Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

Segati i pini del parco. Proteste: "Cancellata la storia"

parco giochi polignano alberi segati

Le proteste: "50 anni di storia buttati"


ECCO LA VERA STORIA:

Gli alberi donati, il concorso in radio, la raccolta fondi dei cittadini

Tutto questo cancellato con una sega elettrica

 

Come vi abbiamo anticipato su “La Voce del Paese”, in edicola da giovedì 28 novembre, stamani sono stati segati gli alberi di pino che circondano il campo da bocce al parco giochi “Pinocchio” di Polignano.

“50 anni di storia buttati al vento!”. Questa la reazione di alcuni frequentatori. “Ci scusi, ma cosa stanno facendo?” – ci domanda un passante mentre scattiamo foto. “Un campetto di calcio…”. “Ma come si fa? Polignano ha bisogno di più verde. Il campo da calcio è a pochi metri da qui… roba da matti” – risponde lapidario.

Intanto, ieri su La Voce del Paese abbiamo raccontato la storia di questi alberi e del parco “Pinocchio”. Segue l’articolo con l'esclusivo racconto, in basso, dopo la galleria foto.

 

LA STORIA IN ESCLUSIVA SU LA VOCE DEL PAESE

 

Assessou! Fatte acchiè a lu parco gioche!

In piazza è un pianto, al parco giochi è un altro mezzo pianto. Dunque, sarà un Natale da piangere. I cantieri avviati in piazza Moro e la chiusura di metà parco giochi non piacciono a tutti. Se ne è discusso pure in consiglio comunale. Le famiglie non sanno dove far divertire i propri piccoli, tanto che Villa Anthos ha donato i gonfiabili montati sulla pista di pattinaggio del parco giochi Pinocchio, chiuso per metà dai cantieri. Intanto, alcuni cittadini sono sul piede di guerra per la notizia imminente circa l’espianto di tre pini, e la realizzazione di un campetto di calcio a pochi metri di distanza dall’impianto del “Mariano Siesto”, che andrebbe invece sistemato, più che coperto dalla tribuna. Che senso ha fare un altro campetto, quando c’è un impianto abbandonato a pochi metri di distanza? Non si sa. Contro l’espianto degli alberi, Giulio Mazzone è pronto a dare battaglia.

Un vecchietto, solo e soletto al parco, ci racconta storie e leggende di questo parco giochi, realizzato non tanto per merito di politici, ma per questue e raccolte fondi dei residenti.

I primi amori e le leggende. Quest’area era abbandonata. Cinquant’anni fa, fu acquistata con l’intento di farne case popolari. Poi, vennero meno gli accordi nella Democrazia Cristiana e diventò “U fonde” (dal polignanese, il fondo, un terreno). “Quando tra bisticci e stupide vendette tra ragazzini – racconta il nonno – si doveva prendere a botte qualcuno, ci si dava appuntamento qui. Tanto che era consuetudine dire: “Fatte acchiè mmînze u fonde!”.

È rimasta un’area incolta per tanti anni, sennonché nei primi ’70 si realizzo la prima parte, quella di via Del Drago. Nella seconda parte, quella dove sorse il campetto da bocce, giocavamo a calcio. La prima parte fu risagomata per adattarla al parcheggio camion del magazzino adiacente. Un bel mattino, ci svegliammo e trovammo i trattori all’opera, che aravano il terreno per pintumare i pini. Scoprimmo che alla famosa trasmissione radiofonica di Rai Radio 1, condotta da Maurizio Costanzo, “Chiamate Roma 3131”, un gruppo di polignanesi prese la linea e confidò il sogno che si voleva vedere realizzato: un po’ di verde pubblico al parco. Così, dopo gli alberi nella prima parte, arrivarono i pini nella seconda parte. A questi si aggiunsero gli alberi donati dalla Forestale, vicino al campo di bocce e che ora l’amministrazione vuole estirpare. Fu realizzata la fontana (oggi solo fioriera) e poi si venne a sapere che ce n’era una gemella, finita nella villa di qualche straccione della politica. La fontana fu spenta negli anni, perché nessuno si è preso mai cura del parco, finché non è arrivata finalmente una gestione seria come quella attuale.”

La fontana, ci racconta il nonnetto, era la scenografia preferita dagli sposi, che venivano fin da Bari per scattare foto ricordo. Quando fu completata la seconda parte del parco, cambiò anche la destinazione d’uso: da ring per darsele di santa ragione, si trasformò in rifugio d’amore per le giovani coppie che si scambiavano il primo bacio. Tanto che la consueta minaccia, si fece più pacifica, e così si diceva: “Fatte acchié a lu parco gioche!”.

E con questo spirito, pacifico, che oggi invitiamo l’assessore a fare visita, più spesso, in questo teatro delle contraddizioni: da un lato c’è chi trova rifugio e verde, c’è anche tanto disagio e voglia di rinascita, dall’altro c’è che è l’unico polmone verde della città. Ci sono anche giovani a rischio alcool e droga, lo abbiamo denunciato la settimana scorsa.

Ma ci sono anche le badanti del nord, abituate al rispetto dell’ambiente, e che si ritrovano qui, ogni giovedì e ogni domenica (unici momenti di giornata libera), per scattare foto o consumare un pic nic all’aria aperta. Lo scorso anno una coppia di sposi monopolitani ha scattato la foto ricordo alle spalle della fioriera (ex fontana) per il secondo matrimonio, memori forse delle tradizioni passate. Ci domandiamo cosa ne pensano i Verdi dell’espianto di alberi? Politici e amministratori devono viverlo il parco, e non solo decidere stando seduti sulle comode poltrone. 

Commenti  

 
#28 Ma va là 2013-12-26 23:39
X fuori sede: Ti sei messo a fare la morale agli altri anonimi senza aver detto tu chi sei? Stendiamo un velo più che pietoso sulla difesa d'ufficio di legambiente di Polignano che starebbe facendo qualcosa! Se ci dici cosa, saremo più tranquilli. Il tuo comm.to nasconde male la tua appartenenza a legambiente(?!).
 
 
#27 ancora calcio 2013-12-26 22:29
l'ennesimo campo di calcio! perché neanche un campetto di basket?? c'è già a poche decine di metri un altro campo da calcetto...
 
 
#26 gigi 2013-12-03 19:15
Due quesiti:
Il campetto di calcio sarà a libero utilizzo o a pagamento?
Perchè lega ambiente è interventuta in modo soft?
Datevi da soli le risposte e capirete cosa c'è dietro.
 
 
#25 gozzo portocavallo 2013-12-02 13:34
di fatti ho ancora il gozzo sequestrato dalla capitaneria per ormeggio abusivo a porto cavallo intervenuti dopo denuncia del wwf spinti da un pezzo grosso e da un politicante residente li pero il cemento e gli accessi abusivi non li vedono i cari lega ambiente wwf e tanti altri
 
 
#24 Fuori sede 2013-12-02 09:51
Come al solito noi cittadini polignanesi preferiamo parlare tanto e agire poco… Stiamo assistendo all’ennesimo scempio ambientale nel nostro paese da parte della NOSTRA AMMINISTRAZIONE e l’unica cosa che siamo in grado di fare è scrivere qualcosa su internet e cercare qualcuno che faccia per noi qualcosa…
SIAMO RIDICOLI.
Non voglio difendere i ragazzi di Legambiente, perché conoscendoli, sono convinto che si sono mossi, non con semplici articoli “tanto per far sentire la propria voce”, ma con qualcosa di più concreto.
Il vero problema è che tutti preferiamo nasconderci dietro questi semplici nickname e non assumerci personalmente le responsabilità di difendere i nostri diritti e difendere la nostra città. Perché? Forse non siamo liberi di farlo? O semplicemente è più comodo stare a casa e trascorrere le serate su internet per passare il tempo, invece di fare qualcosa di concreto per il nostro paese?
Tanto ci sono altri che pensano e agiscono e si assumo le responsabilità di cittadini per noi!!! Vero?
Credo che sia giunto il momento di cambiare modo di vedere le cose e iniziare a comportarci da cittadini attivi e non semplici spettatore di uno spettacolo che porterà alla distruzione del nostro paese.
Vorrei ricordare a tutti, inoltre, che la cosa più grave in tutto questo è che la nostra città è anche governata da un partito ecologista, I VERDI, che hanno avvallato questo ennesimo scempio ambientale, visto che si tratto di un’opera pubblica, con tanto di progetto presentato, finanziato e approvato.
 
 
#23 Ma va là 2013-12-01 19:35
I cosidettì legambientalisti, "fanno i fessi per non andare in guerra". I fatti: sempre pronti ad essere servi sciocchi del potere (Di Giorgio, Bovino e Vitto). In cambio ricevono contributi per pulire qualche spiaggia e tanta promozione di contorno, locale tutto spesato nel Parco giochi, ecc.! Gli alberi tagliati non li vedono e comunque son silenti anche quando questo avviene a lato del locale che occupano.
 
 
#22 x commento 21 2013-12-01 18:28
Non ti conosco, ma per come scrivi devi essere una brava persona, anche abbastanza ingenua. Non esiste un piccolo circolo,esiste Lega ambiente che è composta da tanti circoli. La potentissima Legambiente che fa tremare i polsi a tutti con le proprie denunce. Signor Franceco è sufficiente mandare una mail con foto e denunciare. Ci vuole poco...se si vuole...
 
 
#21 simone francesco 2013-12-01 10:50
x19 non voglio fare la morale a nessuno.....ma di certo non saremo noi piccolo circolo a contrastare quello che decidono i nostri amministratori, ma intanto continuate a tirarci in ballo....troppo comodo per tutti !!!!!
 
 
#20 juan 2013-11-30 22:45
Non capisco a cosa serve un campo di calcetto, quando c'è ne già uno comunale a 20 metri, bòòòòòòò.....
 
 
#19 xfrancesco simone 2013-11-30 19:35
Mi dici, a parte i quintali di copertoni raccolti, cosa ha fatto Legambiente a Polignano? Sempre in silenzio. Possibile che non riuscite a vedere oltre i copertoni? Non una parola sulle case e sui magazzini costruiti sulle lame. E la pulizia dei canali? E il porto? Il cemento sulla costa? E gli alberi tagliati in piazza Spadolini?
E tu vieni a farci pure la morale.
 
 
#18 GianniG 2013-11-30 16:56
mi fate capire perchè vi lamentate sempre delle cose quando accadono?? Vi ricordo che c'è un progetto, presentato da dei professionisti e poi approvato con tanto di delibera e finanziamento, anch'esso con tanto di delibera...se tanto ci tenevate al parco giochi e ai suoi alberi perchè nn lo avete visionato ed eventualmente opposti??? E' un opera pubblica e sicuramente c'è stato un periodo di pubblicazione presso gli uffici competenti...
E poi non prendetevela sempre con gli amministratori...sono li perchè forse noi stessi gli abbiamo votati, non puo sempre essere colpa degli altri se le cose non vanno bene...assumiamoci le nostre responsabilità....
 
 
#17 Cittadina arrabbiata 2013-11-30 16:43
Per produrre UNA TONNELLATA di
carta da cellulosa vergine
occorrono:
15 alberi
440.000 litri d’acqua
7.600 kWh di energia elettrica:(
Per produrre UNA TONNELLATA di
carta riciclata
invece
bastano:
0 alberi
1.800 litri d’acqua
2.700 kWh di energia elettrica:)
Chiedo a questa gentaglia che ci "governa": A cosa serve la raccolta differenziata??!!
Vergogna. Vergogna. Vergogna.
 
 
#16 anonimo 2013-11-30 14:26
Penso che la Legambiente si stia impegnando su questo
e che tra poco invieranno segnalazioni ma purtroppo dobbiamo
dare la colpa al nostr sindaco
 
 
#15 simone francesco 2013-11-30 14:11
tutti pronti a puntare il dito sul circolo hippocampus .....bravi tutti sapete fare solo questo e niente di più.....il classico polignanese doc. pronto a lanciare la pietra e nascondere la mano......non dimenticate che il sindaco lo abbiamo votato noi ......cittadini di polignano !!!!!!comunque caro giacomo devi sapere che di copertoni ne abbiamo almeno 3 tonnellate in mare.....dovessero servirti.....e non certo li tirerà fuori la tua amministrazione .
simone francesco socio legambiente
 
 
#14 vieniviaconme 2013-11-30 13:13
Provo tanta vergogna che non trovo le parole per farvi capire il danno che avete prodotto e l'esempio che avete dato.Un consiglio andate a casa fareste meno danni.
 
 
#13 belin 2013-11-30 12:22
quando un uomo taglia un albero mi viene una stretta al cuore
 
 
#12 INNOMINATO 2013-11-30 08:45
Guardate quale CONTRADDIZIONE distingue questa maggioranza fatta anche da :pseudo-ECOLOGISTI, pseudo-VERDI, pseudo-AMBIENTALISTI, i quali sono attenti alla RACCOLTA differenziata della carta, per il salvataggio di...tot alberi...in compenso gli alberi li fanno ABBATTERE ...LORO, COMPLIMENTI A TUTTI....
 
 
#11 Calciatore 2013-11-30 08:10
Sempre e solo calcio , come se esistesse solo quello ,una piscina dovevano fare ,e anche quella e' diventata un campo di calcio . Perche' non spianano il comune ,sai li quanti campi di calcetto vengono .
 
 
#10 m. 2013-11-30 01:06
a questo punto io invierei il sig. Abete di striscia con pigna e messaggio....se l'ambiente volevate tutelare, dopo questo atto ve ne potete andare....i cittadini hanno il diritto di respirare e mi dispiace perchè tutto ciò dovranno denunciare...
 
 
#9 onofrio torres 2013-11-29 23:37
NCREDIBILE stanno abbattendo gli alberi del Parco Giochi Pinocchio alle spalle dell'ufficio di Lega Ambiente, nessuno che protesta e sopratutto l'ecologista che siede in maggioranza ha autorizzato tutto questo, , , alla faccia dell'amministrazione Bovino che era una amministrazione del cemento. Complimenti Vitto sei unico....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI