Sabato 19 Gennaio 2019
   
Text Size

Aiutiamo Guido il flâneur a cercare casa

ezio guido lupori foto di nicola teofilo

Guido il flâneur cerca casa

Polignano è il grande amore che Lùpori non vorrebbe mai abbandonare

 

LA CONFIDENZA: Molti polignanesi professionisti e altolocati soffrono di depressione,

vorrebbero essere come lui, degli spiriti liberi.

 

Ezio Guido Lùpori, il flâneur che ha accompagnato la crescita culturale e sociale di questo paese, non ha bisogno di presentazioni. Nella conversazione che abbiamo intrattenuto domenica scorsa, il poeta, oltre a lanciare un appello dalle nostre colonne, appare inedito e svela parte della sua intimità. Quando nel lontano 1990 “sbarcò” per la prima volta a Polignano, lo presero per pazzo: incideva le sue poesie sui muri del centro storico, seminava del bene, donando vasi, fiori, sedie, adornando gli angoli del paese vecchio.

Forse Guido è stato il primo vero scopritore del centro storico, colui che lo ha valorizzato per primo, aprendo le porte ai turisti e dando un tocco estetico più salottiero. Fare del bene purtroppo insospettisce in una società dove regna l’indifferenza, tanto è vero che quei doni gli furono saccheggiati e la porta di casa perfino incendiata: la diversità nutre invidia e, nel caso di Guido, c’è voluto tempo perché venisse accolto e integrato nella comunità. Oggi Polignano, che prima era un luogo fatiscente, la trova diversa, matura dal punto di vista culturale, “mi dispiace solo vedere i giovani allo sbando; vedo tutelato solo l’universo anziano”.

Guido, nato nel 1946, quando fu costituita la Repubblica e la carta più bella del mondo, è uno spirito libero. Tanti anni fa ha appeso la cravatta al chiodo, ha deciso di non inseguire più il profitto e di dedicarsi al mare, all’essenza della vita. “Non potrei fare a meno dei bagni invernali a Polignano”. Guido è diventato tristemente un elemento del folklore locale, quasi un’attrazione, con la sua sedia in spalla che è la casa mobile, che girovaga e lo protegge come un guscio di tartaruga.

Ezio Guido Lupori prima della posa della statua

“In realtà – precisa – mi sento più una lumaca, amo la vita lenta, anche se ultimamente sono fisicamente allo sbando. Ho problemi agli occhi, ma non accetto commiserazione. Vorrei che la gente capisse che la mia condizione è di libertà, per scelta, e comporta una certa precarietà. Questo essere diventato un personaggio mi crea imbarazzo. La gente mi vede tra il dileggio e l’ammirazione, ma a me non interessa, credo solo di essere portatore di messaggi poetici e biblici”.

Dopo 4 anni e 7 mesi deve lasciare la casa, il famoso “grottino” di via Porto, nel centro storico. “Il mio ricordo di M.F. è colmo di gratitudine, ma devo lasciare quella casa che farà posto a un bed & breakfast. Nonostante la mia precarietà economica, prendo un assegno sociale, e sono disposto a pagare un affitto di 250 euro al mese per una nuova dimora. Ovvio che sarò sempre corretto, come lo sono sempre stato, nei pagamenti. Cerco stabilità, ma la mia vita non cambia, ci tengo a consolidare il mio carattere di flâneur, quello spirito libero e apparentemente sfaccendato, ma in realtà altruista, perché sostenuto da una serietà interiore e lontani dal nichilismo consumistico. Io sono un anarcoide non un anarchico”.

Guido raccoglie le confidenze di molti polignanesi e passanti. Indaghiamo e scopriamo che “ci sono molti polignanesi infelici - rivela - che vorrebbero sentirsi più liberi”. Chi sono? “Per la maggior parte si tratta di professionisti, commerciali, insospettabili, quasi tutti proiettati sul loro campo, e che vorrebbero staccare la spina. Consiglio loro di non intraprendere totalmente questa mia condizione di vita, ma di avere la forza di sospendere anche a discapito di sicuri e ulteriori guadagni”.


Per aiutare Guido, contattate i seguenti numeri: 

3403874195

3333309198

ezio guido lupori foto di nicola teofilo

 

Commenti  

 
#6 bha 2014-04-15 22:52
simpatia per il personaggio ma zero stima per la persona, lo conosco dal 97 o 98.
 
 
#5 paul rider 2014-04-13 22:10
Guido un lettore assiduo, una cultura letteraria notevole. Le sue passioni il sociale, il mare e la lettura. Un personaggio vero.
 
 
#4 pau 2014-04-13 14:31
Guido un lettore attento, dotato di una vastissima cultura letteraria. Grande Guido.
 
 
#3 primaditutto 2014-04-13 14:02
Prima di tutto, dite al proprietario del cartellone pubblicitario che fa da sfondo alla foto di cui sopra che non può occultare l'epigrafe della via incisa a nome di Giovanni Pascoli. Tale infrazione, come da segnalazione e come da esposto, fu sanzionata dalla Polizia Municipale eppure nulla si è fatto per il ripristino dello stato dei luoghi. Egregio Comandante della PM, prego si voglia far rispettare la Legge. Grazie. Anche in rispetto di Guido, che tanto ha fatto per Polignano.
 
 
#2 Augusto Cerno 2014-04-12 19:03
Guido e' il mitico personaggio di polignano a Mare. Gli si potrebbe offrire un ruolo di guida turistica e anche un alloggio. Fare del bene non ha mai fatto male a nessuno.
 
 
#1 mimmo 2014-04-12 16:51
ciao Guido,polignanese doc
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI