DEGRADO AL D'ALTOMARE. 'ANTENNA DIMENTICATA'

pasquale-fantasia-bovino-antenna-polignano

Cala il silenzio sull’antenna al quartiere Madonna d’Altomare, al campo sportivo. Il quartiere riversa in uno stato di degrado (ieri sera un cittadino ha chiamato rassegnato alla nostra redazione per segnalarci la presenza di un topo morto nel parco delle case popolari di via Sturzo). I prati e le aiuole restano incolti.antenna_dove_sar

Così il Comitato Madonna D’Altomare ha inviato una nota scritta alla redazione, che pubblichiamo qui integralmente, puntando il dito contro il dirigente Stama che in edicola, nell’intervista sul nostro giornale ‘La Voce del Paese’, aveva difeso la sua scelta e il pieno potere dirigenziale di cui dispone, e invitato il Comitato a fare ricorso al Tar, trascinando la battaglia per vie legali.

 

LA LETTERA DEL COMITATO

Dopo tanto parlare, è ricalato il silenzio sulla questione dell'antenna sita nel quartiere Madonna D'Altomare. Le promesse del sindaco Bovino e dell'assessore Colella, a stento raccolte dal comitato in occasione dell'incontro tenutosi nella sala consiliare lo scorso 3 febbraio, sono cadute nell'oblio dell'indifferenza.

Ad oggi non è dato sapere cosa ne sarà dell'antenna, dei lavori e della possibilità di collocarla lì dove effettivamente il piano di zonizzazzione la prevede e non a pochi metri dalle abitazioni del quartiere, già penalizzato dall'ingombrante presenza del depuratore. Un vero e proprio rebus che non trova soluzioni, ma che trova solo promesse a cui non fa seguito nulla di concreto, neppure una telefonata.

Il comitato Madonna D'Altomare resta in attesa di risposte dal primo cittadino ed anche dall' Ing. Stama che, con un atto dirigenziale ha scavalcato tutto e tutti, non lasciando diritto di replica. Con sconcerto, inoltre, il Comitato apprende dalla stampa locale che la scorsa settimana dall'Arpa è giunto uno “stop” ai lavori per via della mancanza della scheda tecnica che doveva indicare il modello del ripetitore e tutti i dati ad esso inerenti.

Si apprende, inoltre, che la ditta che deve realizzare i lavori, la Eriksson, nel prendere contezza della bocciatura, a tempo record abbia integrato la documentazione risolvendo alla radice il problema. Notizie che, laddove dovessero trovare conferma, lasciano sul tappeto seri dubbi su come stanno procedendo le cose. Ma come, prima iniziano i lavori e poi ci si accorge che manca la documentazione? Come è stato possibile? Come mai sono ancora fermi? Come mai nessuno chiama il Comitato? Come mai l'antenna è in un posto diverso da quello previsto dal piano? Insomma che sta succedendo? Tante domande e nessuna risposta.

IL COMITATO MADONNA D’ALTOMARE

Tutti i link correlati alla notizia:

STAMA AL COMITATO: 'ANDATE AL TAR'

L'ULTIMO INCONTRO DEL 3 FEBBRAIO: I RESIDENTI INSORGONO

L'OPUSCOLO INFORMATIVO DEL 2006 MAI DISTRIBUITO

NUOVO PERICOLO ANTENNA A SAN VITO: 3 IL 'MAGIC NUMBER'

VEDI ANCHE LE DICHIARAZIONI ESCLUSIVE DI COVITO E I PRIMI COMMENTI

FOCARELLI: 'SPREGIO AL PIANO DI ZONIZZAZIONE'

FABIO COLELLA: 'L'ANTENNA NON SI SPOSTA, INTERVENGA L'ARPA'

CASO ANTENNE: L'IRA DI STAMA

DIBATTITO SULLE ANTENNE: TENSIONE IN AULA

DIBATTITO SALUTE E ANTENNE: 'DEGRADO AL MACELLO'

PIANO ANTENNE: FOCARELLI ACCUSA

ANTENNA CAMPO SPORTIVO: SOSPESI I LAVORI

INCHIESTA SU ANTENNA SAN GIOVANNI: RISCHIA RIMOZIONE

COSIMO COVITO: 'DEGRADO AL RIONE MACELLO'

ONOFRIO TORRES: 'LE ANTENNE DEVONO SPARIRE'

COLELLA A ONOFRIO TORRES: 'VUOLE CONSENSO'

PASQUALE FANTASIA: 'IL VERO PERICOLO SONO I CELLULARI'

ANTENNA A MADONNA D'ALTOMARE: INCONTRO SINDACO - ERICSSON

PORTO IN ZONA DEPURATA: LA 'PROPOSTA' DI MAZZONE

SCHITTULLI A POLIGNANO: TORRES PARLA DEL DEPURATORE

RISORGE IL COMITATO MADONNA D'ALTOMARE