Sabato 19 Gennaio 2019
   
Text Size

Nicola Schena a convegno. “Proteggiamo le masserie"

nicola schena

Articolo pubblicato su "La Voce del Paese" (edizione Polignano, uno dei 10 comuni), nelle edicole da venerdì scorso.


Tour tra le masserie polignanesi

Nicola Schena a convegno:

“Proteggiamole, sono musei a cielo aperto”

 

Lo scorso 27 marzo, presso il castello di Carlo V a Monopoli, si è tenuto un interessante seminario per guide turistiche sulle masserie fortificate pugliesi, in particolar modo su quelle di Polignano a Mare.

In collaborazione col Ctg di Monopoli, il nostro compaesano e relatore Nicola Schena, laureato in Scienze Turistiche, si è soffermato sull’origine del sistema delle masserie in Puglia e della loro lenta evoluzione fino a diventarne una caratterizzazione territoriale. Nella parte finale del seminario, inoltre sono stati analizzati gli scenari attuali e il ruolo che potrebbero assumere le masserie nella progettazione di sistemi turistici.


Al nostro giornale, Nicola Schena dichiara:

“In uno scenario nazionale che vede la nostra Puglia come faro della cultura e del turismo, non possiamo assolutamente trascendere da quello che è il nostro immenso patrimonio rurale. La nostra campagna è fortemente antropizzata e presenta dei processi di stratificazione territoriali unici, una sorta di carta d’identità esclusiva dei luoghi.

Le masserie risultano essere la massima espressione dell’azione secolare dell’uomo sul territorio: possiamo considerarle musei a cielo aperto, dove riusciamo a toccare e a vedere tutte le difficoltà della vita contadina di una volta, ma anche la raffinatezza delle architetture e la genialità degli artigiani.

Tutelare questo immenso patrimonio vuol dire conservare l’immagine della vera Puglia, quella capace di unire la modernità alla tradizione. Il vero turismo, quello sano e sostenibile deve procedere in questo senso, diventando una specie di percorso interiore per il turista, alla fine del quale potrà davvero capire l’essenza e lo spirito dei luoghi, nel pieno rispetto del concetto della tutela e della valorizzazione, così come espresso da nostro Codice dei Beni Culturali.

Il mio lavoro attuale è quello di promuovere e di far conoscere i nostri tesori, spesso mediante l’utilizzo di una pagina di Facebook che vi invito a seguire, Le masserie di Puglia. Il futuro nella maggior parte dei casi può essere compreso soltanto comprendendo le origini!".

Commenti  

 
#1 Giovanni Mercadante 2015-04-19 09:22
Mi compiaccio di questa bellissima iniziativa. Ho appreso questa notizia da mio nipote Didi Rodio di Polignano. Da decenni cerco di inculcare nella gente la sensbilità alla conservazione del patrimonio rurale. Se hai delle foto a riguardo delle foto, mi fai sapere. Ho in corso di stampa un volume dedicato a Polignano in cui faccio riferimento alle residenze rurali dei notabili polignanesi. Mio cell. 339-79 22 119- email: - Cordialità
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI