ANCORA TOPI IN GIRO PER POLIGNANO

ratti

Crescono le lamentele


E’ ancora protesta da parte dei cittadini polignanesi, riguardo la proliferazione di grossi topi in giro per le vie del paese. Giorni fa, un gruppo di allegri toponi, ha fatto visita al rione Santa Barbara.

Nonostante gli interventi effettuati più e più volte da parte del Comune di Polignano a Mare che ha incaricato una ditta di derattizzazione, è stata riscontrata, nuovamente la presenza di “toponi” scorazzare per le vie del paese.

Varie segnalazioni, ultimamente, ci sono pervenute da cittadini esausti di questo andazzo ripetitivo: spuntano all’improvviso per strada, spesso si muovono in colonie e si nascondono chissà dove.

Ma non è tutto, i ratti non sono gli unici ad essere visti; in maniera particolare su balconi, verande e angolini di giardino, ci sono anche escrementi degli stessi!

Polignano è ricco di lame colme di vegetazione spontanea, di terreni e campagne prossime al paese e purtroppo di un depuratore troppo vicino ad appartamenti, per cui è facile incontrare questi “raccapriccianti” animaletti girovagare per il paese.

Le zone che vengono prese d’assalto, sono quelle site nel rione Quintavalle e nei pressi di Madonna D’Altomare.

Nonostante le varie campagne di disinfestazione, i ratti continuano a dare il tormento ai cittadini polignanesi.

Nell’attesa di una sperata prossima campagna di derattizzazione, per arginare l'invadenza di questi ospiti indesiderati basta seguire alcuni accorgimenti:

-          chiudere la maggior parte delle vie d’accesso alla casa;

-          non lasciare immondizie con scarti di cibo in giro;

-          evitare di lasciare fuori ciotole per animali domestici.

Ovviamente, è sottinteso che la diffusione di ratti non genera solo ed esclusivamente ribrezzo e paura da parte dei nostri compaesani, ma in primis è una questione igienico-sanitaria.

I ratti infatti, sono portatori delle peggiori malattie trasmissibili ed è questa la vera motivazione nel temere da parte di Polignano, questi animaletti disgustosi.

Si spera si faccia qualcosa al più presto!