Domenica 24 Marzo 2019
   
Text Size

POLIGNANO: PREVALE IL TURISMO "MORDI E FUGGI"

ufficio-turistico-infopoint-turismo-mare-polignano

 

 

IL TURISMO A POLIGNANO IN CIFRE

Esclusivo: i dati sul flusso turistico a Polignano. Gran parte del turismo è “mordi e fuggi”

 

 

L’istituzione dell’ufficio turistico a Polignano sta maturando i primi frutti. Intanto, è diventato ormai un punto di riferimento per i turisti che affollano la città, anche in questo periodo autunnale, grazie alle temperature miti dell’area mediterranea: su questo dato andrebbe aperta una riflessione riguardo i servizi che mancano ancora e che andrebbero istituiti nei prossimi anni, anche nell’ottica di una futura destagionalizzazione turistica.

E poi aprire una riflessione sul futuro incerto di questo ufficio, che forse andrebbe aperto tutto l’anno, con figure professionali stabili, piuttosto che a tempo determinato, com’è accaduto quest’estate.

Ad ogni modo, l’ufficio turistico ha raccolto e elaborato alcuni dati: una dettagliata analisi quantitativa sul flusso turistico nel periodo compreso tra giugno e ottobre 2011.

Il totale dei turisti stranieri registrati è di 205 a giugno, 430 a luglio, 424 nel mese di agosto, 848 a settembre e 642 a ottobre. Per un totale di 2549 turisti stranieri registrati all’ufficio turistico. Poi ci sono i turisti italiani: 153 (giugno), 504 (luglio), 1915 (agosto), 769 (settembre), 157 (ottobre). Per un totale di 3498. Quindi il totale dei turisti registrati all’ufficio turistico sono 6047, una cifra consistente e che attesta la necessità di maggiore informazione e comunicazione da parte dell’ente rivolta ai turisti.

In una premessa redatta dal Settore Cultura, Istruzione e Tempo Libero del Comune vi sono alcune precisazioni. “Bisogna tener conto – precisa la nota – del fatto che si tratta di numeri comunque parziali perché riguardano solo l’utenza che si è rivolta all’Ufficio Turistico e non il totale degli arrivi a Polignano, perché quasi sicuramente ci sono stati arrivi di turisti già autonomamente organizzati che non hanno avuto bisogno dell’Ufficio. Occorre anche tenere in debita considerazione l’apertura dell’Ufficio: a giugno e luglio, infatti, esso è rimasto aperto solo la mattina (e quindi la raccolta dei dati si è limitata a quella frazione della giornata), mentre nei restanti mesi di agosto, settembre e ottobre l’apertura è stata continua: tutto il giorno, per tutti i giorni, sabato e domenica compresi.

E’ fondamentale riprendere la distinzione tra le diciture “arrivi” e “presenze”: in generale, nell’ambito turistico, i primi si riferiscono al numero di persone fisiche che arrivano in una determinata località, le seconde al numero di pernottamenti fatti dalle persone fisiche che sono arrivate (per esempio, 2 arrivi che rimangono in città per 6 pernottamenti equivalgono a 10 presenze)”.

TURISMO MORDI E FUGGI DA ALBEROBELLO E OSTUNI - “Il 70% di questi arrivi – prosegue la nota ufficiale – si è tradotto in presenze (ciò perché, non bisogna dimenticare che in questo dato totale rientrano anche turisti proveniente dalle province pugliesi che non hanno pernottato qui o turisti che si sono sistemati in città limitrofe – prime tra tutti Alberobello e Ostuni – e sono venute a visitare Polignano. In questo dato confluisce anche una buona parte di quel “turismo mordi e fuggi” – soprattutto da parte dei cittadini del circondario – che da sempre caratterizza i flussi turistici della nostra città)”. Quindi i turisti “si fermano” a Ostuni e Alberobello e fugano per qualche giorno o per un “mordi e fuggi” a Polignano.

Inoltre, va detto che questi arrivi si sono tradotti in presenze dalla durata estremamente variabile: infatti, anche confrontando i risultati emersi dai questionari di gradimento somministrati ai turisti italiani nel periodo compreso tra agosto e ottobre, si evince che la durata più suffragata della vacanza a Polignano è stata di una settimana.

“Il discorso in merito alla distinzione tra “arrivi” e “presenze” – spiega ancora la nota ufficiale – e alla variabilità della durata di queste presenze vale anche per i turisti stranieri. Anche in questo caso una considerevole percentuale di arrivi si è tradotta in presenze di durata estremamente variabile (solitamente, in media, da pochi giorni ad una settimana)”.

LA NAZIONALITA’ – Gran parte dei turisti che si sono rivolti all’Ufficio Turistico sono di nazionalità francese (340), tedesca (488), inglese (397), olandese (81), spagnola (184), svedese (122), americana (130), svizzera (88). 

Commenti  

 
#16 mauro 2011-12-31 10:42
per fare turismo occorre una mentalità dell'accoglienza che a polignano semplicemente NON ESISTE!!!!! stiamo riducendo questo paese ad un cimitero, abbiamo una società contadina chiusa e non vogliamo saperne di cambiare salvo poi lavarci la bocca "siamo un paese turistico, bandiera blu e altre amenità simili". PROPONGO UN REFERENDUM VOGLIAMO ESSERE UN PAESE TURISTICO O NO? in base ai risultati adottiamo le politiche coerenti non prendiamoci in giro vi prego un pò di serietà con noi stessi almeno.
 
 
#15 ideatore 2011-12-27 01:47
Domanda ;che fine hanno fatto i Russi ? si sono persi ?
Domanda ; il mordi e fuggi e' Turismo ?
Domanda ; a cosa serve il porto turistico ?

Buona notizia per i Polignanesi per il 2012 si possono ospitare i turisti nelle proprie case . ( altro che' B&B )
 
 
#14 Turista 2011-12-20 11:23
http://www.rivista-online.it/italiapiu_054%20capitoli%20ita%20completa/
 
 
#13 preoccupato 2011-12-14 01:13
La nostra cittadina è una perla. Peccato che questa perla non luccica, a Polignano mancano servizi adeguati per accogliere chi visita il nostro centro. tralasciando gli alberghi che sono struttura a 4-5stelle ed offrono servizi interni alla struttura stessa ma anche escursioni ecc.,molti proprietari di B&b applicano prezzi da capogiro e questo provoca senza ombra di dubbio il risparmio da parte di quei turisti che limitano le loro spese presso i locali commerciali di qualsiasi genere, dai ristoranti ai vari negozi (chiedete direttamente a loro quanto spendono in media i turisti).
Polignano oltre che dai turisti veri e propri è invasa da nostri "vicini" di paese che girano per le vie solo per un gelato o una pizza. Ma perchè hanno scelto proprio Polignano e non un'altro paese?? questo "passeggio" lo vediamo in estate ormai....Ma da Ottobre ad oggi anche il sabato sera o la domenica vediamo poca gente in giro provocando un deficit in quasi tutte le attività. Con questo voglio solo dire che anche se mordi e fuggi il movimento attira movimento, quindi più gente arriva più si ha la possibilità di pubblicizzare e far conoscere la propria attività...e per fortuna che non hanno fatto chiudere le attività "no food" la domenica....sarebbe stata la fine!!! Oltre il centro storico cosa deve visitare il turista vero e proprio??sta 2 giorni e va via.....chi fa vivere Polignano sono i polignanesi e zone limitrofe....Scusate il mio discorso contorto, ma a mio parere anche se mordi e fuggi basta che Polignano è viva!!!!!e non un cimitero come da un po di tempo ad oggi. Se sbaglio in questa mia affermazione chiedete pure ai negozianti e ristoratori.

M.
 
 
#12 rana 2011-12-13 19:49
i forastir? machere se ne vonn!
tipica espressione polignanese.
 
 
#11 Polignano turistica 2011-12-13 01:33
Deve avvenire il cambio, se non avviene il cambio avremo tempi sempre più duri.
A buon intenditor poche parole...
 
 
#10 MINGUCH U MURT 2011-12-12 08:59
Se a Polignano abbiamo avuto un po di visibilità lo sideve al compianto Dott. Pietro Mongardi, da quando lui non c'è piu', ed abbandono' tutto, nn è rimasto piu' niente.
L'aministrazioni assenti, ass.ri non all'altezza, del compito affidatogli, ecc... Erano sono stati e saranno incompetenti... Saluti
 
 
#9 SENZA PAROLE 2011-12-11 23:00
Polignano è un paese davvero splendido del quale chiunque s'innamora a prima vista,ma purtroppo per via di un'amministrazione comunale disinteressata al bene collettivo perde di stima e valori...delusa sempre di più!!! :eek:
 
 
#8 arturo paganelli 2011-12-11 19:42
è dal 2000 che sento sempre le stesse cose!!!..un disco rotto! ma diciamoci la verità interessa veramente il paese turistico?...
 
 
#7 Cacioricotta 2011-12-11 15:23
Abbiamo una risorsa (il territorio), se turismo "mordi e fuggi" dev'essere ke si individuino le strategie migliori per ottimizzarlo, attraverso una pianificazione ke abbracci vari orizzonti temporali.
 
 
#6 Turista 2011-12-11 12:14
...ma sono i flussi turisici dei "bed and breakfast" o in generale?
Cari operatori turistici il turismo è una cosa seria!Innanzitutto cominciate ad avere rispetto dei clienti e a non prenderli in giro con i prezzi da hotel a 4-5 stelle.
Dovete cominciare a studiare un sistema con delle politiche tariffarie differenti in base a quello che offrite!
Ora con altri 2 film che stanno girando a Polignano , riceverete tanta pubblicità pertanto tenetevi pronti ad accogliere altri potenziali visitatori.
Vedo che nella foto in prima fila c'è anche il signore dei giri in barca!ahahaha Anche lui vi dà i dati statistici?quest'anno ho letto che è diventato dipendente comunale quindi non farà più gite !
Comunque Buone feste e in bocca al lupo a tutti!
 
 
#5 ruge 2011-12-11 09:17
è la sconfitta della dirigenza politica e tecnica di questo paesello ma da troppi anni, rimaniamo una dependance di monopoli , niente di piu'... , per scaldare le poltrone basterebbe mettere tanti precari che avrebbero piu' dignita' di sedere su quelle sedie comunali
 
 
#4 Ultimo 2011-12-10 20:13
Per amministratori e tecnici "competenti" nell'ambito del turismo: Siete inadeguati!
(per non dire qualcosa di molto peggio)
 
 
#3 a+ 2011-12-10 18:44
perchè esiste a Polignano un altro tipo di turismo?dove?come?quando?
 
 
#2 giambattista giulian 2011-12-10 17:02
che a Polignano ci siano più turisti di passaggio che pernottamenti è fisiologico, il nostro comprensorio turistico è particolarmente appetibile proprio per la varietà dei paesaggi e delle mete raggiungibili in pochi km. Chi pernotta a Polignano visita Ostuni, Alberobello ecc... e viceversa. Come emerge dallo stesso articolo, prendere come riferimento i dati dell'ufficio turistico è risibile, l'ufficio stesso ha svolto un lavoro parziale come giorni di apertura e come orari, snobbando tutti i mesi primaverili che dal punto di vista delle presenze di stranieri valgono quanto giugno almeno.
Nel calcolo inoltre vengono trascurate le presenze del villaggio turistico Pietra Blu, alcune centinaia di posti letto che hanno dato una grossa mano alle presenze in città.
Facciamoci un esame di coscienza, perchè dovrebbero scegliere un paese dove è impossibile farsi un bagno? Dove il mare è una chimera, il traffico è soffocante e i servizi latitano?
Se al posto di quel porto si facessero stabilimenti balneari?
Dimenticavo, qui si pensa alle tasche di pochi e non al bene di tutti...
 
 
#1 ciccillo 2011-12-10 13:23
perchè a Polignano si può fare un turismo diverso?e da quando?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI