Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

DANNI E GRANDINE: BOTTA RISPOSTA FOCARELLI - TORRES

grandine-maltempo-polignano-rutigliano

FOCARELLI: 'BISOGNAVA INTERVENIRE SUBITO'

TORRES: 'IL FONDO DI RISERVA NON BASTA'

Oltre 100mila euro solo i danni ai lampioni pubblici. La Regione Puglia non delibera.

 

 

Le interrogazioni a margine dell’ultimo consiglio comunale hanno riaperto nuovamente il dibattito attorno alla sciagurata calamità e agli ingenti danni provocati dalla grandine.

Angelo Focarelli (PD) è dell’idea che l’amministrazione sarebbe dovuta “intervenire entro le 24 ore dalla grandinata”, attingendo risorse dal fondo di riserva. Il consigliere Pd, incalzato durante l’ultimo consiglio dal presidente Onofrio Torres, chiede all’amministrazione il rendiconto dei danni al patrimonio pubblico (edifici, lampioni, vetri), quindi l’ammontare in euro, in attesa che il governo regionale di Puglia si decida a deliberare per il riconoscimento dello stato di emergenza, delibera che inspiegabilmente tarda, ancora oggi ad essere approvata. Focarelli chiede, inoltre se ci sono disponibilità liquide in bilancio e se sono stati effettuati già degli interventi.

grandine-danni-agricoltura-polignano-a-mare

Il presidente Onofrio Torres, intanto, ha escluso che il gruzzoletto del fondo comunale di riserva - pari oggi a non più di 50-60 mila euro - utilizzato loscorso anno per l'estate polignanese - possa bastare, dal momento che solamente i danni ai lampioni pubblici (specie quelli ornamentali del lungomare Modugno e del ponte su Lama Monachile) superano quota 100mila euro.

“Io sono pessimista – aveva confidato qualche giorno fa, in esclusiva ai nostri microfoni, l’assessore provinciale Onofrio Resta - la mia impressione è che non avremo nulla. Bisogna smentire tutte quelle interviste e manifestazioni di propaganda, di protagonismo che si sono viste negli ultimi giorni, perché così si rischia di illudere la gente e soprattutto gli agricoltori. Noi, come ente provinciale - assicurava Resta - ci stiamo muovendo, ma non vedo reali possibilità di successo. Nel nostro piccolo facciamo il possibile”.

consiglio-comunale-2010LA DELIBERA CHE NON C’E’ - “Senza quella delibera di giunta regionale - osservò polemica l’on. Elvira Savino ai nostri microfoni - non possiamo sollecitare la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Senza questa delibera di giunta regionale non c’è alcuna strada percorribile.

Il fatto che la regione Puglia non l’abbia ancora approvata è un fatto grave, di natura politica. Forse il nostro territorio risponde meno a interessi particolari di natura politica, per cui qualcuno ha ritenuto che non fosse necessario essere solleciti nel produrre questo atto deliberativo? Chissà!”

“Invece che pensare alla Regione, voi cosa avete fatto?” – è la domanda che Focarelli rivolge all’amministrazione comunale.

TORRES: ‘PROTESTA A BARI’ – Il presidente del consiglio comunale Onofrio Torres prepara i megafoni per una eventuale protesta. “Prendendo spunto dalle alluvioni del 2006 quando nessuno ebbe un solo centesimo, sono dell’idea di preparare un’azione di forza verso la regione Puglia – dichiara Torres – in attesa che approvi questa delibera”. Organizzare un consiglio comunale di protesta sotto i portici della regione, a Bari, con un pullman gratis per i polignaesi. Questa la proposta del presidente.

DOMANDElampioni-rovinati-grandine-polignano

-       Perché il governo regionale non approva la delibera che prosegue l’iter verso il riconoscimento dello stato di emergenza?

-       Senza questa delibera, gli operatori agricoli rischiano di non avere nemmeno un euro?

-       Cosa può realmente fare, oggi, l’amministrazione comunale, nell’attesa che il governo regionale si decida a deliberare? Da dove può attingere risorse per riparare almeno i danni più evidenti al patrimonio pubblico?

-       Cosa è stato fatto nel 2006, l’indomani della devastante alluvione che mise a nudo le lame di Polignano rese fragili dalla speculazione edilizia, e provocò tre vittime nella provincia di Bari?

 

Tutti i link correlati alla notizia:

VEDI ANCHE: GRANDINE, FORSE NON AVREMO UN EURO

CLICCA QUI: COME CHIEDERE I DANNI

CLICCA QUI PER TUTTE LE FOTO DELLA GRANDINE

L'AMIANTO DOPO LA TEMPESTA: PERICOLO ETERNIT ALLA STAZIONE DI POLIGNANO

CLICCA QUI PER IL VIDEO SHOCK GIRATO DA CREMERIA 110

CHIUDE IL FARMER MARKET DEI F.LLI TEOFILO

DANNI AL CIMITERO: TUTTE LE FOTO

 

 

Commenti  

 
#9 bovetto 2011-07-10 09:39
il mio intendimento era quello di far capire che spesso le lame o come desiderate chiamarle....in questo paese vengono deturpate o usate come posto per costruirvicisi, se cambiamo il corso normale e naturale che per secoli hanno avuto le acque per defluire non possiamo prendercela se si allagano strade o si rovinano spiagge appena risistemate.
 
 
#8 minguccino 2011-07-09 15:38
infatti anche il sottopassaggio di via castellana pur non chiamandosi lama, la fisica dice che da li deve defluire l'acqua e quindi si allaga (esempio di mancanza di memoria storica)
 
 
#7 sasa 2011-07-08 14:33
i nostri amministratori (focarelli e torres in particolare)tacciono!sarà che stanno valutando il da farsi?sarà che si stanno informando?sarà che sono incopetenti? aspetto risposte....
 
 
#6 per bovetto 2011-07-04 18:54
si poteva chiamare anche "vaso" o "cazzuola" ciò che fa defluire l'acqua è il gradiente topografico,ovvero,l'onnipresente gravità e non il suo nome lama...
 
 
#5 sasa 2011-07-04 15:36
bovetto il problema non è il defluire delle acque in se,ma come defluisce.vuoi che te lo spieghi nel dettaglio?ti dico che un po ne capisco...
bisognerebbe fare attenzione a grotta ardito che è pericolante e non fatiscente, il bastione di santo stefano,la zona di ca blu e in altri punti lo stesso costone, e quel bell edificio affianco a donna gina (dove c'è il cartellone vendesi)che non aspetta altro che cadere!e altro ancora.......
 
 
#4 del mestiere 2011-07-04 08:23
perche nn rifacciamo grotta ardito che è fatiscenteeeeeeee, sveglia sveglia
 
 
#3 bovetto 2011-07-04 08:01
quella si chiama lama..monachile, proprio pechè serve a far defluire le acque,...
 
 
#2 sasa 2011-07-03 09:50
un altra cosa vorrei chiedere ai signori amministratori: per lama Monachile dobbiamo continuare a spendere soldi per la sistemazione dopo ogni pioggia o vogliamo sistemarla una volta per tutte? perchè continuare sistematicamente questo scempio del ripascimento è ridicolo!
 
 
#1 sasa 2011-07-02 17:17
invece di pensare ai lampioni pubblici, pensiamo alla salute pubblica...per l'AMIANTO alla posta e alla stazione cosa intendono fare i nostri amministratori? spero che torres e focarelli interessati in questo articolo rispondano...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI