Lunedì 18 Marzo 2019
   
Text Size

ARRIVA LA NUOVA 'MONETA' SCEC: CHE NE PENSATE? VIDEO

benedetti-leo-cna-sce-polignano

 

A POLIGNANO ARRIVANO GLI SCEC. 1 SCEC = 1 EURO

Il video-appello di Leo Benedetti (CNA)



Martedì 28 giugno 2011 si terrà l'incontro per presentare l'iniziativa “SCEC”, presso la sede del CNA in via Pompeo Sarnelli, Polignano a Mare, ore 15:30 (convocazione unica).

“L'iniziativa “SCEC” - si legge nella nota stampa diffusa da Polignano R-Evolution - mirerà a risollevare l'economia locale oramai messa alle strette dalla continua crisi economica". Intanto, a seguire il video-appello di Leo Benedetti, presidente del CNA di Polignano (segue articolo e link):

COSA SONO GLI SCEC? - "Il progetto - spiega Polignano R-Evolution - si muove perseguendo un principio cardine: riportare gli investimenti sull’economia reale agevolando il consumo di ciò che noi stessi produciamo. E lo fa introducendo in circolazione un abbuono, lo SCEC che rappresenta il “simbolo concreto di un patto, stretto fra persone comuni, imprese commerciali, artigiane ed agricole, fra professionisti ed Enti locali, al fine di promuovere localmente lo scambio di beni e servizi accettando una riduzione percentuale del prezzo rappresentata dagli ŠCEC”.

Per motivi di praticità hanno un cambio di 1:1 con l’euro (quindi uno ŠCEC equivale ad un Euro) ma, ovviamente, non sono convertibili, possono solo passare di mano in mano sulla fiducia, da qui la Solidarietà che Cammina.

Parlando in termini concreti, ciascun cittadino può usufruire di SCEC, che possiamo paragonare a buoni sconto, e per averli è sufficiente iscriversi (non costa nulla) alla piattaforma on-line di Arcipelago SCEC (www.scecservice.org) e ritirare un blocchetto di 100 SCEC dal Punto SCEC abilitato a distribuirli.

Naturalmente il commerciante, nel confermare l’iscrizione potrà indicare liberamente la percentuale di accettazione dei Buoni Locali, valore che si aggira solitamente tra il 10 e il 30% del prezzo del prodotto o del servizio. Percentuale che potrà variare in qualsiasi momento solo con una semplice comunicazione. Per intenderci, ciascun esercente potrà decidere liberamente la percentuale di sconto.

Sostanzialmente sono emessi ŠCEC del taglio di 0,50 – 1,00 – 2,00 – 5,00 – 10,00 – 20,00 – 50,00.

Facciamo un esempio. Se spendiamo 20,00 euro, con 10% di accettazione da parte del commerciante, potremo pagare il bene acquistato con 18,00 euro + 2,00 ŠCEC. Questi due SCEC poi saranno reimpiegati dal commerciante per le sue spese e così via.

Per ulteriori informazioni potete visitare il sito www.arcipelagoscec.net

Nella giornata di presentazione, interverrà uno dei fondatori dell'Arcipelago SCEC, il Sig. Giuseppe Sblano che illustrerà il funzionamento e i modi di attuazione dell'iniziativa.”

 

VEDI ANCHE I VIDEOAPPELLI DI SPANO E ROMANAZZI

 

Commenti  

 
#46 leo benedetti 2011-07-01 16:47
X Illustri Economoisti,
non mi offendo, stai tranquillo, come ben dici, con un esempio da quinta elementare ti ho spiegato come la penso.
Il Signoraggio, l' economia, la finanza, le lascio a te, vista la tua competenza in materia.
 
 
#45 Illustri economisti 2011-07-01 01:19
Scrive Leo Benedetti:

Ciao a tutti,
io ho aderito, investendo 20 euro, tu cittadino ricevi gratuitamente gli scec
vieni da me e ti applico il 10%, a questo punto o li riutilizzo o posso tranquillamente cestinarli.
Io la vedo così, senza tanti giri di parole, inganni, trappole etc.

es:
siamo in 10, decidiamo di andare a mangiare una pizza, andiamo da Mario Cuccundeo, conto 150,00 euro meno il 10%
135,00, abbiamo risparmiato 15 euro, poi di quello che farà Mario con gli scec sinceramente mi importa poco.
-----------------------------------------


Senza offesa: ma se questa risposta stile "terza media strazzata" da sempliciotto è quanto di meglio sa scrivere e spiegare il presidente della Cna nonchè promotore del progetto scec, amici miei stiamo messi proprio male......
 
 
#44 Giuseppe LAbbate 2011-06-30 23:58
Per kappa
Sig. kappa questa è l'ultima risposta che le do, poiché mi sembra che la discussione stia diventando un po' surreale. Se avesse ulteriori dubbi può recarsi presso il Punto SCEC e sarò disponibilissimo a darle tutte le risposte e chiarimenti che vuole. Può venire anche con il suo commercialista.

"Da un componente del neo-nascente Movimento 5 Stelle di Polignano mi aspetterei anzitutto un pò più di cautela. Possibile che mai nessuno riconosca un errore, in questa maledettissima Italia, e dica "ok, scusate, mi sono sbagliato"?" - Ma in cosa avremmo sbagliato? Abbiamo proposto una iniziativa che è stata attuata da migliaia di comuni in Italia, basta guardare qui http://www.scecservice.org/pagineauree.php
Le conclusioni sono 2: o tutti questi esercenti sono dei cretini oppure l'iniziativa funziona e comporta dei vantaggi. Se poi i polignanesi non la riterranno valida pazienza, secondo noi avranno perso una grande opportunità di riappriopriarsi di una sovranità che purtroppo ci hanno rubato.

"A questo punto meglio creare una tessera da regalare a chiunque ne faccia richiesta, che permetta di ricevere sconti da un minimo del 20% (ad esempio) negli esercizi convenzionati. Per i cittadini ci sarebbe risparmio e i commercianti saprebbero che non stanno intascando carta senza valore, ma la fiducia dei propri clienti." - Ma lo SCEC cosa è? E' proprio questo, solo che il commerciante invece di perdere definivamente quel 20% lo incassa sottoforma di SCEC, il quale non è altro che la fiducia del consumatore e del venditore che passa di mano in mano (da qui SCEC = Solidarietà ChE Cammina).
Vede che anche lei condivide il principio dell'Arcipelago SCEC?
 
 
#43 x kappa 2011-06-30 20:13
spero che lo stesso valga per te...se avrai sbagliato l'affermerai? e visto che hai ottime idee come la tessera per lo sconto perchè non le hai espresse prima?
 
 
#42 kappa 2011-06-30 17:43
Giuseppe L'Abbate,
50 mila euro di incasso, dopo un anno di lavoro, per un commerciante sono la normalità. E se anche fossero 5mila SCEC in 2 anni sono comunque 5mila euro immobilizzati in carta senza valore legale. E se la piattaforma SCEC fallisse in 4-5 anni gli SCEC in tasca di ciascun commerciante sarebbero 10-12mila. E tra 4-5 anni che ci fa?
Da un componente del neo-nascente Movimento 5 Stelle di Polignano mi aspetterei anzitutto un pò più di cautela. Possibile che mai nessuno riconosca un errore, in questa maledettissima Italia, e dica "ok, scusate, mi sono sbagliato"?
A questo punto meglio creare una tessera da regalare a chiunque ne faccia richiesta, che permetta di ricevere sconti da un minimo del 20% (ad esempio) negli esercizi convenzionati. Per i cittadini ci sarebbe risparmio e i commercianti saprebbero che non stanno intascando carta senza valore, ma la fiducia dei propri clienti.
Qualora, come immagino, non vogliate seguire le nostre osservazioni, spero che tra qualche anno, ad iniziativa fallita, avrete almeno l'onestà di dire "ho sbagliato".
 
 
#41 leo benedetti 2011-06-30 13:49
Ciao a tutti,
io ho aderito, investendo 20 euro, tu cittadino ricevi gratuitamente gli scec
vieni da me e ti applico il 10%, a questo punto o li riutilizzo o posso tranquillamente cestinarli.
Io la vedo così, senza tanti giri di parole, inganni, trappole etc.

es:
siamo in 10, decidiamo di andare a mangiare una pizza, andiamo da Mario Cuccundeo, conto 150,00 euro meno il 10%
135,00, abbiamo risparmiato 15 euro, poi di quello che farà Mario con gli scec sinceramente mi importa poco.
 
 
#40 Lele 2011-06-30 12:54
Il sistema SCEC non ha niente a che fare col multilevel- marketing .

Per il signoraggio informatevi direttamente dalla fonte, LA BANCA D'ITALIA:

www.bancaditalia.it/bancomonete/signoraggio

Poi fatevi anche un giro nella pagina delle PROGETTUALITA' che nascono in ArcipelagoSCEC:

www.scecservice.org/wp/?page_id=67
 
 
#39 Giuseppe LAbbate 2011-06-30 07:36
Per Settico e Illustri economisti

"Se un negoziante di generi alimentari ha una media di 100scec al giorno, sarebbero 3000scec al mese...che per 12 mesi sono36000 all'anno" - Magari accadesse tutto ciò!!! Avere in cassa 100 SCEC al giorno, con una accettazione del 10%, significa incassare € 900,00 al giorno e cioè 900x30x12 = € 324.000,00 all'anno! Caspita, obbiettivo raggiunto!!! Il commerciante ci ringrazierebbe per tutta la vita eheh. In più avremmo fatto risparmiare ai consumatori ben € 36.000 che potrebbero essere utilizzati per pagare Enel, Italcogim, Telecom ecc ecc.
Ricordiamo che lo SCEC è spendibile solo insieme agli euro e non singolarmente, tranne se non ci fosse qualcuno che accetti il 100% in SCEC.
Il problema di un eccesso di circolazione di SCEC però non sussiste, in quanto la quantità di SCEC che deve circolare si calcola con una semplice formula e risponde ad una legge naturale. Chi ha partecipato all'incontro di martedì 28 giugno la conosce.
Tngo però a precisare una cosa: tutte le perplessità del caso mi stanno bene, perché è giusto che ognuno di noi si ponga delle domande, però buttare fango su una associzione, quale Arcipelago SCEc, che esiste e lavora senza fini di lucro dal 2008 e che ha avuto il permesso di portare avanti il proprio lavoro dalla Guardia di Finanza e dal Ministero dell'Interno, questo proprio non mi va giù. Accusare una associazione di lucrare cosa? Ma se una fotocopia costa € 0,10 mi dite quanto costa stampare gli SCEC? Sono appena € 20 all'anno il primo anno e € 10 e 10 SCEC dal secondo anno in poi, chiunque ha una associazione sa benissimo quali sono i costi per poterla tenere in piedi. Mi sembrano veramente degli attacchi gratuiti!

Per io cero
"grazie alle domande di Pacelli della cna e del segr. scagliusi - che è pure commercialista - ho capito che ci sta qualche inganno sotto" - Mi sapreste dire quale sarebbe l'inganno? E' giusto che se ha dei dubbi li esponesse anche per rendere la cosa più chiara al resto della collettività.
"io non mi fido e non mi assocerò,e anche gli altri presenti faranno lo stesso" - Non è assolutamente vero, perché proprio tra i presenti c'erano già alcuni associati.

Per kappa
"Supponiamo che io, commerciante, abbia in mano 5000 SCEC. Ora, ammesso che io non possa pagarci le bollette né le tasse (cosa nota e ovvia), mi terrò questi SCEC in cassa, per fare acquisti in giro..." - Vale la stessa risposta di prima, avere in cassa 5000 SCEC con una accettazione del 10% significa aver incassato ben € 45.000 magari!!!
 
 
#38 kappa 2011-06-29 20:42
Signora Annamaria,
dubito che il mio scetticismo sia dovuto alla "troppa TV", dato che non ho il tempo di guardarla, nè alla conseguente mia scarsa "cultura", dato che ho avuto la pazienza di studiare per una buona parte della mia vita. Escluderei anche la mia scarsa conoscenza di internet, dato che mi occupo di sviluppo del business su internet da quando, probabilmente, lei non sapeva neanche cosa fosse un computer.
Ora, se a parte le offese lei volesse spiegarmi, per bene, in cosa pecca il mio ragionamento le sarei molto grato. Magari lei che ha il cervello che straripa dalle orecchie e dal naso puoi aiutarmi a comprendere.

A Giuseppe L'Abbate e agli altri SCECchiani, faccio un'ulteriore domanda (magari anche lei Annamaria potrà cimentarsi in una risposta più analitica). Supponiamo che io, commerciante, abbia in mano 5000 SCEC. Ora, ammesso che io non possa pagarci le bollette né le tasse (cosa nota e ovvia), mi terrò questi SCEC in cassa, per fare acquisti in giro. Si noti che gli SCEC dei commercianti non sono a costo zero, poiché li hanno "sostituiti" a parte dei propri guadagni. Ora, mettiamo il caso che un domani, tra 5-6-50 anni il sistema SCEC vada a farsi friggere, che non ci siano più convenzioni, cosa ci faranno i commercianti con migliaia di banconote "del Monopoly" che non hanno alcun valore reali sui Mercati?

Ovviamente mi scuso in anticipo per la domanda, chiara dimostrazione che sono ignorante e prevenuto...
 
 
#37 x illustre economist 2011-06-29 18:59
ti dico solo questo: ti sei informato sulla situazione dei paesi che da anni l'hanno accettata questa iniziativa?hai chiesto a qualche commerciante di questi paesi la loro situazione (via mail è semplicissimo)? O come sempre si parla per pregiudizi e per istinto si teorizza senza avere solide basi di informazioni? Ahhhhhhh...
 
 
#36 io cero 2011-06-29 18:24
e grazie alle domande di Pacelli della cna e del segr. scagliusi - che è pure commercialista - ho capito che ci sta qualche inganno sotto. io non mi fido e non mi assocerò,e anche gli altri presenti faranno lo stesso.
 
 
#35 Illustri economisti 2011-06-29 14:04
l'inghippo sta proprio a danno dei commercianti. ecco perchè consiglierei a benedetti e tutti gli altri promoters (spano, pace, romanazzi, ecc) per la prossima volta di consultarsi con dei professionisti prima di lanciarsi in iniziative balorde delle quali, loro stessi (sicuramente in buona fede) non hanno capito una mazza.

il raGionamento di scettico è perfettamente centrato: se ogni commerciante accumula in un anno l'equivalente di 36000 euro di scec (ma anche se fossero solo 10000) avete idea di quanto milioni di euro in scec accumulerebbero in totale tutti i commercianti polignanesi in un solo anno ? e come cavolo potrebbero mai spendere a loro volta tutti questi milioni di scec ?????? dovrebbero a loro volta spendere in totale milioni e milioni di euro per poter spendere su ogni acquisto un 10-20% di scec.

dovrebbero creare un giro colossale di denaro che a polignano non esisTe neppure sommando i soldi di tutti i polignanesi messi insieme.

basta una semplice calcolatrice per rendersene conto che è impossibile attuarlo.

il guadagno certo è solo di chi stampa gli scec: prima di tutto sta neLla differenza tra quanto pagano i commercianti per associarsi e quanto loro pagano realmente alla tipografia. la differenza è tutto guadagno.
e poi: chi sono i proprietari delle tipografie ????? saranno loro stessi ????

e' la solita vecchia catena di sant'antonio: chi ci gUadagna sono quelli che stanno alla base della catena. in questo caso specifico chi ci perderà saranno i primi che pagano, cioè proprio i commercianti, i quali con incredibile ingenuità, stanno promuovendo un'iniziativa ai loro danni.

pagate, associatevi, e poi vedrete i "frutti". tra qualChe mese gli scec a polignano saranno già scomparsi, e voi ci avrete rimesso solo soldi.

moltiplicate la quota associativa di tutti voi da pagare a chi emette gli scec, pensate al loro guadagno tra la differenza tra quanto incasseranno da voi e quanto pagheranno alla tipografia ed il loro guadagno è bello e pronto.
tra qualche mese gli scec saranno sKomparsi e ciao ciao a vostri soldi.

vogliono farci credere di combattere il signoraggio creando invece un signoraggio a vantaggio delle loro tasche.

amici commercianti, non buttate Y vostri soldi, fossero anche solo 20 euro a testa.
 
 
#34 SCETTICO 2011-06-29 11:07
Lo scec è un beneficio solo per le famiglie, ma per un commerciante sarà molto difficile spenderli a meno che i grossi fornitori da dove acquistano i commercianti aderiscono a questo. Mi spiego meglio: Se un negoziante di generi alimentari ha una media di 100scec al giorno, sarebbero 3000scec al mese...che per 12 mesi sono36000 all'anno....dove li spenderà tutti questi scec?????non sono troppi? per spenderli tutti deve andare ogni giorno a comprarsi vestiti, mangiare al ristorante e a spendere soldi e scec ai negozio convenzionati???e se la percentuale è del 10-15% a fine anno quanti scec gli rimarranno al commerciante non spesi???per me chi ci guadagna sono le famiglie....meglio proporre degli sconti come per i saldi sempre in misura del 10-15%.
Al commerciante conveniva solo se aderivanoCOMUNE per le tasse, ENEL, ITALCOGIM, TELECOM ECC...e i loro principali fornitori. E poi mi sembra strano che verranno "regalati"scec alle famiglie....dove sta l'"inghippo"??
 
 
#33 x G. LAbbate 2011-06-29 10:37
Quello degli SCEC è dunque un multilevel marketing (e solo chi l'ha provato sulla sua pelle sa cosa vuol dire). La struttura è sempre la stessa (e non mi convinci del contrario!) Inoltre di "signoraggio bancario" ne parla anche l'"Illustre" Alfonso Luigi Marra nei suoi libri di cui - per chi l'avesse dimenticato - allego il link ai suoi video promo del libro. http://www.youtube.com/watch?v=atkIS72C5n0 ...e se ne parla Marra... :X
 
 
#32 Giuseppe LAbbate 2011-06-29 09:37
Per Kappa
"Non essendo prevista la possibilità che io acquisti qualcosa esclusivamente con gli SCEC" questo non è vero perché l'accettazione degli SCEC può andare dal 0% al 100%, quindi ci può essere qualche accettatore che accetti interamente l'importo in SCEC.
"in esercizi convenzionati al 10% per poter usufruire dei 100 SCEC regalati" non è detto che sono convenzionati al 10%, come detto prima ognuno accetta una percentuale diversa e anche a Polignano c'è questa realtà.
"avrò il beneficio di 40-50 € in SCEC" pur se così fosse, vi sembra poco? € 50 x 12 mesi = € 600 all'anno risparmiati che potranno essere utilizzati per pagare bollette o rate di mutuo ecc.
Adesso che siamo agli inizi dell'iniziativa hanno aderito alcuni esercenti, ma con il tempo potranno aderire meccanici, tubisti, elettricisti, artigiani e chi più ne ha più ne metta. Il fulcro del discorso consiste nel fatto che più si allarga il circuito e più tutti ne traiamo benefici.

Per Illustri economisti
"se ogni cittadino polignanese richiedesse un blocchetto da 100 scec, bisognerebbe stampare 1.600.000 scec (16.000 x 100)" prima gli SCEC hanno un taglio che va da 1/2 a 20 SCEC quindi non vengono stampati 1.600.000 SCEC.
"per stamparli occorreranno diverse migliaia di euro per spese tipografiche: queste migliaia di euro ce le rimettete di tasca vostra ????" Nell'arcipelago esistono 2 tipologie di socio: socio fruitore e socio accettatore. Il primo è colui che riceve gratuitamente gli SCEC perché può solo spenderli non avendo altro modo per riceverli, il secondo è il socio avente partita iva ovvero sia il negoziante. Ogni socio accettatore per aderire al circuito paga una quota associativa di 20,00 euro il primo anno e di 10,00 euro e 10 SCEC dall'anno successivo. Questi soldi vengono utilizzati per stampare gli SCEC.
"Ma per favore...... altro che signoraggio......aprite gli occhi cittadini polignanesi" Da questa affermazione mi pare di capire che è a conoscenza della truffa del signoraggio bancario, a questo punto mi sorge una domanda: se è a conoscenza del signoraggio come fa a non accettare gli SCEC che hanno lo scopo di combattere questa truffa colossale?

Per quanto riguarda il discorso della crisi globale, devo ammettere che anche io sono venuto a conoscenza di questa ben 1 anno prima che scoppiasse e nel mio piccolo ho cercato di avvisare quanta più gente possibile. Peccato che durante i periodi di vacche grasse se parli con qualcuno annunciandogli che sta per arrivare la più grandi crisi economica (anche se chiamarla crisi è sbagliato) della storia dell'uomo, ti ridono in faccia.
Comunque sia non bisognava essere grandi economisti per prevederla, bastava analizzare il quadro macroeconomico per poter capire a cosa saremmo andati incontro e a cosa ahimè ci aspetta ancora, perché consentitemi di dirlo, ma la crisi deve ancora arrivare!
 
 
#31 annamaria 2011-06-28 17:53
Signor Kappa, se lei vede solo la TV ovviamente la sua "cultura " è molto carente.
Il sito web a cui mi riferisco è attivo dal 2002, ma visto che lei ha già le idee molto chiare su chi siamo e cosa facciamo non vale nemmeno la pena stare qui a disquisire.
Abbiamo fatto tutto senza di lei e continueremo a farlo, che lei ci creda o no.
Buona vita,

Annamaria
 
 
#30 leo benedetti 2011-06-28 11:15
Caro Confcommercio,
innanzitutto esprimo il mio ringraziamento e la mia stima per Nico Chiantera, non ho dubbi su quello che dici, però spiegami, che verità dovrei dire!?!?!
Noi abbiamo presentato il regolamento circa 2 mesi fa e mi auguro venga approvato per il bene di tutti.
 
 
#29 Illustri economisti 2011-06-28 02:01
Per Annamaria:
non siamo nati oggi.....
Dici che chi manovra questa operazione non ci guadagna nulla ? Forse non ci guadagna nulla chi ci lavora come volontario idealista, ma non i burattinai che stanno alla base che invece guadagnano eccome.

Per adesso ti faccio una prima e semplice constatazione elementare partendo dai costi che voi sostenete: se ogni cittadino polignanese richiedesse un blocchetto da 100 scec, bisognerebbe stampare 1.600.000 scec (16.000 x 100).

Bene, per stamparli occorreranno diverse migliaia di euro per spese tipografiche: queste migliaia di euro ce le rimettete di tasca vostra ???? Visto che dite di farlo solo per la gloria vuol dire che è cosi'.

E se moltiplichiamo quanti scec bisogna stampare per tutte le città in cui avete attecchito, chi paga tutte queste centinaia di migliaia di euro di spese tipografiche ? Ci rimettete tutti questi soldi per la bella faccia nostra ?

Se siete dei miliardari filantropi allora regalateceli direttamente tutti questi soldi che spendete in tipografia invece di stampare gli scec !

Ma per favore...... altro che signoraggio......aprite gli occhi cittadini polignanesi !
 
 
#28 kappa 2011-06-28 00:00
Vorrei chiedere una cosa a Giuseppe L'Abbate e chi "pubblicizza" questi SCEC come la manna dal cielo per l'economia della città. Mettiamo il caso che io abbia in regalo 100 SCEC e che possa spenderli.Non essendo prevista la possibilità che io acquisti qualcosa esclusivamente con gli SCEC (ad esempio un panino=3 SCEC anziché 3 euro), io dovrei spendere 900 euro in esercizi convenzionati al 10% per poter usufruire dei 100 SCEC regalati. Ora, guardando agli esercizi convenzionati (pizzerie e locali), io dovrei spendere 900 euro in pizza o cocktail al mese per poter sfruttare i 100 SCEC in regalo. Ma se io, povero lavoratore o pensionato da 800-1000 euro al mese, spendo almeno la metà del mio stipendio (o pensione) in affitto e bollette, mi rimangono 300-400-500 euro. E ammesso che li spenda TUTTI e SOLO negli esercizi convenzionati (ammesso che adori, quindi, la cucina di QUEL locale o i prodotti di QUEL negozio o i vestiti di QUELLA boutique) avrò il beneficio di 40-50 € in SCEC. Praticamente riesce a fare peggio solo la fantomatica "Social Card"...

P.S. Ad Annamaria
Le sconsiglio vivamente di dire "dal vivo" che voi avevate previsto la crisi economica, senza, per altro, avvisare nessuno... Qualche povero cassaintegrato o giovane laureato disoccupato potrebbe innervosirsi non poco. Questa è la vita vera. Qui non si gioca al Monopoly...
 
 
#27 antonio pacelli CNA 2011-06-27 19:30
caro direttore approfitto per fare delle precisazioni in riferimento al commento di confcommercio orig. (che credo di conoscere). Punto uno: è vero che in precedenza l'associazione commercianti ha preparato un regolamento delle medie strutture di vendita già due anni fà, ed è anche vero che da quel protocollo non abbiamo più avuto risposta. Punto due: preciso a conf che esattamente tre mesi fà il sottscritto con i rispettivi rappresentati di categoria ha rivisto quel regolamento e lo ha modificato nuovamente ed (come ricorda il presidente Benedetti) è stato protocollato due mesi fà e questa è la pura verità....sarei tentato anche di dire la mia su qualche commento ma mi fermo qui anche perchè si tratta della solita fuffa.....
chiudo il mio intervento ricordando ai naviganti una piccola frase di un grande uomo del passato: P. Nenni "Le Idee camminano sulle gambe degli uomini" ....ma se le gambe non esistono come possono le idee circolare....a buon intenditor poche parole
grazie per la disponibilità

antonio pacelli
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI