Sabato 15 Giugno 2019
   
Text Size

Via Sarnelli diventa Corso Pompeo Sarnelli

corso-pompeo-sarnelli-mappa-polignano-a-mare

Polignano si riappropria del suo corso "naturale"


L'amministrazione comunale ha ripristinato l'originaria toponomastica di Via Pompeo Sarnelli, che nei prossimi giorni tornerà a chiamarsi Corso Pompeo Sarnelli. La giunta ha accolto le istanze presentate dal prof. Giovanni Mazzone e pubblicate nei mesi scorsi sul nostro settimanale "La Voce del Paese". In realtà, una delle targa con scritto "Corso Sarnelli", all'incrocio con Via Pace, non è mai stata rimossa, a dimostrazione che in passato anche Polignano aveva un suo corso.

 

Via Pompeo Sarnelli è la strada principale che taglia in due il centro urbano, un tempo raccordo tra l’ingresso in città e le due uscite della statale 16. In passato, più volte al centro del dibattito sulla viabilità e l'urbanistica a Polignano: ricorderete le polemiche passate sul ripristino del senso unico su Via Sarnelli, voluto da un consigliere comunale, e il progetto più volte caldeggiato dal consigliere Eugenio Scagliusi di farne un'isola pedonale.  

Il prof. Mazzone conserva, tra l’altro, una mappa della città (vedi foto) dove chiaramente si legge “corso Pompeo Sarnelli”.

 

Commenti  

 
#13 rana 2012-02-09 14:48
" ... ma che paese, senza neanche un Corso, sarà una frazione, una masseria... " diceva la gente arrivando nella ridente cittadina agricola affacciata sul mare. Ecco, il corso ora ce l'ha! resta il resto ( pardon).
 
 
#12 ruge 2012-02-09 11:29
fa piu' chic chiamarlo corso, forse serve per aumentare il turismo a polignano... :D , che grandi teste che abbiamo al comune..
 
 
#11 lettore1 2012-02-08 23:55
riqualificazione culturale della città? ma di che si scrive? quale riqualificazione sarebbe connessa all'individuazione di un corso in luogo di una via? possibile che dobbiate ridurre tutto in un referendum sul sindaco? l'opinione che ho dell'operato di Angelo Bovino è legata all'indifferenza con cui ha affrontato una serie di vicende spinose, ma di questo, i post di Polignanoweb sono pieni e abbondantemente circostanziati. Individuare lo spessore culturale di un sindaco in base alla trasformazione in corso di via Sarnelli è circostanza che si commenta da sola. A proposito:l'autore del commento 10 ci chiarisca la differenza storico-culturale tra il corso e la via. Quella semantica è nota ai più ma l'importanza propulsiva della trasformazione è un concetto alquanto sfuggente
 
 
#10 I GIOVANI LIBERI 2012-02-08 19:32
Ahi noi questo è il livello culturale che ci è rimasto ?
Un impegno serio di riqualificare culturalmente la nostra città non può fermarsi davanti alla pochezza dei commenti n.4 e 5. L'oscurantismo di bassa lega non fermerà l'azione propulsiva nostra e del nostro Sindaco BOVINO. Ancora una volta abbiamo il piacere di ammirare la SUA grande formazione culturale a servizio del nostro paese. Adesso aspettiamo IL MUSEO P. PASCALI e l'insediamento della omonima FONDAZIONE altro grande impegno di Bovino.
Che dire se non sinceramente grazie a questo sindaco !!!
 
 
#9 man n.1 2012-02-08 19:14
spero che nn va in porto questa ipotesi, ma se nel caso andasse spero nn facciano targhe come quelle in "via De Cillis" che sono orribili!!!!!(pensiamo ad allestire i lungomari di targhe visto che il vento le ha sdradicate) a proposito pensiamo alle cose serie, mi ricordo che un certo F. Colella disse in un serivizio che a febbraio partivano i lavori in piazza aldo moro, in effetti vedo tutto transennato.......ma che!! mongolfiere a go' go'.
 
 
#8 alberto 2012-02-08 15:49
bravo Giò
 
 
#7 Giò 2012-02-08 15:10
Tirato in ballo rispondo volentieri.
Caro "man n.1" onestamente non credo sia necessario entrare "in politica" per vedere "quando" vale il mio nome!!!
In quale politica poi? In questo teatrino privo di qualsiasi ideale???
Tornando al merito, io ho solo evidenziato un errore non riscontrato dai responsabili che, all'epoca della sistemazione delle targhe in marmo, non prestarono la dovuta attenzione al quelle applicate su Corso Sarnelli. Per il resto, pur essendo contento della corretta toponimia ristabilita, concordo con voi nel sostenere che a Polignano non è sufficiente cambiare il nome delle vie ma si dovrebbe "cambiar strada" nella modalità di gestire e amministrare il nostro amato paese. Ad maiora...
 
 
#6 a+ 2012-02-08 15:06
polignano in passato si è chiamata in vari modi che facciamo li ripristiniamo tutti?ma pensate alle cose serie!
 
 
#5 polignanese 2012-02-08 12:28
Ma vi pare che in momento di crisi come questo, cambiare il nome di una strada con tutti i costi che comporta,ogni abitante di via pompeo sarnelli dovrà cambiare la residenza su tutti i documenti (utenze, patente, carta d'identita ecc.) queste spese saranno a carico del comune immagino. Ma non avete altre idee come spendere i soldi pubblici? Ma pensate che sia la denominazione di una strada, via, corso viale ecc., a fare la differenza??
Invece che cambiare nome sarebbe ora che venga sistemata e riasfaltata altro che chiacchiere!!
 
 
#4 lettore1 2012-02-08 12:18
letto su un cartello: "se non avete niente da fare, siete pregati di andarlo a fare altrove". Quando ci occuperemo di cose serie e la pianteremo con queste quisquiglie (guardate che giro di parole si è costretti a fare per manifestare nei termini più eleganti il proprio pensiero)***** E ora? ce la facciamo al sugo questa scoperta? Ovviamente adesso si pretenderà che l'Amministrazione spenda un sacco di soldi per realizzare le targhe con l'indicazione di Corso Sarnelli........neppure si trattasse della Fifth Avenue di New York. Ma occupiamoci dei problemi seri e lasciamo perdere queste cavolate!
 
 
#3 Ian 2012-02-08 09:27
Finalmente una bella notizia in questo paese, ora il prossimo passo, cerchiamo di riqualificare e ristrutturare Piazza Aldo Moro e dintorni che ne ha bisogno sia a livello turistico, sia a livello estetico....
 
 
#2 man n.1 2012-02-08 09:08
Celentano ha pienamene ragione quando nel suo ultimo arrangiamento musicale canta "non so più cosa fare"..... ha pienamente ragione cioè non sappiamo piu cosa fare in questo paese di 62,50 km², c'e tanto di quel lavoro da fare! non sò. Prof. le tue idee sono veritiere xò xkè nn fà politica cosi vediamo quando vale il suo nome.
 
 
#1 Renero 2012-02-07 23:12
Questa è una nota positiva ma se caso mai dovesse diventare Corso Sarnelli un'isola pedonale ed il centro storico(compreso via Roma, etc...) ancora com'è oggi, allora sarebbe l'ennesima polignanata.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI