Domenica 24 Marzo 2019
   
Text Size

TERREMOTO D’IRPINIA. PARLA UNA POLIGNANESE

terremoto

30 ANNI FA L'INFERNO AL SUD

A POLIGNANO CROLLO' UN CORNICIONE AL RIONE GELSO


A trent’anni dal sisma che si verificò il 23 novembre 1980 che colpì la Campania centrale e la Basilicata centro-settentrionale, raccogliamo la testimonianza di una nostra concittadina che sentì personalmente la scossa giunta fino a Polignano.

La sig.ra Maria L’Abbate avvertì personalmente, quella sera, la scossa, arrivata fin da noi!

“Quella sera” - ci racconta la signora Maria - “eravamo riuniti in casa della famiglia di mio fratello, per il compleanno dello stesso”.

L’appartamento del fratello della signora, era sito in via Alcide De Gasperi e si trovava al primo piano di un palazzo.

“Non ricordo precisamente l’orario. Penso fosse intorno alle 22:00, in cui avvertimmo una scossa d’intensità media”, continua Maria.“All’inizio pensammo, fosse stato il bimbo di mio fratello, che quella sera, troppo irrequieto, avesse smosso il vario mobilio, ma purtroppo, ci accorgemmo, subito dopo, accendendo la televisione, che quasi tutti i telegiornali parlavano di una scossa di terremoto che colpì la Campania”.

“Fortunatamente, la scossa che avvertimmo non creò nessun danno, ma l’agitazione che venne in seguito fu indescrivibile: non potevamo mica sapere se il terremoto fosse finito!”.

La storia di Maria, si conclude lì, con l’unica scossa avvertita, quasi per “sbaglio” e senza nessun danno, né ulteriori vibrazioni.

Una storia conclusasi con un lieto fine per la famiglia L’Abbate, ma non per gli abitanti della Campania e Basilicata, che nei mesi successivi dovettero rimboccarsi le maniche per andare avanti, anche con gli aiuti statali ed internazionali, tra rabbia e lacrime, nei confronti di una catastrofe naturale, che non risparmiò niente e nessuno.

Il “terremoto del 1980” che colpì Campania e Basilicata, ma che fu avvertito anche in Puglia, fino a giungere nella nostra cittadina di Polignano a Mare, fu caratterizzato da una magnitudo pari a 6,5 della scala Richter e durò circa 90 secondi.

Il sisma causò quasi 280 mila sfollati, 8848 feriti e 2914 morti. L’Ufficio del Commissario Straordinario dell’epoca quantificò i danni al patrimonio edilizio, con un risultato tragico: 506 comuni furono distrutti inesorabilmente!

 

Commenti  

 
#2 sino 2010-11-30 00:14
claudio ma che dici appena appena di mosse la sedia il lampadario rimase fermo dopo 2 secondi ma dai non far spaventare
 
 
#1 Claudio 2010-11-26 18:59
Io ricordo quell'anno. ero con mio figlio e non dimenticherò mai ciò che accadde. un'esplosione, la terra tremava, paura che fossimo risucchiati dalla terra,.. ed eravamo solo a polignano, figuratevi in bisalicata cosa provò quella povera genter
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI