Giovedì 27 Giugno 2019
   
Text Size

Cosa si nasconde dietro il bando rifiuti?

rifiuti-cassonetti-polignano -_Copia

 

Le strane dimissioni del membro della Commissione

 

E’ questo ciò che si chiede la cittadinanza, il perché del tanto ritardo dell'apertura finale delle buste per l'aggiudicazione della gara sui rifiuti solidi urbani, con dimissioni ultime del membro della Commissione giudicatrice.

Ricordiamo che il bando è stato pubblicato il 19 dicembre 2011, con le linee guida dettate dall'ex amministrazione Bovino. Ma la storia del bando è stata da sempre oggetto di molte discussioni, che vedeva schierata da una parte la vecchia amministrazione e dall'altra l'opposizione oggi maggioranza in consiglio comunale. Ricordiamo, inoltre, che l'ex opposizione, nel febbraio 2011 aveva chiesto, con molto ritardo, la sospensione del bando, pur sapendo che questa non sarebbe mai avvenuta.

Il giorno 7 settembre si sarebbe posto fine a questa baraonda e oggi sapremmo con chiarezza chi delle quattro ditte partecipanti (L’Avvenire; Tradeco; Medusa; Teknoservice) avrebbe, dal giorno 1 ottobre prossimo, intrapreso questo cammino tortuoso nel nostro paese.


I FATTI RECENTI - Ma facciamo un passo indietro: circa quindici giorni fa, un consigliere di maggioranza, a microfoni accesi ha dichiarato di aver depositato un esposto-denuncia al Comando dei vigili, perché a suo dire il paese è sporco. Si, avete capito bene, un consigliere di maggioranza, in quota Sel, che dovrebbe cercare di lavare i “cassonetti” (e il caso di dirlo), in casa propria. Questa mossa è sembrata, agli occhi di alcuni consiglieri, sleale nei confronti delle sua stessa amministrazione o quantomeno sospetta: ci siamo chiesti il perché.

Per prima cosa, il paese certamente non è splendido e splendente, lo testimoniano decine e decine di fotoreportage e denunce pubblicate sul nostro giornale e sul nostro sito www.PolignanoWeb.it, tuttavia bisogna dire anche che la ditta attuale è in regime di ordinanza sindacale contingibile e urgente e, si sa, con esso sono garantiti solo i servizi minimi essenziali, e questo un consigliere dovrebbe saperlo.

Altro dato è che la Teknoservice, la ditta che si occuperà fino al prossimo 30 settembre del servizio (salvo altra ennesima proroga) si è comunque prestata e, difatti, quando è stata richiamata dall'assessore al ramo, Daniele Simone per espletare dei servizi urgenti extra (vedi lavaggio del ponte, tirata a lucido del centro storico e di piazza Trinità e pulizia cassonetti) non si è tirata indietro: tutte le richieste sono state eseguite, anche se, ricordiamo, non sono un vincolo obbligatorio per l’azienda. Ritornando al consigliere Mancini, alcuni sono convinti che la sua azione sia stata più che altro personale, ma nei confronti di chi?

RICAPITOLIAMO – Il 7 settembre doveva concludersi la procedura di aggiudicazione della gara di appalto, ciò però non si è verificato. Poi è successo ciò che avevamo già previsto nel numero de “La Voce del Paese” di giovedì scorso: il membro della commissione giudicatrice chiamata a valuteare le offerte per la nuova gara rifiuti, ing. Salvatore Mastrolillo ha rassegnato le sue dimissioni.

L’apertura delle buste, dunque, si è definitivamente arenata dopo la nota legale della Cooperativa “L’Avvenire”, una delle quattro concorrenti. Stando al ricorso presentato da “L’Avvenire”, per una delle quattro ditte partecipanti sarebbe stata accettata la visura camerale al posto del certificato della camera di commercio con dicitura antimafia. Così, l’amministrazione ha chiesto un parere all’Autorità di Vigilanza.

Ci sembra alquanto strano. Consentiteci di osservare che se anche così fosse, si sarebbe potuto comunque optare per le aperture delle buste e nel caso la ditta vincitrice fosse stata quella che non ha prodotto parte della documentazione (certificato animafia) in tempo utile, si poteva dare un intervallo di quindici giorni per presentarla e, in caso contrario, la gara sarebbe stata vinta dalla seconda ditta qualificata in graduatoria, in base al punteggio raggiunto.

Cosa comporterebbe un ulteriore ritardo per le tasche dei cittadini?
La ditta attualmente in servizio, per legge potrebbe richiedere un aumento del canone. Quindi prima si procedarà a concludere questa gara e meglio sarà per tutti.

Commenti  

 
#11 woman 2012-09-22 20:08
lavare i cassonetti in casa propria, ossia i panni sporchi si lavano in casa... e tanto ci vuole a capire....
 
 
#10 Vito Carrieri 2012-09-20 01:52
Gentile Redazione

vi scrivo dopo aver letto attentamente il vs Articolo. Premesso di avere in generale stima nei confronti di chi scrive ed accettare qualsiasi critica che sia costruttiva (non DISTRUTTIVA!!)sento però il dovere di chiedervi delucidazioni.
In un passaggio parlate di un consigliere in quota SeL che dovrebbe "lavare i cassonetti in casa propria"!!! A cosa si allude con questa frase???? Non ho la percezione trasmetta un messaggio positivo per SeL Polignano....
Poichè con questi articoli credo raggiungiate numerosa gente (mi basta leggere i commenti sottostanti per es.),bisogna fare attenzione a quanto scritto ed in veste di TESSERATO SEL POLIGNANO e facente parte della sua dirigenza, chiedo prontamente una vs presa di posizione per farci capire meglio allora quali sarebbero o cosa intendiate per i nostri "cassonetti sporchi", se pensiate ce ne siano.
Almeno prima di fare trasparire un'immagine negativa di un partito giovane e PULITO che sostengo nulla ha da nascondere ad oggi alla cittadinanza.
Certo si sia trattato di un equivoco, aspetto un chiarimento che sono sicuro prontamente giungerà in queste colonne...

Saluti
 
 
#9 anonimo 2012-09-18 13:06
il commissario ,un caro amico di Vitto...
 
 
#8 omertà 2012-09-18 12:20
pazientemente attenderò l'aggiudicazione per poi richiedere il capitolato prestazionale..a proposito chi è preposto alla verifica del rispetto del capitolato?
 
 
#7 woman 2012-09-18 09:48
cara cittadinanza attiva... la patata bollente come dici tu... poteva spegnerla a maggio questa amministrazione e ti dico di più le dimissioni del commissario sono uno strumento ma non x non far procedere la gara ma per altro... ma che ne potete sapere voi
 
 
#6 spazzatura 2012-09-18 06:42
Forse avevano ragione i grillini quando dicevano di ritirare il bando per avviare la strategia rifiuti zero....il resto è solo spazzatura
 
 
#5 eh si! 2012-09-18 01:44
Li avete votati?? Adesso teneteveli, insieme a tutta l'immondizia!!
 
 
#4 vero 2012-09-17 22:11
Il bello è che questa amministrazione altro non fa che perseguitare Pedone su cose inesistenti facendo fare figure di merda alla Polizia Municipale. Invece di ringraziare Pedone per aver portato lustro in un paese di zotici ignoranti, lo perseguitano a causa di gelosia e interessi di pochi. Invece i problemi veri quali rifiuti, viabilità eccc fanno finta di non vederli. Pagliacci
 
 
#3 Cittadinanza Attiva 2012-09-17 18:01
In "Illo tempore" -il 2011-, come direbbe l'ex Sindaco Bovino, avevamo chiesto di bloccare questo bando e di rifarlo e rivederlo per potenziare la raccolta porta a porta e la differenziata (senza la quale gli aumenti tariffari ci stritoleranno, cari contribuenti)! A questo punto, le dimissioni (vere e non strumentali?) di uno dei membri della commissione mettono la gara in forse. Non sarebbe stato più semplice e lineare averci ascoltato in tempo utile cari amici della ex Maggioranza? L'ostinazione e la testardaggine sono da sconsigliare, sopratutto quanto si tratta di "cosa pubblica"! Adesso, questa, come tante altre, è una patata bollente della nuova maggioranza che non deve attardarsi con iniziative estemporanee ed individuali.
 
 
#2 Spinoso 2012-09-17 13:38
Vitto avanguardia del riciclo, il programma elettorale è già diventato carta igienica.
 
 
#1 Risposta 2012-09-17 12:58
Merda, solo merda.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI