Lunedì 22 Luglio 2019
   
Text Size

BENZINAI CHIUSI, SPECULAZIONE SUI PREZZI

benzina-agip-polignano-a-mare-tir

 

Scaffali vuoti nei supermercati, speculazione selvaggia sui prezzi di ortaggi: a Polignano zucchine fino a 5 euro. La settimana scorsa costavano solo 1,50 euro.

 

Gli effetti della protesta degli autotrasportatori cominciano a farsi sentire, anche da noi, in un piccolo comune come Polignano.

Stamane, alle ore 11 circa, hanno incrociato le braccia tutti i benzinai dei distributori polignanesi: “Esaurito”, è quanto si legge all’ingresso.

Non c’è più benzina, e probabilmente non ce ne sarà fino a venerdì prossimo. Ieri si registrarono code impressionanti all’ingresso di tutti i distributori: come in una qualsiasi vigilia di Ferragosto. Della serie “si salvi chi può”, i più scaltri hanno fatto il pieno. Altri, invece, continuano a stazionare invano vicino alle pompe, con lo sguardo perso prima in quel cartello “Esaurito”, e poi fisso nel vuoto, nell’incertezza che caratterizza questa manifestazione – “Il caos” l’hanno ribattezzata.

La verità è che siamo impreparati, tutti fagocitati dal sistema consumistico: gli sguardi persi della gente, ferma ai distributori e nei supermercati, lasciano come presagire una chissà quale imminente fine del mondo. Dipendiamo da idrocarburi e tonnellate di cibo in offerta sui banconi dei supermercati. Il mercato ci tiene in pugno!

Invece nelle campagne “il caos” sembra diradarsi come una nebbia a mezzogiorno. Di cibo sano ce n’è in quantità, e dalle viuzze fa capolino perfino qualche bicicletta. Stamane abbiamo affondato i piedi nei terreni umidi e salmastri di San Vito, dove la fortunata carota rossa “bastinaca” regna sovrana, ortaggio marchiato “Slow Food”, che tradotto vuol dire “cibo lento” e che sintetizza una filosofia di vita, più sostenibile, lontana dai voraci consumi.

A San Vito tutto rallenta: il ritmo, la digestione, il tempo si dilata, l’aria si fa più salubre, le relazioni umane contano e si intrecciano nelle viscere. Laggiù a San Vito, dove si sente il mare, dove il clacson dei tir in rivolta è solo un lontano vociare, un comune sentito dire.

Commenti  

 
#7 Io 2012-01-26 02:51
Quoto turista niente sfilate sarnelli deserta
 
 
#6 turista 2012-01-25 22:17
:lol:
 
 
#5 turista 2012-01-25 22:07
che peccato molti non possono piu sfilare vicino la piazza in macchina che guaio.
 
 
#4 ma..... 2012-01-25 20:41
Belin ma dove vivi??? Tra le favole
 
 
#3 xbelin 2012-01-25 12:01
Ma che centra il sindaco di Polignano se il blocco è generale......voglio vedere i vostri cosa avrebbero fatto!!!!
 
 
#2 belin 2012-01-25 08:48
in paese gia' con un sindaco fermo che rende il paese fermo, è giusto che si fermino anche i benzinai
 
 
#1 afflitto 2012-01-24 22:50
L' economia è ferma!!!finita la benzina, strade deserte, locali vuoti, negozianti a braccia conserte....se tutti i politici si mettevano la mano sulla coscienza.....forse tutto ciò non accadrebbe. il Signore disse: "é più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che un ricco entri nel regno di Dio"....La vita per loro è facile, hanno soldi, tutto....se solo pensavano a chi non ha un pezzo di pane.....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI