Sabato 19 Gennaio 2019
   
Text Size

'SI' AL REFERENDUM: IL PROF. CONENNA A POLIGNANO

nicola-menna-idv


Giovedì 28 aprile, ore 19.00 presso il Begula Cafè conferenza intitolata "Nucleare? No, grazie. Meglio le alternative", interverrà il Prof. Nicola Conenna, fondatore dell'Università dell'Idrogeno.
Nella conferenza, organizzata da Polignano R-Evolution, si discuterà di referendum sul nucleare: c'è la necessità di costruire centrali in Italia? questo l'interrogativo, tra gli altri.
Durante la serata verrà esposta una iniziativa che mira a migliorare la mobilità a Polignano a Mare, utilizzando fonti di energia alternative.

 

Il Comitato per il Si ai Referendum del 12 e 13 giugno si è riunito pubblicamente in P.zza S. Benedetto. La scelta di discutere dei temi del Referendum in una pubblica piazza con la possibilità di farvi partecipare giornalisti e cittadini nasce dall’idea di svincolare ogni partito politico per affrontare e indurre a votare quanta più gente possibile su temi che riguardano da vicino la popolazione.

La scarsa divulgazione dei referendum da parte degli organi di informazione porta i singoli cittadini, preoccupati per la trattazione di temi così scottanti, a organizzarsi ed esortare la gente agiannuzzi-polignano-revolutionvotare per raggiungere il quorum del 51 %. Nicola Menna, membro  del Comitato, ci tiene a precisare l’intento disinteressato di questa operazione “In questo momento ci preoccupa più che vengano abrogati questi decreti, senza badare a fare polemiche politiche. Il nucleare, l’acqua pubblica, il tema della giustizia sono argomenti che riguardano personalmente ogni cittadino. Uno dei siti che hanno indicato per la costruzione di centrali nucleari è Mola di Bari, questo significa che avremmo la centrale ad un passo da Polignano.

L’acqua pubblica e l’importanza di usufruirne sempre è altrettanto un privilegio indiscutibile e sappiamo bene come è andata a finire in quei paesi dove la gestione dell’acqua è stata affidata a privati. E poi il legittimo impedimento che allontana la Giustizia da poter giudicare liberamente l’imputato. Noi del Comitato ci stiamo organizzando per poter proseguire in maniera permanente il nostro intento divulgativo ed esortativo verso i cittadini con un gazebo all’ingresso dell’Arco Marchesale di Polignano, in modo tale da poter essere sempre disponibili.

È importante superare il quorum per poter cancellare quei decreti e i cittadini non devono sottrarsi a questo dovere e diritto. Votare Si per dire No”. Nicola spiega ancora che saranno in vendita le bandiere blu acquistabili a soli 10 euro, grazie alle quali il Comitato potrà sostenersi economicamente e i cittadini appoggeranno il loro consenso esponendole sui balconi.

Sui gradini della P.zzetta San Benedetto gli interessati, (pochi  in realtà, quando ci si aspettava una più ampia partecipazione dei cittadini) hanno avuto modo di ascoltare l’intervento di Gianni Carella, dipendente dell’Acquedotto Pugliese e membro del Comitato Acqua e Bene Comune, nato a livello nazionale.

polignano-revolution-nucleareCarella ha parlato della raccolta di firme per svincolare l’acqua dalle leggi del mercato e dell’importanza di una acquedotto come quello pugliese nato oltre 100 anni fa e costruito con i soldi pubblici. La discussione si è fatta viva con gli interventi degli astanti preoccupati per una politica nucleare che vorrebbe prendere piede in Italia e che porta con sé i dissapori della tragedia di Fukushima. Con il passo indietro del governo fatto in questi giorni con l’abrogazione di tutte le leggi sull’attuazione della politica nucleare  però,  il rischio è che venga a decadere proprio il quesito referendario su questa importante questione.

Commenti  

 
#1 Polignano REvolution 2011-05-11 12:17
Tutti i video della conferenza
www.youtube.com/watch?v=BNbUXKQGcKs&playnext=1&list=PL61BDC16A234A7760

Nell'ultimo video la proposta concreta per Polignano!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI