Sabato 19 Gennaio 2019
   
Text Size

ANTENNA, STAMA AL COMITATO: 'ANDATE AL TAR'

stama-paladino-polignano

'STAMA O NON STAMA': IL COMITATO INSORGE CONTRO L'AUTORIZZAZIONE DELL'ANTENNA

Intervista esclusiva all'Ingegnere comunale. Bovino e la maggioranza prendono le distanze



 

L’Ing. Stama è il dirigente comunale più chiacchierato. “Dovrà renderne conto” – ha detto di lui, recentemente l’assessore Fabio Colella, a proposito dell’antenna del campo sportivo. L’ingegnere possiede una scrivania invasata di carte e documenti. Ma anche concessioni e autorizzazioni concesse, come l’ultima, la più discussa, riguarda l’atto finale della vicenda Madonna d’Altomare. Stama ha concesso l’autorizzazione in sanatoria (del valore di 500 euro) valida per la prosecuzione dei lavori. In due parole, ha autorizzato l’antenna al campo sportivo Madonna d’Altomare e ciò significa che d’ora in avanti, nessuno potrà fermare i tecnici della Ericsson.antenna_dove_sar

In esclusiva ai nostri microfoni, il dirigente difende la sua scelta, “doverosa”, ribatte alle insurrezioni del Comitato cittadino, anche alla luce di alcune osservazioni. Il Comitato si riunisce stasera, alle 18.30 in aula consiliare con il sindaco Bovino e la maggioranza che prendono le distanze dall’atto dirigenziale.

“Non c’è nessuna legge che obblighi il dirigente a contrastare un iter di procedura come questo, dove non c’è nulla di strano. Se il comitato vuole appellarsi e contestare gli atti può farlo andando al Tar” – questo il ‘suggerimento’ di Stama che rivendica l’autonomia e il potere dirigenziale.

Stama si difende e spiega:

“Il regolamento prevedeva l’installazione dell’antenna sulla sommità delle torri di illuminazione dello stadio comunale. Ho considerato i progetti del piano strategico (bocciati dalla cabina di regia, ndr) previsti su quell’area pubblica, a ridosso dello stadio. Ho valutato l’impatto del cono visivo dallo stadio con la vista che apre verso lo scoglio dell’Eremita. Ho considerato che se l’antenna l’avessimo installata nel campo sportivo saremmo andati troppo a ridosso dell’area demaniali. Ho considerato che la concessione dell’antenna è vincolata per 20 anni, quindi ci saremmo ritrovati con spese a carico del comune in caso di spostamento dell’antenna. In considerazione di tutto ciò, ho localizzato l’antenna in un’area dove c’è minore impatto visivo e ambientale, dove l’Arpa non avrà difficoltà a fare i rilievi per il calcolo dell’esposizione elettromagnetica. Non capisco le polemiche”.

antenna-madonna_daltomare-comitatoResta aperta l’incognita del piano di zonizzazione redatto dall’Ing. Pasquale Fantasia che nell’intervista esclusiva a Polignanoweb, un anno fa disse che l’esposizione diretta ai cellulari è molto più pericolosa di qualsiasi antenna. Eppure dei controlli periodici previsti - dall’approvazione del piano di zonizzazione a oggi - non ci sono tracce. Come sottolineava tempo fa la comandante della PM dott.sa Maria Centrone, le autorizzazioni sono state rilasciate senza che si sia riunito il forum consultivo permanente previsto dal piano di zonizzazione.

“Abbiamo valutato tutto e preso in considerazione ogni cosa – conclude Stama – l’antenna, così come è stata autorizzata, avrà un impatto minore, sarà circoscritta da alberi. Tra l’altro, l’attuale allocazione dista pochissimi metri dal punto individuato nel regolamento, ossia dal campo sportivo. Siamo sempre sullo stesso raggio di influenza.”

 

RIVEDI ULTIMO ARTICOLO E TUTTI I LINK CORRELATI ALLA NOTIZIA

Commenti  

 
#4 Lo SKY line!!!! 2011-01-28 15:02
qualcuno giovedì sera durante il dibattito ha parlato dell'orrendo impatto paesaggistico che lo SKY line dell'antenna in questione provocherebbe in quella zona, dimenticando pero' che il paesaggio in quella zona viene deturpato prima di tutto dalle palazzine popolari, poi dal depuratore e poi in fine se proprio vogliamo trovare il pelo nell'uovo dall'antenna citata. Con questo non voglio discriminare le palazzine popolari, pero' così come l'antenna anche quelle palazzine dovevano sorgere altrove magari in campagna così come indicato da qualche componente dei residenti.
 
 
#3 @Andrea 2011-01-28 11:35
Le antenne di telefonia non sono semplici tralicci che si possono spostare a piacimento nei posti che si ritengono astrattamente più consoni. Viceversa occorre tenere conto di dove in concreto un determinato gestore verifica la carenza del segnale...ha presente quando il cellulare "non prende"..il gestore presenta annualmente la previsione di installazione in una determinata zona perchè, in base a parametri certi, lì occorre coprire la mancanza di segnale..ecco perchè la normativa nazionale considera le antenne come opere di urbanizzazione al pari della rete idrica, fognante o dei pali della luce...queste infrastrutture devono coprire l'intero territorio al pari degli impianti di telefonia, perchè il diritto alla (tele)comunicazione è costituzionalmente garantito. Il problema allora qual'è? i sette metri di distanza dal sito previsto nel piano? allora è giusto che si pronunci il TAR su questa decisione del dirigente se il comitato la ritiene illegittima, fermo restando che la tutela della salute (ed è questo il diritto che intende tutelare il comitato) non rientra nei compiti dell'Ente locale ma dello Stato, che impone dei limiti di emissione che l'Arpa è tenuta a verificare.
Lo so che l'antenna è brutta di fronte alla propria casa, ma più vicina è meno è dannosa, questo è scientificamente provato.
Una lettrice.
 
 
#2 Andrea 2011-01-27 19:21
Voglio porre una domanda all'ingegnere Stama al Sindaco e a tutta la maggioranza e l'opposizione, come mai si installa una antenna in una zona altamente abitata e non solo, con un campo sportivo frequentato da bambini e giovani, su una passerella come il lungomare Cristoforo Colombo invidiato da tutti, e non viene spostata a monte del paese che ha sicuramente un impatto ambientale meno rilevante, e il sindaco del nostro paese permette a un suo dirigente che il comitato se vuole protestare deve rivolgersi al Tar, cosa inaudita, farebbe bene (il sindaco) a dimettere dal ruolo il suo dirigente ed emettere un'ordinanza,(l'ho può fare) vietando l'installazione dell'antenna in quella zona. Ma sarà: a Polignano comandano sempre i forestieriiiiiiiiiiiii.
 
 
#1 lettore1 2011-01-27 18:14
chiedete alla H3G per quale ragione decise di non installare antenne in territorio di Polignano?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI