dai polignanesi

e che sarà un luogo di condivisione?

 

La mensa dei poveri (o mensa sociale, che dir si voglia) nei locali del centro anziani è ora sancita dalla delibera. Come funzionerà? Cosa accadrà ora?

“La delibera della mensa è stata presa venerdì scorso – risponde l’assessore Paolo Mazzone – A partire dal 10 febbraio i locali siti al piano terra del centro sociale comunale, con ingresso parcheggio MD, saranno gestiti per nove anni dalla Caritas zonale per l'attuazione della dispensa e mensa sociale e dei servizi docce e lavanderia”.

“Si partirà subito – assicura Mazzone – e finalmente anche la nostra comunità sarà in grado di fornire a quanti non hanno né i mezzi e neanche le risorse economiche, il poter consumare almeno un pasto caldo quotidiano. Quest'opera segna uno dei punti più alti e belli del mio assessorato e merita tutta la mia gratitudine nei confronti di quanti hanno creduto in me. Ora il lavoro di molti operatori e volontari sarà alleviato da una struttura idonea e da mezzi utili per garantire un miglioramento per le classi sociali più deboli. E comunque, come nel mio stile, senza troppi riflettori, cominciamo insieme il lungo servizio alla mensa sociale, che necessariamente deve vedere coinvolto me per primo.”

Noi ci auguriamo che non diventi un non-luogo dove dispensare solo pasti. Tra l’altro, troviamo difficile che un luogo così possa essere frequentato da polignanesi; in un paese così piccolo si pone il problema della privacy e della dignità. L’ottimo e riuscitissimo esperimento messo in atto da don Giancarlo nel Centro parrocchiale dei SS. Cosma e Damiano, e tuttora in essere, va nella direzione opposta. L’esperimento, tuttora in corso, sta dimostrando che non di solo pane vive l’uomo.

I pranzi di solidarietà organizzati nel Centro parrocchiale mettono in gioco tutti, dai volontari ai residenti del quartiere che cucinano e spesso condividono il pasto, sedendosi tutti quanti alla stessa tavola. Questi hanno solo da imparare dai “bisognosi”, poiché si innesca uno scambio proficuo tra le parti. I bisognosi, dal canto loro, non chiedono più che altro un pasto, ma un posto dove poter socializzare e condividere quel pasto. Il problema non è quasi mai il denaro, e di cibo ce n’è davvero in abbondanza. Il problema è sociale.

È in ambienti come quello del Centro parrocchiale che si creano opportunità e momenti di condivisione. Meglio un “pasto freddo” che un posto freddo, e ci auguriamo che tale non diventi la mensa al centro anziani. Riempire un piatto solo per liberare la propria coscienza non deve essere il fine della misericordia.  

Commenti  

 
#18 #noncredoaimieiocchi 2016-02-15 22:55
Oggi 15 febbraio, San Faustino, della mensa innaugurata, nemmeno l ombra
 
 
#17 Errore 2016-02-15 22:48
Con 90000 € da dividere tra progettisti e impresa è stato riqualificato uno spazio pubblico che era fatiscente e pericoloso, poi ovviamente si può essere d'accordo o meno sulla destinazione d'uso che è stata decisa, ovvero la mensa sociale, ma il medesimo spazio pubblico prima dell'intervento che è stato fatto era una discarica a cielo aperto, era stata accertata la presenza di topi edi rifiuti. Quindi ben venga la mensa o chi per lei. Una preghiera peró all'amministrazione: terminate questa opera perchè altrimenti tutta la gente che scrive che sono state sperperati soldi pubblici avrà ragione. Con la parte esterna in queste condizioni la struttura non è agibile.
 
 
#16 mah 2016-02-13 11:44
Soldi della gente sperperati inutilmente
 
 
#15 mareforzaotto 2016-02-11 17:30
Egregio chierichetto che vota per le unioni civili, che è a favore dell'aborto e di tutte le schifezze che il suo partito (SEL) ormai al tramonto con a capo l'ex Vendola,hanno sostenuto,ci viene a parlare di mensa sociale.Lo sa quante autorizzazioni ha bisogno questo tipo di servizio? La Caritas parrochiale è iscritta alla Camera di Commercio?E' stato indetto un regolare bando pubblico per la gestione della mensa.I locali sono regolarmente a norma di legge.Ci sono le celle frigorifero per gli alimenti.Ci sarà la presenza del Dietologo per la formazione delle tabelle alimentari.La smetta di leccare il suo sindaco, non ha le carte in regola per ricoprire l'incarico che il sindaco le ha dato per una cambiale elettorale. Oggi 11 febbraio 2016 dopo l'innagurazione di ieri 10 febbraio 2016, come da lei annunciato, la fila dei bisognosi arrivava fino a via P.del Lauro.Vergognatevi.Giocare sulla pelle dei poveri.Il Consiglio Pastorale Zonale è al corrente di questa iniziativa della Parrocchia di S.Antonio dove lei chierichetto fa parte.A proposito quando dice 10 febbraio ha dimenticato di dire l'anno forse su questo ha ragione.
 
 
#14 Ma che paese.... 2016-02-11 14:59
Qui c è scritto che la mensa sarebbe stata aperta il 10 febbraio. Oggi 11 febbraio sono passato per rendermi conto di persona, ma indovinate un po'? La mensa è chiusa. Ma che barzellette racconta questo qui?!?!?!
 
 
#13 Progetto ispirato 2016-02-07 11:01
Ma le pareti esterne bombardate e gli infissi arrugginiti ( finto corten ) sono in segno di povertà????? ( tipo Baghdad )
 
 
#12 Zappatrill 2016-02-06 07:18
Un'altra opera scandalosamente iniziata e non terminata da questa pseudo~amministrazione.
 
 
#11 Urna 2016-02-05 21:50
Caro Salvatore non dimenticare che i voti dei più bisognosi valgono come quelli dei ricchi...non trascurarci.
 
 
#10 Se se 2016-02-05 06:45
Non tutti crediamo che sia un inutile soluzione...
 
 
#9 Cettolaqualunque 2016-02-04 20:07
Elly mi dai 3 numeri... grazie.
 
 
#8 mimmo 2016-02-04 19:03
dalla sinistra cosa può venire di buono.....
 
 
#7 Antonio C 2016-02-04 08:20
La mensa dei poveri degno progetto ma inutile soluzione Assessore Mazzone il suo operato è stato il più scarso della politica di Polignano assieme al suo amico Degirardis.
 
 
#6 opinione 2016-02-03 14:17
Danaro pubblico sperperato inutilmente
 
 
#5 Maggio 2016-02-03 09:56
I progettisti della mensa sono pessimi. Già hanno fatto una struttura orribile internamente adesso addirittura è colpa loro se i lavori di completamento perchè il primo progetto che è stato presentato è stato bocciato, il secondo sono passati diversi mesi e non è stato ancora consegnato, è vergognoso che una comuntà debba aspettare la consegna della mensa per colpa di 3 progettisti incompetenti. Ma datevi una mossa!!! Ah no, sono troppo impegnati al museo, all'ecomostro che stanno realizzando. Vergogna!!!
 
 
#4 Domanda... 2016-02-03 00:12
Ma qualcuno ci riesce a spiegare perchè quando è stato assegnato l'appalto per la ristrutturazione di questi locali adibiti a mensa sociale (e non mensa dei poveri, che sono due cose ben diverse) a nessuno è venuto in mente di far ristrutturare la parte esterna? La situazione dell'esterno è pietosa, e pericolosa sopratutto. Come si fa ad innaugurare un opera palesemente incompleta? Non ci sono cucine all'interno dei locali, non ci sono tavoli, sedie, non cè niente. Ed anche se all'epoca dei lavori svolti non c'erano i fondi per terminarla sta benedetta mensa, sono trascorsi ben due anni da allora è di soldi ne sono stati buttati via un bel po'. Ma chi controlla queste cose? L'assessore Mazzone sarà anche un bravissimo ragazzo ma qui ci perde la faccia questo qui. Saluti.
 
 
#3 Mah!!!! 2016-02-02 23:59
Ma quest uomo è serio quando dice ste fesserie? È la decima volta che annuncia l apertura della mensa.
 
 
#2 era ora 2016-02-02 12:36
finalmente!!!
 
 
#1 elly 2016-02-02 10:19
ai posteri l'ardua sentenza...
anche se credo già di sapere come andrà a finire...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI