Giovedì 20 Giugno 2019
   
Text Size

PIETREGEA LIBERA - FOTO. IL RACCONTO SHOCK

lomelo-soressa-accessi-al-mare-pietregea-polignano

ARRIVANO LE RUSPE 'VERDI'. I MASSI ABUSIVI IMPEDIVANO L'ACCESSO A PIETREGEA

Il sig. Soressa ha un figlio disabile: 'Mi dicevano prenditelo in braccio e portalo in spiaggia'

 

Una ruspa spazza via i massi che sbarravano l’accesso al mare a disabili e soccorsi, e sfila trionfante tra gli applausi dei bagnanti di Pietra Egea, a 2 km da Polignano. Sembra la scena finale di Gomorra, solo che in questo caso la ruspa ripristina la legalità cancellando il corpo del reato. Così, sabato mattina, l’iniziativa promossa dai Verdi di Polignano strappa applausi e favori del pubblico, con tutti gli occhi delle telecamere puntati. Nella galleria fotografica in basso, a fine articolo, ci sono volti e fasi della rimozione.

Il signor Soressa (foto apertura, il primo a sinistra) frequenta la spiaggia da quarant’anni, con moglie e figlio diversamente abile in carrozzella. Lelomelo-soressa-accessi-al-mare-pietregea-polignano sue accuse, peraltro già anticipate tempo fa dopo una nostra conversazione privata a Cala Fetente, sono gravi: “Abbiamo chiamato il 112 e non è venuto nessuno. A maggio ho fatto fare le foto ai vigili e mi hanno detto che facevano l’esposto. Tutti mi dicono che non ci sono pattuglie disponibili. Abbiamo chiamato il numero verde della regione ma non è servito a nulla, eppure loro dovrebbero ripristinare la legalità. Mi sono recato come libero cittadino alla Capitaneria di Porto a Monopoli e mi hanno detto: “suo figlio se lo prenda in braccio e lo porti sugli scogli. Possibile che non esista un’ordinanza ministeriale?”.

MIMMO LOMELO (Verdi) esulta e rivendica l’ordinanza regionale di rimozione dei massi emessa nel giugno 2009 (vedi galleria foto in basso): “noi abbiamo ristabilito la legge e la legalità a chi vigliaccamente l’ha negato, dando la possibilità di accesso a disabili, mezzi di soccorso”.

Il 19 luglio la Regione Puglia ha approvato definitivamente il piano delle coste. Alle nostre osservazioni Lomelo aggiunge: “Non ci sono più alibi per l’amministrazione comunale. Ora bisognerà mettere in pratica il piano comunale delle coste che prevede una serie di accessi al mare laddove è possibile, su 12 km di coste bisogna espropriare e rendere fruibili gli accessi negati. Come questi ce ne sono una dozzina da Cozze fino a Torre Incina, che insistono su proprietà private. Noi abbiamo il dovere di liberarli e renderli pubblici con l’esproprio, per applicare il piano comunale delle coste”.

FLAVIO OLIVA (Segretario cittadino dei Verdi) – “Nonostante una interrogazione fatta in consiglio comunale non ci è mai giunta alcuna risposta. Così abbiamo deciso di far venire qui le ruspe, dopo esserci premuniti chiedendo pareri legali. Ci hanno rassicurato che non avremmo subito alcuna conseguenza legale in virtù di una ordinanza regionale di liberazione degli accessi al mare per disabili e mezzi di soccorso. Possiamo festeggiare, basta vedere gli sguardi soddisfatti dei bagnanti. La cosa grave è che qualcuno, dalla regione, aveva suggerito al sig. Soressa che frequenta la spiaggia da quarant’anni di prendersi in braccio suo figlio costretto in carrozzella e portarlo sulla costa”.

“Stiamo individuando altri siti – assicura Oliva, quando gli mostriamo alcuni punti nei pressi del residence con cumuli di rifiuti - Stiamo monitorando la costa per individuare altri punti, stradine che con massi di terra o materiale di risulta sono rese inaccessibili. Quando si impedisce un passaggio, neanche un mezzo di pulizia potrebbe passare”.

CLICCA QUI PER IL COMMENTO DI AUGUSTO CERNO' E DIBATTITO SUI SERVIZI AL MARE

Commenti  

 
#18 Giuseppe C. 2014-06-23 10:15
Sig. Lomelo, complimenti per l'azione di qualche anno fa, ma, cosa è successo a tutto il movimento? L'accesso a pietra egea è diventato pressoché impossibile con i divieti di sosta su ambo i lati e nessun parcheggio disponibile se non quello a pagamento (di un privato) che apre solo nelle settimane/giorni di punta. lo scorso anno (2€ assurdo)
Anche gli accessi alle spiagge lungo Cozze Pietregea sono stati tutti chiusi con cancellate e massi. Pietra blu ha allungato la sua spiaggia di ombrelloni e saluti a tutti i bagnanti. Kilometri e Kilometri di stupende spiagge chiuse al pubblico. Saluti.
 
 
#17 barais 2012-07-08 19:44
vattin va lomelo,...
 
 
#16 enza 2012-07-08 16:50
a parte il passaggio che avete fatto liberare dai massi per il ragazzo disabile, e tutte le altre uscite? quelle che sboccano al mare da cozze a polignano cosa aspettate a spazzare via quei grossi massi che ostruiscono il passaggio sulla spiaggia. perchè dobbiamo pagare le vacanze nel salento se vogliamo un mare decente.
Cavolo noi ce l'abbiamo qui sotto i nostri occhi e non possiamo utilizzarlo è una vergogna, puniteli tutti questi padroni del mondo! E' VERGOGNOSOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!
 
 
#15 ruge 2011-08-08 19:36
ci so tante cose strane a polignano, basta vederli, ma per troppi anni si so chiusi gli occhi, aree di campeggi che so diventati edificabili etc etc, per quanto ancora dovremmo tenerci questi pseudi dirigenti tecnici??
 
 
#14 anonimo 2011-08-08 16:07
strano a Pietregea le macchine no sul mare,gli alberghi si.....non c'e' puzza di qualcosa di strano?Io penso che le vere leggi siano quelle dei piuù forti.....
INDIGNAZIONE
 
 
#13 Flavio Oliva 2011-08-04 01:12
a proposito di immondizia, ma sbaglio o se ne torna indietro da quando hanno rimesso il cancello ????
 
 
#12 Immigrato 2011-08-02 17:43
Per il prof Oliva gli schiamazzi e l'immondizia non ci sarebbero se qualcuno controllasse , e comunque quelle foto di immondizia sono precedentia a la vostra apertura del passaggio, vai a vedere ora. c,e anche puzza di escrementi.avete aperto senza preoccuparvi delle conseguenza. il signore con il figlio disabile con tutte le sue ragioni piu che giuste sta facendo aprire gli occhi su una situazione che prima o poi doveva venire a la luce e anche l'hotel sta ottenento lo stesso risultato come ho scritto nell'altro commento parole, parole, parole, io le vivo sulla pelle queste situazioni, non per sentito dire o letto. Facciamo andare via anche questa gestione dell'hotel come è successa per l'altra lasciando decine di famiglie senza uno stipendio che puo dare una mano ad andare avanti con la crisi attuale... tu flavio o tu lomele muovendovi come Elefanti state solamente creando un casino!!! ripeto aspettiamo che tutto vada come deve andare strade, parcheggi, servizi ect. ect. verdi blu gialli la legge e legge non strumentalizzate una situazione che purtroppo se venuta a creare per colpa di chi, non si sa destra sinistra centro non so.. ma non fate altri danni.
 
 
#11 Immigrato 2011-08-02 17:28
.parole,parole,parole, nella notte di ieri per chi legge qualcuno ha messo la sbarra, questa mattina il signore con il figlio disabile ha bloccato la strada mettendo l'auto di traverso e il figlio seduto su una seggiola sotto l'ombrellone, perche . E' venuta la capitaneria , i vigili urbani, i carabinieri, risultato? La sbarra e rimasta perche per decreto sulla spiaggia con l'auto non ci vai (mai visto a Monopoli auto sulla sabbia?) i vigili non hanno potuto far niente perciò le auto sono state parcheggiate sulla strada dove non essendoci parcheggio comunale non è possibile multarle. Per chi, da la colpa a l'hotel devo dire che...propio perche c'è l'hotel forse ora finalmente l'amministrazione sta facendo applicare le leggi e sistemando per bene il parcheggio e la strada ci vuole tempo. (n.b. so dei progetti).Ora si torna a Lomelo facile fare il paladino. Ci vuole tempo per tutto. Ultima cosa, a chi viene sulla spiaggia fare 200 o 300 metri a piedi gli diventa difficoltoso per dove è situato il parcheggio, però magari dopo che la spiaggia e piena anche parcheggiare sulla complanare vabene o pure mettere le auto in curva ostruendo il passaggio ai mezzi di soccorso va bene, o anche come oggi parcheggiare d'avanti a la sbarre e stata una GENIALATA! Ora smetto di scrivere altrimenti veramente mando qualcuno al rogo ;).per This la barra o il palo a che che sia potrebbe anche non esserci se tutti seguissereo le regole.
 
 
#10 sfiduciato 2011-08-02 15:52
qualcuno mi sa dire come mai il lido "cala San Giovanni", contrariamente a qualsiasi altro lido nei d'intorni, non fornisce nessun accesso alla spiaggia? N.B. mi riferisco proprio al fatto di poter accedere alla "striscia di sabbia" e non al mare perchè so che un accesso "all'acqua" in zona c'è anche se è abbastanza distante.Ma mi chiedo anche la battigia non è proprietà di tutti ? non c'è una legge che consente ai cittadini di arrivare al bagnasciuga senza pagare alcun ingresso?
 
 
#9 nn skierata politica 2011-08-02 14:43
uffa! davvero hanno di nuovo chiuso il passaggio? Flavio Oliva, non facciamo venire strane idee in testa all' amministrazione e cioè di chiudere il passaggio anche di altri posti ( voci che già ho sentito in giro). Il comune si occupi di cose più serie! tra qualche anno a Polignano solo chi paga o chi compra una casa( abusiva ) sul mare potrà fare il bagno!
 
 
#8 Flavio Oliva 2011-08-02 11:54
Per venire incontro agli schiamazzi di qualcun'altro, da stamattina la nostra SOLERTE AMMINISTRAZIONE COMUNALE, ha pensato bene di posizionare un cancello per allontanare ancora di più l'ingresso per i mezzi di pulizia e di SOCCORSO !!!! strano che a CHIAR DI LUNA e PORTO PARADISO le macchine sulla scogliera non diano fastidio all'AMMINISTRAZIONE !!!forse perchè non c'è nessun HOTEL nei dintorni ???? saranno contenti quelli che parlavano di strumentalizzazione da parte nostra, continuate a FARVI METTERE I PIEDI IN TESTA !!!!
 
 
#7 AMANTE DEL MARE 2011-08-02 09:58
SONO CONTENTISSIMA PER I MASSI TOLTI A PIETREGEA, MA GLI ALTRI ACCESSI AL MARE QUANDO SARANNO SISTEMATI?.
E' MAI POSSIBILE CHE IO NON POSSO ANDARE ALLA GROTTA DELLE RONDINELLE, A PORTO PARADISO O A PORTO VERGINE, PERCHE' AVENDO UNA MACCHINA BASSA RISCHIO DI SPACCARLA SOTTO?
E IL PROBLEMA DEI PARCHEGGI QUANDO LO RISOLVIAMO?. PERCHE' NON UTILIZZARE QUEL TRENINO CHE CIRCOLA DI SERA PER FARE ANDATA E RITORNO,PER ESEMPIO OGNI MEZZ'ORA DA PIETREGEA A TORRE INCINA?
 
 
#6 anonimo 2011-08-02 00:43
complimenti finalmente qualcuno ha avuto la bontà di fare qualcosa per il paese e non per la propria tasca.
 
 
#5 claudiano 2011-08-01 14:28
Forse i massi sono stati messi da qualcuno che ha proprietà a ridosso della costa e che non vuole sentire schiamazzi "plebei" da "gentaglia da spiaggia libera" come siamo stati definiti, con la compiacenza di autorità varie con la sindrome dello struzzo, testa nella sabbia per non vedere.
Non vorrei che questa gente infastidita abbia messo qualche regalino per loro sotto la sabbia......
 
 
#4 UP 2011-08-01 11:57
serve che nelle vicinanze degli accessi alle spiaggie , siano realizzati ampi parcheggi , magari gestiti da giovani in cooperativa e possibilmente anche servizi igienici .
 
 
#3 per polignano 2011-08-01 11:29
Bravo Mimmo bisogna aprire anche altri passaggi per andare al mare
 
 
#2 MAGONZESE 2011-08-01 10:41
BRAVI , FINALMENTE, ERA ORA.
 
 
#1 this 2011-08-01 09:49
ecco dimostrato l'impegno di Polignano come città turistica...
Ma cosa costava al comune mettere un palo centrale per non far passare le macchine? Secondo loro sono meglio dei massi così blocchiamo un po' tutti a piacimento?

Sono cose fattibili: la carrozzina di un disabile è più piccola di un auto...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI