Martedì 20 Agosto 2019
   
Text Size

Mar effetto "caraibi". A chi servirà il porto turistico?

porto-turistico-polignano-a-mare

Da lontanto sembra mar dei Caraibi, da vicino sembra orzata:

Il colore dell'acqua dopo le operazioni di dragaggio al porto turistico 

 

IN BASSO, GALLERIA E FOTOSEQUENZA DEI LAVORI AL PORTO

 

Sono punti di vista. Se da lontano si osserva lo specchio del porto di Polignano, si può ammirare il colore verde smeraldo dell’acqua, che contrasta con l’azzurro cobalto dell’orizzonte e il turchese del cielo. Sembra di ammirare una cartolina appena spedita dalla Grecia, o dal mar dei Caraibi, o perché no, anche di alcuni tratti della costa polignanese.

Il punto di vista osservato direttamente dai cantieri - all’opera per la realizzazione del porto turistico di Polignano - è tutt’altro che caraibico. Il verde smeraldo è solo un effetto ottico.

In realtà il mare è sporco per via delle operazioni di dragaggio appena concluse. Le macchine scavatrici hanno asportato dal fondale tonnellate di sabbia, ghiaia e detriti. Il mare è impastato di sabbia e detriti rimestati dal fondale: si passa dall’effetto smeraldo in lontananza, all’effetto orzata da vicino.

Terminate le operazioni di dragaggio, in questi giorni abbiamo notato un braccio meccanico agganciato su una grossa nave che sta provvedendo a rilasciare cumuli di sassi (vedi fotosequenza nella galleria in basso) che serviranno ad allungare le braccia dei due moli che prossimamente dovranno accogliere yacht e imbarcazioni di ricchi sfondati.

AFFARE PER POCHI O AFFARE PER MOLTI? - Se sarà rispettato il cronoprogramma dei lavori, la società Cala Ponte riuscirà a realizzare l’intera opera entro il 31 maggio 2013, così come concesso in proroga dall’Ufficio Tecnico di Polignano. Dopo il prolungamento dei bracci, sono previsti i lavori per la realizzazione del parcheggio (scavo di sbancamento) e di sistemazioni di aree a verde.

Non si hanno ancora notizie di concessioni edilizie rilasciate per costruire ville nelle aree circostanti, in particolare nella zona Compra; aree che sono il vero business per costruttori, proprietari, azionisti e politici locali e regionali. Alla fine, tutti quanti dovremo sperare affinché l'atteso arrivo di turisti ricchi barcaroli non sia solo un effetto ottico per i bagnanti, e un effetto guadagno per i soli e i soliti affaristi. 


FOTOSEQUENZA CON EFFETTO "ORZATA" DEL MARE 


Tutti i link correlati alla notizia: 


PORTO: IL REGALO DI VENDOLA - 6 MILIONI DI FONDI PUBBLICI PER UN AFFARE DI POCHI



PORTO TURISTICO: IL COMUNE PERDE QUOTA

LA LETTERA: PORTO TURISTICO AFFARE O DISGRAZIA?

GOZZI E BARCHE A SAN VITO: IL DIBATTITO

2010: PORTO, "INTERVENGA LA MAGISTRATURA"

2011: IL COMUNE PERDE QUOTA

VEDI ANCHE FINANZIAMENTI REGIONALI E FRUGIS: 'ADESSO BASTA'

VEDI ANCHE INTERVISTA FRUGIS E VENDOLA

LA CAPITANERIA FAVOREVOLE AL PORTO

LA MANIFESTAZIONE BEFFA DEL 2009

PORTO TURISTICO E LAVORI DI SICUREZZA NEL 2010

IL MANIFESTO DEL MOVIMENTO SCHITTULLI SU PORTO E CIMITERO

CONSIGLIO COMUNALE LUGLIO 2010 SU PORTO E EX CASERMA

PORTO IN ZONA DEPURATA: LA 'PROPOSTA' DI GIO'

SERVIZI IN ATTESA DEL PORTO

IL PORTO CI SALVERA' DAL CAVIDOTTO ENEL?

 

Commenti  

 
#19 madli 2013-02-07 21:29
Sono passato da Polignano. Dall'ingresso nord del paese, arrivando proprio di fronte al porto, ho notato due ruspe che spargevano ordinatamente tonnellate di sabbia o fango chiaro tra gli alberi e sul terreno scuro ancora presente aldilà della recinzione del cantiere.
Andate a vedere per credere...io sono rimasto a bocca aperta.
Ma è tutto normale? Non si dovrebbe smaltire in altra maniera tutto quel materiale di risulta?
 
 
#18 GiuseppePace 2012-07-05 09:33
Buongiorno, come può un porto turistico non portare benefici???Non capisco le molte critiche..Polignano ha bisogno di strutture e servizi, dobbiamo cambiare mentalità se vogliamo veramente il bene del paese, avete visto quanti personaggi famosi stanno visitando il ns paese???Bisogna valorizzare il ns meraviglioso territorio...il ns mare..ho fiducia nelle istituzioni e nei polignanesi che hanno voglia di fare...se non saremo noi a goderci una Polignano migliore lo saranno i ns figli..
 
 
#17 X MARIO GOMEZ 2012-06-14 10:01
il sondaggio non serve, il paese ha eletto sindaco uno degli artefici della vendita del porto, quindi vuol dire che condivide. che "********" chiedi a sto paese. Vitto sindaco, quando ho letto il giornale speravo fosse un pesce d'aprile scaduto.....
 
 
#16 mario gomez 2012-06-13 20:29
caro direttore,
facciamo un sondaggio serio per sapere se il paese vuole o no questo porto turistico.
 
 
#15 zanzibar 2012-06-13 20:28
tempo scaduto, purtroppo è stata una scelta sciagurata! il tempo sarà testimone di questa inutile, ma soprattutto dannosa opera pubblica/privata.
@vox purtroppo eri solo troppo solo a condurre questa battaglia contro le tante lobby affaristiche.
 
 
#14 vox clamans in deser 2012-06-13 13:16
deserto (non entrava tutto il nome). ho presentato una relazione dettagliata a bovino ed a fax, ho fatto spiegare a di giorgio l'illegittimità dell'operazione da parte di due esperti avvocati nel corso di un convegno a monopoli, l'ho spiegato personalmente ai membri di una associazione polignanese, ad un ex sindaco, l'ho scritto su polignanoweb almeno una decina di volte. risultato? zero assoluto. Destra, sinistra, centro e tutto il corollario dei mezzi d'informazione vogliono questo porto cosí come lo ha modificato a proprio uso e consumo colui che per legge non avrebbe potuto realizzarlo e che con la complicità dell' intera classe politica (meno 2 ex assessori per amore di verità: uno della giunta di giorgio e l'altro della giunta bovino) che ha approvato tutti gli atti fino ad oggi stratificatisi. Conclusione? se perfino la Procura s'è addormentata.... arrendiamoci!
 
 
#13 io ero li 2012-06-13 11:31
Caro "zanzibar" io c'ero e aggiungo che molti non erano di Polignano...(l'unico politico era di Conversano Vito Bonasora allora consigliere Regionale trascinato dall'amico fraterno Enzo Marzionne)...ma tra l'altro basta vedere il n° dei post per capire che di questo argomento non frega a nessuno!!!che tristezza!!!!!
 
 
#12 zanzibar 2012-06-12 14:53
dove eravate quando eravamo in 12 persone a manifestare davanti al porto? caro direttore , ma quanti posti barca avrà il porto 430 come da progetto iniziale?
 
 
#11 Mi piange il cuore 2012-06-12 14:40
@robert: hai ragione, ammetto che io stesso li votai allora e li ho rivotati adesso, ma questo passava il convento. Dall'altra parte, c'era di peggio. Politica a parte, polignano ha quasi ovunque mare aperto visto che ci sono poche insenature, e di flangiflutti si parla da 30 anni ma non se n'é fatto mai niente. Il molo era l'unico posto dove poter andare quando il mare è mosso, mi dite adesso dove andremo? Noi polignanesi saremo i primi, assieme ai turisti, a spostarci a monopoli
 
 
#10 indigeno 2012-06-12 11:05
Il problema non è "il porto turistico si" o "il porto turistico no"...il problema è il mancato coinvolgimento della popolazione nelle scelte "politiche" che ci investono!!! Ricordo quando si voleva fare un referendum per come posizionare la statua di "Modugno"...Per una "cazzata" si pensò al referendum e per una scelta del genere "NO"!!!??? Questi sono i politici che rappresentano partiti...non sono più rappresentativi di un "fico secco" se non dei propri interessi...se ci fosse stato un referendum oggi non staremmo a discutere del problema o sbaglio?
 
 
#9 finalmente 2012-06-12 08:44
chiedo ai ns. amministratori come abbiano potuto arrivare a tanto. meglio uno stabilimento balneare per poter far sventolare realmente la bandiera blu e far si che la gente anke degli alberghi stessi utilizzase quel posto o meglio un porto turistisco dove potremmo definitivamente ammainarla? in questa operazione non si puo' nn pensare a male cavolo!!!!
 
 
#8 ruge 2012-06-12 07:37
quella zona ormai sara' segnata per sempre da inquinamento da idrocarburi, da correnti marine deviate che cambieranno la geomorfologia della litoranea, spero almeno serva a trovare soluzioni ataviche, come l aumento dei parcheggi e l'attacco obbligatorio delle varie dimore alla fogna che si deve realizzare ancora, cosi da levare quel malcostume di buttare la melma a perdere sottoterra anche in presenza di fosse imofh
 
 
#7 robert 2012-06-12 06:48
xper mi piange il cuore, quella scelta sciagurata la fece l'ammininistrazione di giorgio compreso il sindaco attuale con parecchi consiglieri che ora sono in maggioranza, che noi oggi li abbiano rivotati
 
 
#6 Ahhh 2012-06-11 23:03
E' proprio vero il polignanese è un zappatore nato!
Capri? Otranto? Gallipoli? ti dicono qualcosa?
Chi non conosce la patata di Capri..
E' ASSE' U DANN..
 
 
#5 Porto 2012-06-11 22:12
Stamattina, stesso colore dell'acqua anche giù al ponte: credevo fosse per colpa della riparazione della spiaggia ma a quanto pare mi sbagliavo...

PS. Finquando non troveranno un modo per far defluire l'acqua deviandola lateralmente quella spiggia si rovinerà di nuovo alla prima pioggia.
 
 
#4 ... 2012-06-11 21:59
questo è il risultato in nome del progresso.... ma ci sono cose che non si possono comprare e a cui loro (gli amministratori) invece hanno dato un prezzo. e mi riferisco all'attaccamento a un luogo, con la sua bellezza paesaggistica. un posto in cui molti di noi sono cresciuti e a cui hanno legato molti ricordi della propria vita. ma a loro non interessava, a loro interessava il progresso e lo sviluppo di polignano. ma mi chiedo: come è possibile che pochi possano decidere un'opera così importante senza la partecipazione dei cittadini? Magari il paese avrebbe scelto ugualmente la realizzazione del porto. forse sarebbe andata così... o forse no...
 
 
#3 IlFuPolignanoaMare 2012-06-11 21:27
Il fu Polignano … a Mare
Tutto è cominciato con la scelta scellerata di costruire il Porto Turistico in quel di “Cozze Nere” da sempre meta balneare dei locali e non, un porto turistico di cui non si capisce tuttora il senso, né quale sia l’utilità per una realtà come quella polignanese. Senza contare che continua la presa in giro nei confronti dei cittadini che hanno ascoltato scuse di ogni genere per giustificare il ritardo dei lavori che ricordano la leggendaria tela di Penelope (manca solo che c’entrino gli extra terrestri!). Che Dio ce la mandi buona e che fallisca una volta per tutte la realizzazione di tale insensatezza!
Ma torniamo al dunque, al perché “il fu Polignano a Mare”. A conti fatti non è più possibile andare a fare il bagno al “molo corto”, né al “molo lungo”; da un po’ di tempo è stato bloccato l’accesso ad un’altra storica zona balneare, ovvero Ponte dei lapilli, a causa del capriccio non meglio precisato di un privato che ha deciso di recintare un terreno di solito utilizzato per la sosta dei mezzi dei bagnanti. Un terreno che, per la vicinanza al mare, è protetto da ogni tipo di vincolo e può essere utilizzato solo come parcheggio, magari a pagamento… che sia proprio questo l’obiettivo??? Mah, staremo a vedere.
Poco distante Porto Paradiso, alle spalle di Cala Paura, presenta, per chi volesse fare un tuffo in uno dei luoghi più belli di Polignano e non solo, la sorpresa di vedere sbarrati da un cumulo di pietre, i sentieri che nel corso di anni la gente aveva solcato per raggiungere l’acqua. Chi abbia con tanta incuria deciso di usare quel luogo come discarica di pietrisco, non merita nessun tipo di considerazione umana!
Resta Lama Monachile, ormai possesso di forestieri e qualche altra spiaggetta (Polignano e la sabbia non vanno d’accordo) tra cui S. Giovanni, privata e a pagamento!!!
Cui prodest? A chi giova tutto ciò?
Che la gente di Polignano sia di un’ignoranza a dir poco riprovevole l’avevo capito tanto tempo fa, ma la speranza che qualcosa si muova c’è ancora, sebbene aumenti la convinzione che ognuno ha quel che si merita ed evidentemente Polignano ignorante si merita questo!
Il porto turistico, punto di partenza di questo disagio è stato uno degli errori più grandi che si potessero fare. Lo si poteva costruire, forse, altrove, sempre ammesso che serva davvero!
Spero, tuttavia, che il nuovo sindaco ed i suoi collaboratori non lascino cadere nel vuoto questo appello: ridiamo a Polignano il Mare, non solo quello scritto sui cartelli di benvenuto, ma quello tanto caro ai cittadini troppo spesso dimenticati in nome di uno sviluppo turistico di cui tanti ne hanno piene le scatole!
 
 
#2 Celentano 2012-06-11 21:24
Sono daccordissimo...Polignano perderà tantissimo con questa operazione.
 
 
#1 Mi piange il cuore 2012-06-11 18:58
Mi piange il cuore a vedere queste immagini, uno dei posti più belli di Polignano trasformato per far piacere ai ricchi. Non c'è introito economico che possa giusitificare questo scempio. Quando si fece questa scelta sciagurata si doveva consultare la popolazione, vista l'importanza della faccenda. Gli amministratori dell'epoca se lo porteranno sulla coscienza fino alla fine dei loro giorni.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI