Sabato 19 Gennaio 2019
   
Text Size

CRISI PATATE NOVELLE: COLELLA PROPONE CONSORZIO

articolo2polignano L’Assessore alle politiche agricole, Fabio Colella, ha proposto un’alternativa alla fiera della patata novella di Polignano, per fronteggiare la crisi che sta piegando il settore.
Ha riunito attorno a un tavolo produttori e agricoltori.
“Cosa può fare l’amministrazione per risolvere un problema che viene dal mercato globale, come quello dei prezzi?”. Si è domandato in apertura dei lavori. “Poi ho riflettuto sulle potenzialità di questo incontro e allora mi sono chiesto: la organizziamo o no la fiera della patata novella? Come si può organizzare la fiera di una cosa che non funziona? La verità è che la nostra patata non ha nome, non ha identità".

Serenella, fa notare Colella, è la patata di Bologna; ha un marchio, un nome che vale 1 milione e mezzo di euro in investimenti pubblicitari. "Allora, propongo di indirizzare il capitolo di spesa di 5 mila euro, destinati alla fiera, per un concorso a progetto per la promozione del nostro prodotto, perché questa strada che abbiamo percorso finora non porterà da nessuna parte”.

Colella propone un marchio, un consorzio. La fiera per il momento può attendere, anche perché di ripristinare la vecchia asta non se ne parla proprio.
“Siete disposti a consorziarvi per un progetto legato a un marchio? Mi aspetto le vostre proposte”. Così ha inaugurato il dibattito, che abbiamo il piacere di aprire ulteriormente sul nostro quotidiano.

Riportiamo alcuni interventi dei presenti in aula consiliare, stimolati dalle proposte avanzate dall’Assessore e dal Consigliere Dino Lamanna.

Secondo voi, qual è la soluzione? Quali proposte?


ANDREA DE GIRARDIS: "IO NON LE PIANTO PIU'!".
“Sono prezzi non dignitosi. Ci doveva essere un limite, sotto il quale non si può andare, così come sta facendo il Ministro per la questione latte. Non si può certamente legiferare sui dazi, non è possibile. Giriamo poi i supermercati di Polignano e scopriamo pure qui che i prezzi arrivano fino a 85 centesimi…è inaccettabile! Per le mele della Val di Non, hanno fatto un consorzio e ora c’è una persona sola che rappresenta tutti. Qui, invece le cooperative non vanno, sono spaccate. Inoltre, quest’anno abbiamo spiantato le patate quando non erano ancora mature. La patata di Bologna la possono tenere anche nelle cucine, la nostra no.
Poi, il produttore vuole fare a tutti i costi il commerciante e il commerciante produttore. E' sbagliato!
Trent’anni fa conferivo il mio prodotto a una cooperativa di Mola e mi trovai bene, fu la prima ad avere finanziamenti per i sacchetti in cellophane. A Polignano si lavorava male; bastavano appena due consorzi per risolvere i problemi. A questo punto, l’unica soluzione da prendere è quella di non piantarle più. Io, dal prossimo anno, non le pianto più!”.

DINO LAMANNA: "SIETE DESTINATI A SCOMPARIRE!".
Dura la reazione di Lamanna. “Siete destinati a scomparire se non vi unite. Abbiamo proposto un bando per il mercato ortofrutticolo, con area di stoccaggio, ma nessuno vi ha partecipato. Lavoriamo per il paese, ma tutti fate l’orecchio del mercante. Mettetevi insieme per investire. Siete destinati a scomparire – ripete più volte il Consigliere – Oggi siamo pochi, vi abbiamo dato la possibilità di avanzare proposte, dove sono gli altri? La globalizzazione è questa, la patata nostra è migliore, quindi dovevamo aumentare il prezzo. Pure voi dovrete investire e unirvi. Io ho lavorato coi napoletani, sono più attivi di voi; loro si prendono tutti i finanziamenti possibili”.

PRESIDENTE COOPERATIVA.
“Sicuramente l’asta non è una soluzione, non abbiamo più potere contrattuale. Non puoi vendere in quaranta giorni ciò che viene piantato con le macchinette in quattro mesi.
Non si può scaglionare: tenere al fresco queste patate richiede investimenti esagerati.
Prima, quando si toccava il fondo coi prezzi i produttori protestavano, organizzavano cortei, c’era più dignità. Ora, non più.

UN PRODUTTORE: REINTRODURRE I DAZI.
“Secondo me, bisogna disciplinare i quantitativi che vanno in Egitto, Marocco. In Africa comprano le patate e i fertilizzanti a prezzi politici. Perché non mettiamo i dazi?”.
Eppure, fa notare giustamente l’Assessore, in altri paesi riescono anche a prezzi più alti. Vedi Bologna.

AZIENDA ORTICULTORI.
“Voi, dell’amministrazione comunale, quanto avete speso per l’estate polignanese? 20-30 mila euro? Potrebbero andare  all’agricoltura!

GIANDOMENICO DI MOLA: "CONSORZIAMOCI!".
“La comunità europea da finanziamenti laddove esiste un consorzio, mentre per il singolo non ci sono più soldi. Servono nuove strategie di pianificazione di area vasta: OP, associazioni, consorzi che siano. Organizziamo un incontro per vedere se c’è un gruppo di ragazzi, anche di tre, quattro persone… l’importante è partire. Un incontro per capire come ci si associa, come si fa un consorzio”.

MANUELE: "NON C'E' MERCATO. SIAMO GIA' SCOMPARSI".
“L’errore di fondo è della comunità europea. Se ci sei sul mercato, o non ci sei è la stessa cosa. Cinquant’anni fa, da Polignano partivano vagoni interi di cetrioli. Ora non c’è più commercio”.

Commenti  

 
#6 Fermateli. 2015-03-01 18:41
Due ex ass.ri di Bovino, che, non certo x colpa di Bovino, non hanno brillato nel loro periodo amministrativo -uno fu anche sostituito prima della fine!, e, da allora, con una penosa giravolta, è divenuto grillino!- adesso, vorrebbero far sapere agli altri come si risolvono i problemi del paese e dell'agricoltura nazionale! Verrebbe da dire: Grazie abbiamo, il paese, già dato!
 
 
#5 Fabio Pellegrini 2015-02-27 17:38
a supporto del mio commento precedente inserisco alcuni link che trattano gli argomenti del trattato col Marocco e il trattato cosiddetto TTIP:
http://palermo.repubblica.it/cronaca/2012/02/17/news/arance_del_marocco_via_libera_della_ue_e_la_fine_dell_agricoltura_siciliana-30021591/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/02/26/commercio-mondiale-nel-ttip-legge-e-sovranita-pubblica-in-mano-ai-privati/1456209/
 
 
#4 Fabio Pellegrini 2015-02-27 17:31
Credo che le idee ci sono, purtroppo sono molto confuse, per poter agire nella giusta direzione ci vorrebbero: una predisposizione all'unità di intenti ( cosa non facile dalle nostre parti ); conoscenze tecniche nel predisporre un disciplinare di produzione che dovrebbe essere alla base di un marchio da attribuire ad un prodotto tipico ( affermare che ci vuole un marchio non è sufficiente); conoscenza dei mercati nazionali ed esteri nella loro organizzazione sia di vendita che di marketing; organizzarsi in un consorzio che dovrebbe essere slegato dai politici locali e non dalla politica ( questo lo affermo consapevole che la partita si gioca nell'ambito della Comunità Europea visto l'azione dei nostri politici europei a non tutelare e ad annientare i prodotti dell'agricoltura del sud Italia, ricordando a me stesso e a tutti voi il trattato stipulato a livello europeo col Marocco che nel luglio 2013 tra i 73 deputati italiani 22 votarono a favore di questi 22, 16 sono stati proprio del PD! Alcuni nomi?
Rita Borsellino – ASSENTE ; Sonia Alfano - ASSENTE; Vito Bonsignore (CT) – FAVOREVOLE; Sergio Cofferati – sindacalista – FAVOREVOLE; Debora Serracchiani – FAVOREVOLEdel PD). Un altro trattato è pronto ad essere stipulato con gli USA il famigerato TTIP, bisognerebbe indignarsi con chi voterà favorevole anche a questo accordo che affosserà ulteriormente la nostra agricoltura, stavolta ci sono molti parlamentari europei di Renzi e del PD speriamo che la vedono in maniera diversa dai predecessori).Un plauso a chi ancora crede nel recupero della nostra agricoltura ed ha organizzato questo dibattito, grazie Fabio Colella.
 
 
#3 Amanda 2015-02-26 20:47
Thanks for finally writing about >CRISI PATATE NOVELLE:
COLELLA PROPONE CONSORZIO
 
 
#2 de laurentis vincenzo 2010-01-18 22:02
volevo far notare una cosa principale al sig lamanna. è normale che le piccole medie imprese sono destinate a scomparire penso però che questo fatto avvenga solo a polignano. il problema secondo me è fare un pò piu di chiarezza sulle cose perchè sul problema della patata di polignano ormai si parla da anni è non si riesce a risolvere piu niente. proprio perche rischiamo di scomparire ormai ognuno tira il suo carro è pensa a se stesso. Il discorso ormai di essere tutti uniti è scomparso è svanito. la colpa è purtroppo della profonda crisi che sta attraversando il nostro settore. il commerciante non può avere il coltello sempre dalla parte del manico.in giunta non si fa altro chè parlare di altro non di agricoltura. caro assessore quando parliamo dobbiamo stare tutti uniti,non possiamo far vedere hai turisti solo cantanti è belle persone a polignano,coprendo proprio la faccia proprio come si fa con una cassa di patate.sotto è tutto marcio è la nostra realta cittadina è proprio questa.Cordiali saluti. Vincenzo De laurentis
 
 
#1 nicolateofilo 2009-07-01 21:26
Gentili amici, scusate l'incoveniente per i commenti.
Inserita la grafica nuova, che spero vi piaccia, è successo che sono spariti i commenti degli articoli sulla crisi patate, con le interessanti proposte, e altri.
Per leggere i commenti e gli articoli vecchi, e tutti gli articoli pubblicati da quando è iniziata l'avventura di Polignanoweb, basta cliccare sulla barrà menu della home page, sul tasto ARCHIVIO.
Grazie.
Buon pomeriggio.
nicola teofilo
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI