Venerdì 22 Marzo 2019
   
Text Size

PASSATA LA TEMPESTA: GALLERIA FOTO E VIDEO

polignano-a-mare-mareggiata


Inviate le vostre foto a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Noi le pubblicheremo nel prossimo numero de "La Voce del Paese", in edicola giovedì 12 gennaio, con il nome dell'autore.

Danni, maltempo e paesaggi surreali. Due barche affondate. Turisti e polignanesi all'assalto con macchine fotografiche e videocamere

 

 

Come l’Epifania che prende le feste e le spazza via, così il forte vento ha soffiato per tutta la serata del 5 gennaio, la giornata del 6, e solo oggi si sta registrando un lieve miglioramento. Mare di rinforzo e raffiche fino a 80 Km orari hanno provocato non pochi disagi alla circolazione e ai pescatori di Polignano. (l'articolo continua in basso, dopo la galleria foto)

 

Impegno massiccio di forze dell’ordine, carabinieri, vigili urbani, vigili del fuoco (al cui centralino sono arrivate numerose chiamate) protezione civile: quest’ultima aveva lanciato l’allerta per pericoli caduta alberi e calcinacci dei cornicioni in tutta la provincia di Bari.

Qualche calcinaccio è caduto nel centro storico di Polignano, per fortuna senza danni ai pochi passanti. Alcuni rami di alberi si sono staccati nelle campagne. Poi ci sono insegne divelte e cassonetti abbattuti come birilli lungo il tratto di costa, specie sul lungomare Cristoforo Colombo dove il vento ha spazzato via l’insegna e il tabellone pubblicitario. Due barche sono affondate nella notte, mentre le altre sono state messe al sicuro lungo la battigia di San Vito, Cala Paura, Portalga, Cala Incina. I pescatori impegnati tutta la notte per recuperare barche. La stradina che costeggia l’abbazia invasa da detriti, sabbia, oggetti vari che la violenza del mare in questi casi restituisce all’uomo. Giù a Grottone la costa è completamente invasa da sassi di grandi e piccole dimensioni: perfino un cassonetto dei rifiuti è finito in mare, nella piscina della “Pentma chiatt”. L’asta in legno che regge l’albero di luci, in piazza del monumento, ha rischiato di cadere. Decine di vasi ornamentali sono riversi per terra.  

Intanto, nella giornata di domani si prevedono schiarite, con temperature in calo, specie nei valori minimi (in aumento la massima) e venti deboli da Nord Ovest.

Su facebook impazzano le foto più suggestive e pittoresche della mareggiata, scattate non solo da polignanesi ma soprattutto dai turisti più temerari e amanti della natura che ieri si aggiravano per tutta la costa. Cinque forestieri hanno perfino fatto il bagno ieri pomeriggio, alle ore 17 circa, nella baia di San Vito, raggiungendo a nuoto la colonna assediata dalle onde.

I VIDEO SU YOUTUBE:

CLICCA QUI VIDEO 1 di Paolo Giannuzzi

VIDEO 2 di Vito Montalbò

VIDEO 3 di Michele Giannuzzi

VIDEO 4 dalla balconata Santo Stefano


*le foto in galleria sono state realizzate da Nicola Teofilo

 

Commenti  

 
#4 rana 2012-01-12 21:45
L'uomo e il mare

Sempre il mare, uomo libero, amerai!
perché il mare è il tuo specchio; tu contempli
nell'infinito svolgersi dell'onda
l'anima tua, e un abisso è il tuo spirito
non meno amaro. Godi nel tuffarti
in seno alla tua immagine; l'abbracci
con gli occhi e con le braccia, e a volte il cuore
si distrae dal tuo suono al suon di questo
selvaggio ed indomabile lamento.
Discreti e tenebrosi ambedue siete:
uomo, nessuno ha mai sondato il fondo
dei tuoi abissi; nessuno ha conosciuto,
mare, le tue più intime ricchezze,
tanto gelosi siete d'ogni vostro
segreto. Ma da secoli infiniti
senza rimorso né pietà lottate
fra voi, talmente grande è il vostro amore
per la strage e la morte, o lottatori
eterni, o implacabili fratelli!
CHARLES BAUDELAIRE
 
 
#3 Bella!!! 2012-01-08 12:15
difendiamo la nostra terra...il nostro mare....nulla di più bello, sia in inverno che in estate, Polignano e il suo mare ci fanno sognare!!!
 
 
#2 carlo de luca 2012-01-08 12:14
Le foto sono tutte bellissime e suggestive (un grande grazie al DIRETTORE Teofilo per il reportage per il quale sicuramente avrà fatto un bagno di acqua salata fuori tempo!). Alcune immagini dovrebbero far riflettere su quanto la natura è più possente dell'uomo. Perciò, a mio avviso, bisognerebbe rispettarla molto di più e, al contempo, prendere iniziative per proteggere la costa con barriere frangiflutti ...se facciamo in tempo!
 
 
#1 ruge 2012-01-08 09:22
almeno a cala incina ha pulito un po', lo sporco lasciato dagli uomini di abusi e indifferenza politica
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI