Domenica 24 Marzo 2019
   
Text Size

RISARCIMENTO PER LE 'VITTIME' DI QUINTAVALLE

quintavalle_foto

Nel 2003 furono rilasciati permessi a costruire senza urbanizzazioni

 

E’ in corso una transazione per una richiesta di risarcimento danni da parte di alcuni residenti del quartiere periferico Quintavalle. E’ una causa che si trascina dal 2003, quando a fine luglio, a seguito di nubifragi, si allagarono alcune abitazioni, una delle quali subì danni consistenti nel seminterrato.

In tutti questi anni sono stati ascoltati dei testimoni. Alla fine, una conferenza tecnica d’ufficio ha riconosciuto i danni e soprattutto, il fatto che in quella zona fossero stati rilasciati permessi a costruire prima ancora dei servizi di urbanizzazione primaria. Una situazione incresciosa per i residenti. Solo in seguito si è provveduto a costruire una vasca di raccolta delle acque (vedi foto).

E’ stata dunque accertata la responsabilità dell’ente che dovrà risarcire le famiglie con un indennizzo pari a 25mila euro (incluse spese legali e consulenza), anziché 32mila euro richiesti.

Il fabbricato colpito dalle calamità era il più vicino al canale di scolo naturale.

Commenti  

 
#3 cuculo 2011-02-10 13:17
il problema non è tanto la "mena" in se quanto invece come è stato costruito e sistemata tutta l'area...un altro scempio del territorio
 
 
#2 Nico il ribelle..... 2011-02-10 05:16
x UP, amico caro non meravigliarti o non credere che hai fatto la scoperta dell'america nell'evidenziare il pericolo che sussiste nalla zona quintavalle. Ormai tutto polignano versa nel pericolo e rischio di andarsene non solo a mare ma anche nel cemento dei "mafiosi".........Quindi, facciamoci convinti e chiudiamoci in noi stessi senza sfogarci e riempire questo meraviglioso ed utile sito solo in chiacchiere e pettegolezzi!!!
 
 
#1 UP 2011-02-08 10:08
credo che il quartiere resti a rischio , c'è una " mena " che dalle colline sfocia li e trova un quartiere e la statale a fare da ostacolo alla corsa delle acque verso il mare
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI