Domenica 21 Luglio 2019
   
Text Size

Parco dei Trulli, parla Andidero

parco dei trulli polignano a mare

Da "La Voce del Paese", in edicola dal 10 gennaio 2014.

 

 

La conferma: “Il progetto si farà e non sarà un condominio stile anni 70”

Sul nostro sito, Polignanoweb, abbiamo pubblicato in anteprima la delibera della giunta regionale Vendola, riguardante il famoso “Piano di Lottizzazione in Variante al PRG vigente. P.d.L. “Parco dei trulli con annesso campo da golf””. La delibera, approvata il 23 dicembre scorso, è stata pubblicata solo in queste ore, e dopo la diffusione sul nostro sito, è stata oggetto di dibattito e discussione su internet, tra favorevoli e contrari al piano di lottizzazione lungo uno dei tratti più affascinanti della costa polignanese, tra Cozze e Pietregea.

Questa settimana, in esclusiva per la voce del paese, abbiamo intervistato il figlio del proprietario di questa immensa e incontaminata area, dott. Vittorio Andidero.

Dando una lettura superficiale alle delibera regionale, notiamo che i volumi di cemento sono stati ridimensionati e spostati tutti a monte. A valle, invece, come avevamo anticipato mesi fa, scompare il campo da golf. Dunque, la domanda attuale è: l’impresa vale la spesa? L’imprenditore Andidero troverà conveniente realizzare l’opera, non più colossale come quella approvata in consiglio nel 2010?

“La delibera regionale – risponde Vittorio Andidero – è al vaglio, la stiamo studiando. Noi non abbiamo rinunciato al progetto, ma adesso la parola spetterà al consiglio comunale di Polignano. Il passaggio successivo sarà fondamentale.”

Andidero stigmatizza le polemiche sollevate dal mondo della politica locale e regionale. “Polignano deve dare uno scatto d’orgoglio – osserva – deve condividere con l’imprenditoria un progetto al vaglio da ben 4 anni! Ormai è sancito il fatto che la costa non sarà toccata, dunque non mi aspetto più polemiche o letture ostative. Più ambientalista di così non si può: Parco dei Trulli, così come sarà ora attualizzato, non costituisce più alcun pericolo per la tutela ambientale della costa. Gli ambientalisti hanno raggiunto tutti gli obiettivi politici possibili, dunque il resto ora non interessa più. Perché – spiega Andidero – tutte le volumetrie sono state spostate a monte e ridotte da 380mila a 100mila metri cubi. A valle sorgerà invece un parco naturale protetto, di natura privata, finalizzato alla balneazione, dove saranno recuperati tratturi, trulli e altro, realizzate piste ciclabili e altro ancora, mentre l’agricoltura tornerà ad avere un ruolo importante. Dunque al massimo della sostenibilità ambientale e imprenditoriale”.

“Parco dei Trulli a monte – assicura Andidero – non sarà un condominio stile anni ’70... anche perché il concetto stesso di proprietà è cambiato. Quella è un’esperienza che non vuole ripetere più nessuno a Polignano (vedi ex fabbrica del ghiaccio, ndr). Si tratterà di una ricettività mista (non come Pietregea, ndr): sarà un mix tra turistico e residenziale (che serve alla sostenibilità dell’intero progetto), da offrire ai migliori mercati, proprio come abbiamo fatto a Ugento. E poi, il turismo moderno è cambiato: un turista non compra villette se tutto il contesto non è organizzato, se non ci sono servizi o se l’intera area non è ben integrata.

Vedrete, sarà un progetto di serie A, al passo con il turismo moderno e integrato in un contesto di servizi. E poi, cosa cambia all’ambientalista se gli ospiti ci dormono come proprietari o turisti? Suvvia, basta con posizioni demagogiche o polemiche sterili… Andidero realizzerà il miglior progetto possibile a Polignano, per Polignano e per lo sviluppo turistico di questa Regione. La bandiera ambientalista credo abbia sventolato e abbia goduto di un buon vento.”

“Fra pochi mesi – ricorda Andidero – Polignano inaugurerà il porto, con annesso albergo. Il fatto che a pochi chilometri nasca un nuovo resort non può che far aumentare l’offerta turistica e i posti letto. Un fatto positivo per Polignano. Parco dei Trulli, con l’infrastruttura posto, il museo Pascali, il futuro piano delle coste, si inserisce in un piano di sviluppo socio-economico integrato. È una sfida che Polignano deve cogliere, nel pieno rispetto delle esigenze territoriali e imprenditoriali, perché vorrei ricordarlo, mio padre quei terreni non li ha avuti regalati. È un investimento che porterà benefici diffusi sul territorio”.

Dunque, la parola passa all’Amministrazione comunale. Non solo perché Parco dei Trulli deve passare la prova del consiglio, ma perché l’Amministrazione deve delle risposte urbanistiche alla città. Quanto aspetteremo per il Pug? Che ne sarà delle restanti aree turistico-alberghiere e dei piani di lottizzazione chiusi da anni nei cassetti? E, prendendo spunto dalle osservazioni di Andidero, come si intende pianificare l’intero sviluppo turistico del territorio (non solo polignanese)? Insomma, guardiamo oltre i singoli piani di lottizzazione. 

CLICCA QUI PER CONSULTARE LA DELIBERA REGIONALE E GLI ALTRI LINK DELLA STORIA

Commenti  

 
#23 francesca mongelli 2015-01-20 22:45
io non ci posso credere. possibile che non possa restare di tutti un posto così bello? io credo che migliaia di persone sarebbero disposte a salvare questo luogo. raccolta di firme? proteste? non può essere vero
 
 
#22 w i baschi 2014-01-23 17:38
ma Cuperlo non ha abbandonato la presidenza?
 
 
#21 Trium-Evirato 2014-01-23 15:09
Siccome sappiamo che il sindaco legge i nostri commenti gli porrei un quesito perché gentile autorità non risponde ai continui attacchi? Perché non prova a convincerci delle sue idee per Polignano? Perché non capisce che chi Le sta facendo perdere consensi sono i due marmittoni Lomelo e Colella? Perché assiste passivo alla mattanza di opinioni contrarie a Lei quando, forse i veri responsabili di questo harakiri sono gli altri due del Triumvirato? Forse ci sono grossi interessi? Un consiglio che viene dalla storia e da un amico tutti i triumvirati sono implosi sempre dall'interno e le lotte hanno sempre evirato il condottiero. Auguri Sindaco buona fine
 
 
#20 mah 2014-01-22 15:30
Come ricordato da altri commentatori, in giunta sono presenti anche degli agronomi, mi chiedo: come giustificano questa scelta ( quella di tagliare i lecci) fatta dai loro "colleghi" di Palazzo!?!?
 
 
#19 tre tre tre 2014-01-22 10:57
egregi signori spero solo che quando sarete chiamati a discutere in Cons. Com. della variante "parco dei Grulli" i grulli sarebbero i cittadini di Polignano, voi siate con la coscienza a posto e vi ricordiate delle "TA1 e TA2" che giacciono li!!! ormai da anni e mentre i proprietari sono costretti a pagare le tasse e per farlo rinunciano ad altro, e mentre i loro figli invecchiano senza poter lavorare, voi date la possibilità a questi proprietari di poter scegliere la via del Turismo e degli imprenditori seri del settore, purtroppo le leggi fasulle che da anni hanno bloccato questo meraviglioso paese(pensate che se le leggi attuali esistevano già nel 500 ,Polignano non sarebbe così , come altre località ancora più famose, come VENEZIA , POSITANO ,CINQUE TERRE E TUTTE LE ALTRE REALIZZATE ALL'EPOCA E CHE ORA , grazie alle Leggi imposte dallo stato e dalle regioni, oggi non sono realizzabili, altro che 300 mt dal mare!! ...la soluzione! lottate per le cose in cui credete e se pensate che l'uomo è capace soltanto di abusivismo vi sbagliate, immaginate una Polignano dove la realizzazione di strutture ricettive di qualsiasi genere , continui nel tempo oggi come allora con edificato coraggioso e spavaldo di affrontare le onde del mare dove l'abilità dell'uomo architetto naturale , si sposa in una poesia costruttiva .... ma quali 300 mt !!
 
 
#18 Fermatevi 2014-01-19 23:43
x commento 16
concordo con quanto detto da Pamela, e soprattutto penso che a loro diano, molto, fastidio i nostri commenti che partono dal basso, dal popolo, dalla gente comune che non ne può più. Anche perchè con qualche parola scritta per bene si riesce dove noi elettori non eravamo riusciti durante le elezioni, cioè a capire di che pasta sono fatti. In termini politici sono un'armata Brancaleone vestiti di tutto punto ma con le armi spuntate. Non fanno paura a nessuno. Con la piazza state combinando una eresia, avete spiantato tutti i lecci; se i vostri avi riuscissero a vedervi si starebbero rivoltando nelle tombe. Andate su Facebook e leggete i commenti di professori di università di lega ambiente e di persone qualificate cosa pensano di voi. Anche Monopoli, Noci ed altri paesi hanno rifatto il look alle loro piazze, ma nessuno ha mai pensato di sdradicare i lecci che contornavano le piazze. Ma chi siete voi per arrogarvi il diritto di fare queste cose. La cosa strana è che nella vostra giunta ci sono due agronomi, un preside di scuola secondaria che si sono appiattiti al sapere di Colella e di chi come lui comanda questo paese. FERMATEVI
 
 
#17 Pamela 2014-01-19 18:52
commento 16
Tranquillo amico, non siamo noi cittadini che non si deve sbagliare, sono loro, i politici, che devono aver paura di farlo, i conti si fanno alla fine. Questa amministrazione ha perso tutti i ricorsi al Tar al momento opportuno, se si comporteranno in maniera non irreprensibile saranno attanagliati dalle denunce di gente che non ha paura, tanto parleranno le carte. Non siamo mica in un regime.
 
 
#16 u surd i lu chet 2014-01-18 23:14
Seguirvi stando in disparte ed attento ai messaggi trasversali che vi inviate è utile ed anche piacevole passatempo! Però, per i tanti commentatori che si rincorrono ed inseguono, pensando e credendo che il potere del momento è spaventato, svegliatevi illusi e poveri cristi. Il vostro blaterare non fa loro paura, anzi li fa stare tranquilli! I politicanti e gli scaltri affaristi, delle occasioni che si presentano, temono solo le inchieste serie della Procura penale! Quindi non paventatele, come armi di ricatto, le denunce che dite di voler fare! Fatele! Altrimenti è molto scoperto il vostro poco dignitoso gioco ricattatorio.
 
 
#15 x nocellaio 2014-01-18 19:32
Signor nocellaio secondo te si approvano gli atti se sei amico di uno o dell'altro o perchè esiste la certezza del diritto? Bovino o no, Vitto o No noi siamo proprietari e vogliamo essere trattati alla stessa maniera dei baresi raccomandati. L'unico sistema per risolvere questa situazione è che il sindaco vada in Regione a gridare e a far sentire le ragioni dei polignanesi anche in termini di sviluppo. Ma Vitto è un Pavido e siccome ci sono i veti di Colella non lo farà mai. Tanto vedremo chi voterà in Consiglio Comunale Parco dei Trulli, penso che se ci sarà un trattamento differente, purtroppo dovrà intervenire la Procura della Repubblica.
 
 
#14 nocellaio 2014-01-18 17:32
Chi è causa del suo mal pianga se stesso...
Tutti i proprietarei della TA 1 sono tutti
Boviniani colui il quale ha approvato la
delibera di parco dei trulli, è proprio il
caso di dire chi semina vento raccoglie
tempesta. Vitto ha ereditato questa matassa
ma, la scioglierà nel migliore dei modi.
 
 
#13 aldo sportelli 2014-01-18 16:16
ORMAI I CANOVACCI DI SOSTEGNO AL PROGETTO, A FILI RIGOROSAMENTE INCROCIATI,SEMBRANO GIA' TESSUTI NONOSTANTE CHE LE VARIANTI PRIVATISTICHE SIANO CONTRO LEGGE (a maggior ragione con un prg in odore, ops puzza,di irregolarità). Non si ha più orgoglio di niente, neppure delle proprie idee ed azioni espresse sul tema quando fu proposto dagli avversari politici. E' tutto giustificato il sorriso sornione dei politicanti lungomilitanti negli schieramenti presenti in consiglio e lo sfregar di mani dei new entry. E' vist? l'amministrazioun funzioun!
 
 
#12 amà votè u Grllein 2014-01-18 14:14
Stavo leggendo un èp'di commenti, poichè sono uno dei proprietari di un terreno ubicato a Polignano di fronte a Chiar di Luna (più sopra) che ha votato come Sindaco Vitto e come onsigliere comunale la dottoressa Lofano, vorrei chiedere a questi signori, ma perchè avete tanto odio per la nostra zona TA1, sarà perchè tra i proprietari c'è qualche Vs avversario politico? Se è così siamo a livelli bassi bassi perchè la politica è spirito di servizio e poi siccome ci sono tante persone normali tra i proprietari perchè non la avete approvato? Ai potenti di turno non fate nessun torto perchè si rifaranno da qualche altra parte, ma a noi che avevamo sto terreno come salvadanaio ci avete fatto un danno grosso quanto una casa. Il danno lo avete fatto al paese perchè gli alberghi a 7-8 chilometri dal paese non servono a niente, ci volevano gli alberghi in città. Io sono un'umile cittadino, che s scusa per il mio italino, ma il danno è assai. A pross'm Voot vu sc'rdet ca sceem a votè pi vou, am'à votè u Gr'llein.
 
 
#11 Zitti parla Andidero 2014-01-18 09:48
Zitti Parla Andidero ............... e che ha detto? ha dipinto un mondo di favole da buon surrealista ma in definitiva riprodurrà una nuova area residenziale, altro che alberghi. All'uopo vi cito una definizione di surrealismo: "Il surrealismo è un automatismo psichico, ovvero quel processo in cui l'inconscio, quella parte di noi che emerge durante i sogni, emerge anche quando siamo svegli e ci permette di associare libere parole, pensieri e immagini senza freni inibitori e scopi preordinati". Mi pare calzi a pennello.
 
 
#10 SILENZI ASSORDANTI 2014-01-18 09:39
Propongo di fare una colletta noi polignanesi e acquistare il terreno di questo signore. Se lo facessimo allora veramente ci sarebbe l'interesse pubblico per fare approvare la variante al PRG, solo che ne faremmo solo un parco attrezzato. Gli alberghi li vogliamo vicino a Polignano che ce ne facciamo a dieci chilometri dal nostro centro abitato? Ma poi come fa a parlare Andidero di alberghi quando trattasi di villette di cui questa amministrazione prima si stracciava le vesti ed oggi primeggia per SILENZI ASSORDANTI ricolmi di colpevole complicità? Vitto dicci cosa pensi su Parco Dei Trulli
 
 
#9 Caro Vittorio 2014-01-17 17:38
Sig. Andidero puoi ridurre tutto ciò che vuoi ma se a Polignano i politici locali non fanno gli interessi dei polignanesi difficilmente il tuo progetto sarà approvato tra gli ulivi millenari ed i trulli figli della nostra cultura contadina. luoghi in cui tu ci farai le residenze di avventori che nulla avranno a che fare con i polignanesi. In verità gli unici elementi con cui interagiremo noi polignanesi saranno gli escrementi che saranno convogliati nel nostro depuratore. Pertanto Sig. Andidero Tu venderai a qualche società straniera che realizzerà e venderà a piccoli proprietari che non vedremo mai. Qual è l'interesse pubblico per approvare la variante di Piano Regolatore?
 
 
#8 Andidero si Ta1 no 2014-01-17 15:39
Se non sbaglio il sig Vitto assieme alla coalizione di sinistra che governava Polignano nel 2005 approvò il progetto Mabar poi Fimco di fronte al Porto sempre di proprietà Andidero. Sindaco ma questo Andidero ha qualcosa di speciale che noi poligenesi non abbiamo? Perché Ta1 no e parco dei trulli si?
 
 
#7 aldo sportelli 2014-01-17 14:55
Il sordo peggiore è quello che non vuole ascoltare. Il PRG approvato nel 2005 e tuttora vigente è in nauseabondo odore di illegittimità mai voluta verificare da Comune e Regione, in quanto pare che "non abbia regolamentato tutte le zone omogenee in esso perimetrate" e come tale "tutto da ingessare". Leggete e approfondite la relazione che il commissario prefettizio ottenne - con incarico alla luce del sole e pagato dalla nostra collettività - da un legale esperto di diritto urbanistico,e trasferì per le decisioni conseguenti al Sindaco che succedette al suo mandato ma che fu disatteso per dar luogo ad una relazione contrapposta ad promovenda che acriticamente controdeduceva quella commissariale. Se quella relazione dovesse avere fondamento giuridico tutto ciò che esprime quel piano regolatore è privo di efficacia giuridica e nulle sarebbero le lottizzazioni ed a maggior ragione le pretestuose varianti approvate da un organo che qualche anno fa avrebbe erogato un finanziamento al privato esecutore di ben 9 milioni di € un pò di mesi addietro e sul quale occorrerebbe riflettere a fondo. Gli interventi dei proprietari sono scontatamente doverosi, perchè è giusto che ognuno porti acqua al suo mulino, sta di fatto però che le pale dei mulini finiranno per stritolare gli interessi del territorio di Polignano e dei polignanesi che farebbero bene, più che lamentarsi, a bussare alle porte degli addetti alle decisioni.
 
 
#6 costernato 2014-01-17 14:17
#1 ARRABBIATO 2014-01-17 08:32
#3 CINQUE STELLE 2014-01-17 08:41
#5 Perchè sig. Sindaco? 2014-01-17 11:31 #24 UN EX ELETTORE 2014-01-16 09:01
#20 IN CORO 2014-01-15 11:41
#6 Ca nisciun è fess 2014-01-08 17:09
In verità il Sig. Sindaco forse non era contrario all'approvazione del Comparto TA/1, forse perchè intelligentemente avrebbe voluto approvare entrambi i progetti cioè sia la TA/1 che Parco dei Trulli. Però c'è stato il celato veto di un vecchio consigliere e poi il nulla.
Poi è venuta l'euforia per l'accordo stretto tra il Triumvirato e si è chiuso il cerchio col vincolo che chi doveva apparire sarebbe dovuto essere Lomelo. Sig. Sindaco però la faccia l'ha messa Lei ugualmente, mentre altri mettevano e mettono veti e incidono a mezzo di forzature. Con la conseguenza che Lei da essere considerato un po' da tutti il Futuro politico di Polignano, probabilmente la realtà la riporterà a rifare e spero per Lei bene l'esportatore cioè il suo mestiere e basta. A nostro avviso Lei si è fatto sfilare dalle mani un gioiellino di giocattolo da vecchi della politica presuntuosi arroganti e ricchi di rancore che hanno fatto in modo, distruggendola, che Lei non fosse il sindaco della CITTA' ma il bambolotto messo li per fare da controfigura ai loro rancori e desideri. Politici vecchi che da quarant'anni galleggiano, come sostanze organiche, nel nulla da loro creato. Domenico Vitto sinceramente ci dispiace per te, meritavi di più ma chi va con lo zoppo impara a zoppicare!!!!!
 
 
#5 Perchè sig. Sindaco? 2014-01-17 11:31
non può non commentarsi questo articolo.
In primis vorrei ricordare che il dott. Vittorio Andidero è il figlio dell'ormai defunto Mimì Andidero, il quale negli anni '70 e '80 ha costruito le sue fortune anche occupandosi di appalti alla Provincia di Bari, con la conseguenza che fu coinvolto pesantemente nello scandalo delle tangenti alla provincia di Bari degli anni '80. Pertanto approvare ad Andidero un progetto in variante al Piano Regolatore ci sembra una forzatura, non conosciamo i metodi del giovane Andidero, e riteniamo che non possano essere simili a quelli adottati in passato dai suoi familiari, però perché il sig. Andidero non realizza quanto approvato negli anni 90 a mezzo di Accordo di programma? Perché bisogna far realizzare villette adibite alla residenza quando la destinazione dell'area era di natura turistica alberghiera? Perché i Piani di lottizzazione dei cittadini polignanesi rimangono nel cassetto? Perché non è stato approvato il comparto TA/1 in quanto si paventavano cambi di destinazione d'uso da turistico alberghieri a residenze, quando di fatto viene acconsentito al progetto del Sig. Andidero? Perché l'UTC del Comune di Polignano aveva rilasciato il suo parere positivo nella primavera del 2013 per l'adozione del Comparto TA/1 e quindi era pronto per essere adottato e non è stato fatto?
Perchè sig. Sindaco perché? Perchè? Perchè? Perchè? ...... Le proposte possono anche essere non accoglibili ma bisognerebbe avere la capacità di dare delle risposte e soprattutto avere atteggiamenti simili e coerenti con tutti e soprattutto con i Tuoi cittadini che ti hanno votato. Andidero ha già avuto tanto con l'approvazione del progetto di fronte al Porto. Sindsco pensa un po' anche ai tuoi concittadini e meno agli imprenditori baresi.
 
 
#4 zaza 2014-01-17 10:56
e tutte le prescrizioni della regione che sono focacce fritte?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI