Giovedì 20 Giugno 2019
   
Text Size

Polignano: casa popolare svenduta a un ricco a 50mila €

L'appartamento coinvolto al civico 13

Articolo denuncia esclusiva pubblicato su "La Voce del Paese - edizione Polignano (uno dei 10 comuni del network)", nelle edicole da venerdì 22 gennaio.

 

 

Scoppia il caos: case popolari svendute ai ricchi

Proteste in Via A. Mastrochirico. Appartamento battuto all’asta a soli 50mila € e venduta a un ricco barese

  

Una nuova “bomba” sociale è scoppiata alle case popolari di via Antonio Mastrochirico, traversa di via Mazzini. Questa volta è al civico 13 che si sono concentrate le attenzioni, poiché un appartamento al secondo piano che era stato rilasciato dopo la morte dell’occupante, un tale Torres, è stato “battuto all’asta” alla cifra ridicola di 50mila €. Insomma, una svendita in piena regola. Ma non è tutto. Questo appartamento che era dell’ex Iacp (oggi l’ente si chiama Arca Puglia), essendo stato aggiudicato all’asta, ora ha un nuovo proprietario che non è un bisognoso, un poveraccio… no, no! Ciò che fa scalpore in effetti è che il nuovo proprietario è un ricco o almeno benestante di Bari. Insomma, oltre al danno per non averlo riassegnato a una famiglia bisognosa, la beffa dell’asta. Un vero affarone a quella cifra lì, per un appartamento che realmente vale almeno 150mila €. Quasi una vincita si direbbe, un patrimonio che potrebbe ora fruttare di più e tanto al nuovo acquirente che se l’è aggiudicata.

Insomma, l’idea che questo appartamento sia sfuggito di mano al Comune e che poteva aiutare qualche famiglia bisognosa del posto, è fatto imbufalire non poco.

Senza contare che a Polignano abbiamo almeno una decina di alloggi vuoti e liberi, e una famiglia con mamma, papà e due bambini che dormono in auto in via Sturzo al numero 11. C’è chi addirittura sostiene che vi sia in atto una compravendita con coppie di coniugi furbetti che divorziano e poi si fanno assegnare alloggi da consegnare a vantaggio dei propri figli; una cosa davvero vergognosa, che premia i furbi e come al solito danneggia chi ha davvero bisogno di quella calda dimora, il diritto di una casa che deve essere garantito a tutti.

Se volessimo spingerci ancora altro, dovremmo anche domandarci come mai in passato, dai piani di lottizzazione siano spariti o si sono notevolmente ridotti i terreni o le volumetrie da destinare all’edilizia residenziale pubblica o a quella popolare o convenzionata. Ma qui il gioco e più complesso e ci torneremo.

Venendo al caso esploso in via A. Mastrochirico, sappiamo per certo che il sindaco Vitto si è interessato della vicenda, e già in passato abbiamo avuto modo di sollevare questo problema.

“Da qualche anno – denuncia nuovamente Vitto – continuo a inviare lettere all’Arca per chiedere se ci sono alloggi liberi a Polignano e per poter fare un bando e assegnarli a famiglie bisognose. Invece niente, a quelle lettere nessuno mi ha mai risposto”.

In effetti, il primo cittadino ci mostra queste missive (una la pubblichiamo in questo articolo) che non hanno mai ricevuto risposta, mentre sui marciapiedi di Polignano, “sui marciapiedi dove è vero quel che vedi” – cantava qualcuno, la povertà si ammassa e non grida più, soffocata dall’indifferenza e dalla furbizia di chi anziché cercarsi una casa, pur potendo farlo, prova a lucrare e a speculare sui bisognosi.


CLICCA QUI PER RIVEDERE LA COPERTINA

Altri particolari esclusivi della nostra inchiesta nel prossimo numero de La Voce del Paese, nelle edicole venerdì 29 gennaio.

 

Commenti  

 
#10 Elly 2016-02-01 21:15
Sono perfettamente d'accordo con il commento 8 : le case popolari costano troppo per il resto della popolazione e, visto che il più delle volte , i destinatari non sono poi tanto indigenti, aboliamo questo malcostume...
 
 
#9 Cettolaqualunque 2016-02-01 14:53
Leggo i commenti e mi viene da piangere ecco perche' i detti antichi non si sbagliano mai "Nel paese dei ciechi quello ad un'occhio fa'il sindaco".A che serve conoscere i nomi,che cambia, perche'non si sanno questo e' il paese.Maledetta onesta'questa e' la grande verita'.Chi ha fatto il furbetto e' stato premiato.E noi dormiamo vogliamo sapere i nomi!!!!!!Che popolazione di ignoranti.Mi spiegate perche' fino a poco tempo fa' un'avvocato (il quale fratello era v.sindaco e .....)di questo paese avesse lo studio in un locale popolare.Era legale????!!!!!!
 
 
#8 Percoloadiqualcuno 2016-02-01 13:52
Io le case popolari non le darei a nessuno. Andate sotto i ponti.
 
 
#7 Povr a nou 2016-02-01 01:59
Gli abitanti delle case popolari di Polignano hanno l'Audi A4 nuova e la BMW seminuova....e noi stupidi che paghiamo il mutuo ventennale...
Abitanti delle case popolari che visibilmente i soldi ce li hanno, a volte hanno anche fruttuosissime attività...
Bella Polignano, paese dei balocchi.
 
 
#6 Senza attributi x 4 2016-01-31 21:56
Fare i nomi please???
 
 
#5 indignato 2016-01-31 00:53
Vergogna!!!! il Comune che fa??
 
 
#4 Bisognosi 2016-01-28 20:47
Tra i bisognosi assegnatari di alloggi popolari ci sono dipendenti del comune di Polignano.
 
 
#3 che paese strano... 2016-01-28 13:43
Chi è lo smemorato di ........
 
 
#2 Risposta 2016-01-27 20:34
Cominciamo a controllare chi occupa le case e vedremo che hanno il visone, il parquet, garage in affitto con mobili regalati...eh ma sono bisognosi
 
 
#1 Why 2016-01-27 19:29
Da chi è stata acquistata????
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI