Sabato 19 Gennaio 2019
   
Text Size

12 MILIONI PER IL RECUPERO DELLA COSTA

polignano_fiori

POLIGNANO: FONDI FAS DESTINATI AL RECUPERO DELLA COSTA E DELLE STRADE RURALI


Sono tre miliardi i fondi Par- Fas finalmente sbloccati per lo sviluppo della Regione Puglia. Dopo molta attesa il governo e la Regione hanno firmato il Programma attuativo regionale sull’uso dei Fondi per le aree sottoutilizzate (Par-Fas).

Ai Trasporti vanno 870 milioni (alta capacità ferroviaria Bari Napoli, opere stradali, mobilità urbana, aeroporti, nodi portuali), altri 330 milioni alle opere idriche, 90 milioni alle bonifiche, 17 alla banda larga.

17 MILIONI PER POLIGNANO - Anche Polignano figura come comune di destinazione dei fondi, 17 milioni alla difesa del suolo (costa alta e falesia) insieme ai comuni di Santa Cesarea, Gagliano del capo e Mattinata. La firma dell’accordo è stata apposta venerdì 29 luglio dal ministro degli affari regionali Raffaele Fitto e dal governatore Nichi Vendola. Soldi che si uniscono ai 542mila euro in arrivo dalla Provincia destinati al recupero urbano e ambientale (Cala Paura).

Un’opportunità di vitale importanza per il comune polignanese e per le sue coste che sono da molto tempo a rischio crollo e che vedrebbero una risoluzione grazie all’utilizzo di questi fondi che il governo nazionale metterà a disposizione per completare il pacchetto di risorse comunitarie. La Puglia è la prima delle regioni ad attingere a queste risorse, congelate da due anni. In questo modo la Regione può cominciare a programmare gli interventi, bandire gli appalti e avviare i cantieri.

Sono previsti anche finanziamenti per le strade rurali a Polignano nei 95 milioni sbloccati per i comuni pugliesi dalla giunta regionale per progetti coerenti con i fondi europei. Una manna dal cielo per riportare in splendore le zone di campagna che caratterizzano il nostro paese.

Più volte l’amministrazione è stata sollecitata in questo senso a seguito di richieste avanzate dai cittadini e dalle agenzie turistiche per l’interesse che le zone rurali suscitano nei visitatori. Le proposte di passeggiate pedonali, di ristrutturazione dei muretti, di risistemazione dei manti stradali con l’obiettivo di dare il giusto valore alle bellezze paesaggistiche che più ci caratterizzano, possono finalmente realizzarsi con l’utilizzo di questi fondi.

Commenti  

 
#3 pensierostupendo 2011-08-06 16:32
La redazione in una eventuale intervista all'amministrazione dovrfebbe chiedere: la giunta che ha messo in piedi progettualità e richiesta di finanziamenti quake è stata la prima o la seconda dopo il rimpasto, dalla risposta se sincera si capirà chi ha fatto il bene del paese. In bocca al lupo a chi gestirà tutto questo con la speranza di vedere applicati medoti seri ed efficaci.
 
 
#2 sfiduciato 2011-08-04 14:48
dubito fortemente che questi fondi saranno correttamente utilizzati,l'avidità e l'incompetenza dei nostri politici unita ad un misto di indifferenza ed indisponenza nei confronti del paese e dei paesani, vanificheranno le aspettative dei cittadini... ai posteri l'ardua sentenza...
 
 
#1 up 2011-08-04 08:43
non è che con i fondi si risolva tutto in automatico , credo servano piani attuativi
ed esecutivi. Si dovrà si spendere , ma senza sbagliare un colpo ,speriamo meglio di come si è fatto in passato con la pista ciclabile , i sottopassi ferroviari , l'informagiovani .
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI