Giovedì 24 Gennaio 2019
   
Text Size

Case popolari: fioccano bollette da paura. Ma non pagatele

par_1416907084

408 € al posto di 30!

Il computer va in tilt

e oltre 100 famiglie polignanesi gettate nel panico

 

L’ente che gestisce le case popolari ha combinato un bel pasticcio informatico. Si chiama l’ARCA Puglia Centrale (Agenzia Regionale per la Casa e l’Abitare), l’ente ex IACP (Case Popolari), il quale ci comunica che, “a causa della mancata applicazione da parte del Sistema Informatico dell’articolo 30 della Legge Regionale 10/2014, gli assegnatari appartenenti alla 5^ e 6^ Fascia reddituale, hanno ricevuto un errato incremento del canone di locazione relativamente ai mesi di gennaio e febbraio 2016.

Pertanto, per chi avesse già effettuato il pagamento, riceverà i conguagli nella prossima bollettazione. Per chi, viceversa, non avesse ancora provveduto al pagamento, può cestinare gli stessi, in quanto riceverà a casa i bollettini corretti nei prossimi giorni”.

Sono numerose le famiglie polignanesi che hanno ricevuto la doccia fredda; il pacco-bolletta rincarata, come dei bollettini fasulli. Molte famiglie sono state inserite nelle fasce alte, perciò, anziché pagare 30 € di affitto al mese hanno ricevuto un salasso da 150. Chi pagava 60 se n’è trovati ben 250! Quindi un bello spavento per questi concittadini quando hanno aperto la bolletta. Alcune famiglie si sono trovate addirittura un conto di 408 €. Per fortuna non ha ancora pagato nessuno, perché la scadenza è il 21 gennaio e il 21 di ogni mese. Per questo potete cestinare i bollettini, poiché ne arriveranno corretti.

Quindi stracciate e conferite le bollette suddette nella pattumella della carta, così almeno serviranno a qualcosa.

INFO: per altre informazioni, contattare anche UIL Uniat Polignano a Mare, via Luigi Longo 27.

080.4251191

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI