Martedì 25 Giugno 2019
   
Text Size

Gozzi sequestrati. Scagliusi e Lamanna: "Noi strumentalizzati"

eugenio-scagliusi-dino-lamanna

 

Sul caso dei gozzi sequestrati, intervengono i consiglieri PdL, Lamanna e Scagliusi: "Siamo stati strumentalizzati. Cala Ponte è un ibrido. Sappiamo che la questione delle barche è solo la punta di un iceberg enorme"

 

 

Il 19 giugno scorso i consiglieri comunali del gruppo consiliare PdL di Polignano a Mare, Eugenio Scagliusi e Dino Lamanna, depositarono una interrogazione scritta al Sindaco riguardante l'avvenuto stazionamento di alcune barche in località denominata "Porto dei Cavalli". “Dove ignoti – scrivono i due consiglieri in un comunicato stampa – approfittando di una piccola insenatura protetta, avevano attrezzato un'area per il ricovero delle barche”.

Oggi, i due consiglieri PdL, chiedono al Sindaco “se fosse a conoscenza della segnalazione”.
“Scopo della iniziativa - precisano nel comunicato stampa trasmesso in data 21.06.2012, era quello di censurare l'iniziativa privata, assunta senza alcuna autorizzazione, affinché non potessero legittimarsi iniziative estemporanee”.

“Sulla questione (segnalazione e sequestro gozzi, ndr) – scrivono i due consiglieri – si sono registrate troppe strumentalizzazioni”.

Lamanna e Scagliusi precisano:

"Scopo della interrogazione era segnalare un problema. Inutile far finta di niente. Non può passare il principio che chiunque può rompere scogli ed attraccare barche ovunque. Vale per le barche, come per gli immobili, come per ogni situazione che richiede il rispetto delle leggi. Strano, però, che si segnali un problema e la risposta sia 'tanto, ognuno fa quello che gli pare' oppure 'ci sono problemi più seri' o 'c'è abusivismo ovunque' . Non è così. 

La questione, invece, è essenzialmente politica e quella delle barche è la punta di un iceberg enorme, che riguarda il porto, lo stazionamento delle barche degli appassionati (perché per i possessori di licenza di pesca il discorso sarebbe diverso), come pure la balneazione, la fruizione della costa, gli accessi al mare, i parcheggi, la viabilità tra Cozze Nere e S. Giovanni.

A stagione estiva già avviata – precisano i due consiglieri Lamanna e Scagliusi – non si può far finta di niente, lamentandosi puntualmente ogni anno. Né si può ancora ignorare che Cala Ponte, da quarant'anni, è un ibrido: né un porto né un posto per farci il bagno. Il nostro compito è segnalare la questione. Evidentemente altri hanno ritenuto comodamente di scaricare la patata bollente sull'Ufficio Marittimo, che non può che svolgere gli atti di sua competenza."

 

Link correlati alla notizia:

VEDI ANCHE PORTO TURISTICO E INDAGINI IN CORSO

SCIVOLI IN CEMENTO A RIPAGNOLA: FOTO

 

VEDI ANCHE SCIVOLI IN CEMENTO A PORTO CAVALLO E TUTTI GLI ALTRI LINK

Commenti  

 
#10 up 2012-07-16 15:18
qualcuno sa se nell’area del nuovo porto è previsto uno scivolo di uso pubblico per il varo delle barche ? Come suggerito da altri le barche tipiche in legno che sono molto pittoresche , potrebbero stazionare gratuitamente nelle cale storiche presenti nel nostro territorio , le barche ” moderne ” stazionerebbero invece a pagamento nel porto , tutte comunque potrebbero usare lo scivolo pubblico , per il loro varo in sicurezza !
 
 
#9 gozzoportocavallo 2012-07-16 14:54
ringazio mortificante mentre xgozzoportocavallo prima di giudicare accertati bene di quel che dici, in quanto all'omertà stai tranquillo nn sono un uomo di merda e fino adesso ho sempre camminato con la testa alta mentre qualcuno quando incontra abbassa la testa
e nn ha il coraggio di affrontarmi. il sig. **** xchè non ha denunciato suo zio a cala ponte che ha costruito abusivamente a 50 mt dal mare ed un altro zio stava costruendo sempre x fortuna un vicinato gli ha fatto sospendere i lavori
se hai le p...le dimmele in faccia quello che hai scritto
cmq nn mi fermerò andrò sempre avanti sarò il sassolino nella scarpa
 
 
#8 mortificante 2012-07-16 14:13
Eugenio Scagliusi e Dino Lamanna dopo il clamoroso autogol della interrogazione-denuncia cercano di rifarsi la verginità! Secondo me in questa brutta storia non bisogna sottovalutare e far passare in secondo piano l'attività commerciale presente fra porto cavallo e cala ponte alla quale la presenza dei gozzi darebbe un sacco di fastidi e di occupazione del parcheggio da parte dei proprietari delle barche. In un paese, amministato per 5 lunghi anni dal duo Lamanna- Scagliusi Eugenio, con quanti problemi si porta dietro, il vero guaio sono i gozzi. Quella zona la conosciamo tutti, come tutti conosciamo il proprietario di quel gozzo sequestrato, V. M., persona rispettosa dell'ambiente nel vero senso della parola, al contrario di Eugenio Scagliusi che non è riuscito a far chiudere il centro cittadino alle auto dopo tanti proclami! Caro V.M. noi saremo al tuo fianco in questa battaglia per difendere i nostri gozzi e le nostre tradizioni. Cari Eugenio e Dino invece di piangere sul latte versato cercando scuse puerili, pensate a come rimediare a questo guaio! Tanti sessantenni e settantenni, che percepiscono 500-600 euro al mese, arrotondavano andando a "zillare". Queste cose voi due paladini del nulla non le potete capire e non le capirete mai perchè vivete in un altro mondo, in un mondo dove si possono spendere in un giorno quello che gli altri non percepiscono (pensionati e disoccupati). Basterebbe questo per chiedere le dimissioni da consigliere comunale all'avvocato Scagliusi, non lo farò perchè democraticamente ci penserà il ricorso di Pierino Maglionico!
 
 
#7 poliziottogreco 2012-07-16 12:28
Bravo a password - a questo commento meriti veramente un 110 e lode... Così bisogna reagire nei confronti di coloro che si credono di avere sempre il coltello dalla parte del manico....sei andato meravigliosamente bene,,,,anzi benissimo e spero di essere ascoltato!!! Salutoni il tuo amico!!! saluti da zio TOTO'....
 
 
#6 xgozzoportocavallo 2012-07-16 10:36
educazione e rispetto, e magari le vorresti insegnare tu? ti ricordo che il multato sei tu, come pure la barca sequestrata è la tua. il rispetto di cui parli tu si chiama omertà.
 
 
#5 vadoinbici 2012-07-16 10:32
quest' uomo mi sorprende sempre di +
 
 
#4 Polis 2012-07-16 09:15
Consiglieri interroganti fermatevi un attimo a guardare la foto del gozzo, da CARTOLINA, e la foto del cemento, da cancellare.
Di chi è la responsabilità nostra o VOSTRA
W i gozzi W il mare W la natura.
 
 
#3 Barese 2012-07-16 06:55
Come mai non fate un'interrogazione sulla gru che è presente da anni a piazza S. Benedetto senza che ci fosse alcuna autorizzazione visto che siete stati al governo del paese fino a qualche mese fa ? Bella immagine di paese turistico stiamo dando.
 
 
#2 Password 2012-07-15 20:09
Io credo che la "strumentalizzazione politica" sia un mero paravento. In realtà avete sottovalutato le conseguenze del vostro tentativo di fare a tutti i costi i primi della classe. Avete lanciato una miccetta senza accorgervi che nel deposito c'era benzina. D'altra parte non potete pretendere di presentare interrogazioni e pensare di sapere anticipatamente le reazioni altrui. La prossima volta interrogatevi prima se siete all'altezza del compito che vi siete assegnati.
 
 
#1 gozzoportocavallo 2012-07-15 18:51
cari scagliusi e lamanna nn c'è nessuna strumentalizzazione politica dietro di me, guarda caso come mai la capitaneria non è andata a san vito a cala fetente torre incina a sequestrare i gozzi con l'art.1161 del cod. della navigazione dove vieta l'ormeggio a meno di 100 mt della costa?
i strumentalizzati siete stati voi 2 dal signore della villa con scivolo in mare
ho testimoni che la signora è andata molte volte sul posto di lavoro dei miei figli con tanto di bocca ad incazzarsi digli a tuo padre che deve togliere la barca da lì.
ecco la verità bastava un po' di rispetto ed educazione, ora denunciate gli accessi al mare chiusi a costa ripagnola
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI