Venerdì 22 Marzo 2019
   
Text Size

DANNI E GRANDINE: IL FARMER DI TEOFILO CHIUDE

grandine-danni-agricoltura-polignano-a-mare

I fratelli Teofilo del farmer market chiudono bottega a tempo indeterminato. Così si legge nel cartello (in foto) esibito stamani, al mercato sabato prossimo. I terreni di loro proprietà - su via San Vito, dove coltivano pomodori che poi rivendono qui, direttamente dal produttore al consumatore ogni martedì, giovedì e sabato - sono distese paludose ricoperte di fango e detriti. I proiettili di grandine sparati ieri dal cielo assassino, senza pietà, hanno distrutto tutto il raccolto.

Gli altri venditori del farmer non se la cavano meglio. I terreni che hanno subìto maggiori danni sono quelli di via Conversano, Cozze e San Vito. Le angurie, altra coltura diffusa nei nostri campi, hanno subìto il colpo di grazia: cocomeri con il foro d'entrata, da buttar via.

Vito Montalbò del circolo locale di Legambiente ha seguito gli interventi dei vigili del fuoco, ieri pomeriggio, in giro per le campagne, le periferie e ilgrandine-danni-agricoltura-polignano-a-mare centro di Polignano. Messi in sicurezza i marciapiedi per riparare i passanti da cadute di vetri e cornicioni. Rimosso un albero al centro del viottolo per raggiungere Lido Cala Fetente: sul lido bandiera blu sono rimaste bloccate una ventina di bagnanti.

Altri due, lo abbiamo raccontato ieri, sono salvi per miracolo, ed erano a Lama Monachile, senza alcun riparo: si tratta di due adolescenti turesi in stato di shock, che hanno rischiato di essere crivellati dalle grandinate. Danni anche alla scuola Rodari, cornicioni e pilastri lesionati, vetrata della chiesa di Sant’Antonio a pezzi, e tanto altro ancora, con foto di Polignano pubblicate nel numero di oggi, in edicola, de La Voce del Paese.

Troppe le case, gli edifici pubblici e privati, vetrate, auto e mezzi che hanno subito danni. Stamani c’erano code interminabili all’ingresso degli uffici di carrozzeria, e qualcuno ha avuto la forza di incastrare dei volantini tra il parabrezza e la spazzola lavavetri con contatti pubblicitari di società che riparano cristalli: come dire, la crisi e le catastrofi aguzzano l’ingegno. C'è chi piange, e chi ride.

CALAMITA' NATURALE - Intanto, c’è grande attesa per il consiglio comunale straordinario convocato per stasera, ore 19.00. In città non si parla d’altro: tutti, da agricoltori a privati cittadini, vorrebbero un risarcimento danni di ogni genere. L’amministrazione comunale chiederà lo stato di calamità naturale e solo allora si potranno finalmente quantificare i danni, qualora le immagini e i video diffusi su internet non fossero sufficienti.

CLICCA QUI PER VEDERE TUTTE LE FOTO DI POLIGNANO

IL VIDEO DELLA GRANDINATA GIRATO DA CREMERIA 110

 


DANNI AL CIMITERO: TUTTE LE FOTO

 

*foto di Nicola Teofilo

Commenti  

 
#5 dubbiosa 2011-06-10 19:36
sfiduciato ?le cose di cui parli tu si chiama libera concorrenza e/o disonestà.....quello di cui si parla in questo articolo è CALAMITà NATURALE(altro esempio terremoto....Polignano vive anche(e soprattutto) di campi..
 
 
#4 sfiduciato 2011-06-10 09:29
cara pamela è giusto essere aiutati ma, ciò, deve valere per tutti, non solo per alcune categorie...se un'attività commerciale chiude bottega nessuno risarcisce i poveri disoccupati, se uno rimane in cassintegrazione si inventa altri lavori perchè anche in questo caso nessuno lo risarcisce... quello che voglio dire è che ci sono tante "calamità" anche se con nomi diversi: concorrenza cinese, cassaintegrazione, capitali all'estero, evasione fiscale, precariato... non mi risulta che per queste categorie siano previsti indennizzi!!!gli agricoltori dovrebbero stipulare delle polizze sui raccolti così saranno coperti in caso di calamità e non andare a piangere ( e a batter cassa)ogni qual volta sono in difficoltà! non è mancanza di sensibilità, anzi, è avere senso della giustizia!!!
 
 
#3 pamela 2011-06-09 20:05
sfiduciato,non so che lavoro fai,ma se campi dai campi è giusto esser aiutati!
 
 
#2 sfiduciato 2011-06-09 16:00
Come volevasi dimostrare... gli agricoltori già a mostrare il fianco ferito ( come se i danni li hanno solo loro!) per poter batter cassa!!!
 
 
#1 forza ragazzi 2011-06-09 15:11
questo farmer market sembrava un sogno eppure oggi è una realtà, di sicuro abbiamo preso una brutta batosta, ma conosco i Teofilo e sono sicuro che a tempo di record saranno operativi nuovamente, visto che LA PRODUZIONE E' PROPRIA, aspetteremo i tempi tecnici aspentandovi con ansia.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI