Giovedì 17 Ottobre 2019
   
Text Size

NUOVO PERICOLO ANTENNE A SAN VITO

antenna_san_giovanni_1

Questa volta in località San Vito. A marzo deciderà il Tar per l'installazione di un'antenna Tre.

 

Si allunga il cono d’ombra di un nuovo e imminente pericolo antenna, che potrebbe svettare questa volta in località San Vito, in una zona residenziale, una delle più affascinanti della costa polignanese.

Il pericolo incombe, e bisognerà incrociare le dita fino a marzo 2011, quando il Tar emetterà il verdetto rispetto a una richiesta di posizionamento dell’antenna a San Vito impugnata dalla H3G, gestore di telefonia mobile Tre.

E’ una vicenda giudiziaria che affonda le radici nel lontano 2004. All’epoca, quando non c’era ancora il piano delle antenne, fu emesso un provvedimento di sospensione dopo una sommossa dei residenti, impugnato dalla società di telefonia mobile.

Seguì un accordo di rinuncia dove si consigliava alla Tre di installare l’antenna al Polivalente. I pareri per installare l’antenna c’era tutti.

Le imprese di telefonia, in questo caso la Tre, si opposero invece a una pianificazione invocata a quel tempo dal consiglio comunale.

Nonostante la pianificazione, i tentativi di accordo e le intese raggiunte nel corso di questi ultimi anni, la società H3G ha deciso quindi di impugnare tutto e attendere il giudizio del Tar. Una pretesa che lascia stupiti e dovrebbe preoccupare i residenti. Così come preoccupa l’antenna che svetta sul terrazzo dell’appartamento dei Treglia, a pochi metri in linea d’area dalla scuola elementare San Giovanni Bosco.

 

VEDI L'OPUSCOLO INFORMATIVO DEL 2006

Commenti  

 
#4 la verità fa male 2011-02-11 10:27
beh, mi ricordo bene la situazione:
La sommossa dei cittadini ci fu perchè i vicini del proprietario del fondo sul quale dovevano installare l'antenna avevano proposto(ingiunto) al proprietario di dividere l'affitto!!!
(SPARTEIM SUZZ S NO FACEIM U CASEIN)fu la loro minaccia e davanti alle giuste rimostranze del proprietario (che su quell'affitto avrebbe pagato le tasse), fecero il casino!
Prova è che a distanza di qualche anno, hanno installato un'antenna a 100 metri di distanza e questa gente (aglia) non ha mosso un dito.
Voglio chiarire che la zona dove si sarebbe installata l'antenna è ad indice abitativo 0,5. (mezzo abitante per km quadrato).
All'epoca i "garibaldini" furono spalleggiati da politici demagoghi e arruffoni. I titolari del suolo non avendo Santi in paradiso, non chiamandosi con nessun nome altisonante che si può mettere l'antenna nel cortile del proprio albergo, desistettero anche perchè la motivazione dei politicanti dell'epoca(gli stessi attuali più o meno sich) era meritoria: "Le antenne e i relativi affitti andranno al Comune".
A distanza di qualche anno vediamo come è andata a finire (antenne sui terreni di membri dell'ufficio tecnico e di consiglieri comunali e provate a smentirmi).
Un consiglio al proprietario del fondo: la prossima volta denuncia ai Carabinieri i vicini con le loro minacce e Politicanti con le loro umide e sudaticce strette di mano.
 
 
#3 Nico il ribelle..... 2011-02-10 05:04
Ormai abbiamo toccato il fondo non solo di una discarica di rifiuti solidi, ma il fondo di un depuratore di mer...da....Per polignano ormai non c'è più niente da fare è destinato di andarsene a "MARE"!!! Tutto si autorizza con una certa facilità senza adottare più un accorgimento per la tutela del cittadino e del territorio. E' uno sgomento, una delusione è il caso di dire che ben venga un nuovo mussolini o un nuovo Hitler per notare un cambiamento radicale del sistema politico, sociale ed economico del nostro paese. Tutti tacciono nessuno si ribella e la situazione ambientale ed illegale del sistema "mafioso" aumenta. E' il caso di dire cittadini di polignano dormite, dormite e dormite!!!! nessuno vede nessuno sente nessuno parla e gli intoccabili e i "potenti" decollano!!!!!!!
 
 
#2 bellini 2011-02-09 19:51
bella questa barzelletta checcho77,
di stama ricordiamoci cosa ha fatto con i campeggi , e abbiam detto tutto o quasi
 
 
#1 Checco77 2011-02-09 11:52
Non vi preoccupate ci penda STAMA...............
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI