Venerdì 19 Luglio 2019
   
Text Size

CASO LAVAGNE LIM: IERI SERA LA RIUNIONE A SCUOLA

lim4

Il caso LIM divide l’opinione pubblica, con decine di commenti a margine della notizia pubblicata qualche giorno fa su PolignanoWeb. Intanto, ieri sera si è tenuta una riunione alla scuola media Sarnelli-De Donato; anticipata rispetto a quella già in programma per domani.

L’iniziativa che prevede una maxi-colletta a carico dei genitori degli alunni per l’acquisto delle lavagne, sviluppata della vicesindaco, dirigente scolastico Beatrice De Donato, ha scatenato l’ira di un papà e di numerosi commenti. Nella riunione di ieri sera indetta dal papà, si è discusso sul da farsi con il resto dei genitori degli alunni.

Perché quest’indignazione così accesa?

“È una questione di principio, non è la 100 euro o la 20, bensì la questione che questa è una scuola dell’obbligo dove l’istruzione dovrebbe essere gratuita per tutti. Io non voglio negare questa lavagna innovativa agli alunni, ma mi sembra inopportuno l’acquisto quando i fondi non ci sono.”

Quale sarebbe la sua idea in merito, per reperire i fondi?

“Dovremmo continuare a discuterne. La preside non è stata d’accordo con me sul fatto di portare il fatto dinnanzi al consiglio comunale. Per cui stiamo ponderando l’idea di acquisire degli sponsor!”

Non pensa, che la cosa potrebbe avere ritorsioni sulla carriera scolastica di suo figlio?

“Spero di no. Spero! Alla fine sono solo ragazzini. La questione riguarda noi adulti.”

Cosa pensa della disparità di partecipazione all’acquisto, dei più e meno abbienti?

“Ripeto non è la questione economica, è una questione di principio. Chi può permetterselo e chi no, a me non interessa.”

VEDI ANCHE COMMENTI E SFOGO DI UN PADRE

Commenti  

 
#11 Santoro 2010-11-19 08:29
Come ribadito a gran voce ieri sera dal programma ANNOZERO di Santoro, non si puo' per nessun motivo sottovalutare l'importanza della cultura perche' essa rappresenta la crescita di un popolo,di una Nazione. E invece noi italiani non sappiamo fare altro che tagliare i fondi alla Cultura e all'Innovazione.....Questa cosa ci doveva far riflettere anche su come spendiamo il denaro noi Polignanesi....Invece di fare tante serate inutili e che nessuno ricordera' piu'come e' avvenuto per tutte le Estati Polignanesi, cerchiamo di dirottare un po' di fondi sulle nostre Scuole locali in modo da far crescere culturalmente le nostre future generazioni, altrimenti fra' un po' di anni avremo a Polignano solo giovani come quelli che si vedono in TV da Maria De Filippi....................................***
 
 
#10 ex alunna 2010-11-18 17:32
Buonasera, premettendo che i miei tempi delle medie non sono poi così lontani dai moderni... Ho un dubbio in merito...
Capisco la tecnologia e l'innovazione di queste lavagne, ma non comprendo il motivo di utilizzarle ogni giorno, ad ogni ora, per ogni materia...
Ricordo, che ai miei tempi, l'innovazione era data da un televisore ultimo grido con videoregistratore a seguito... I fondi come al solito, o inesistenti o talmente pochi, ci hanno comunque permesso di utilizzare l'oggetto per lezioni in cui questo REALMENTE SERVIVA... Non sono un'antiquata, anzi, io sono la prima, ad andar dietro la tecnologia più tecnologia... Ma il mio dubbio è proprio questo: utilizzare questa lavagna SEMPRE, potrebbe distogliere anche l'attenzione dell'alunno, perchè si sa che un ragazzino che non ha voglia di seguire, non segue e basta... anche con l'ausilio di personaggi della saga di Twilight o con i Sonora a far lezione...
per cui perchè non mettere a disposizione poche lavagne in poche aule, su prenotazione, in base all'importnza della lezione?????
Perdonatemi se sbaglio, criticatemi pure... ma dice sempre mia nonna... che la terza elementare di una volta, ha parità della nostra terza media... e all'epoca di video, tv o lim NEMMENO L'OMBRA...
 
 
#9 una alunna 2010-11-18 13:50
Ogni giorno la preside ci aggiorna sulla situazione delle L.I.M........Oggi ci ha convocato per dirci che nella Sez.C l'hanno gia' comprata e per invogliarci a fare dei lavoretti di Natale per poi rivenderli e col ricavato potremo comprare la lavagna......Pero'non viene mai a dirci che portera' questo problema all'attenzione del Sindaco e del Consiglio Comunale.....E' proprio dura la Preside !!!!
 
 
#8 bea 2010-11-18 10:48
secondo me nn sono i genitori che dovrebbero sostenere questa spesa, se prorio la preside si è messa in testa questa lavagna allora potrebbero contribuire i docenti xchè a loro semplificherebbe tanto....Poi avete la certezza che i figli quando frequenteranno le superiori e nn troveranno le lavagne innovativa che faranno????
 
 
#7 SAVIANO 2010-11-18 10:15
Bisogna dotare almeno tutte le prime classi delle L.I.M. altrimenti e' un'ingiustizia nei confronti delle altre classi che gia' ce l'hanno. ***
 
 
#6 indignato 2010-11-18 09:46
sono solo ragazini, per un paio di hogan le escono facilmente le 250 euro, il problema è capire cosa serve ai nostri figli e cosa è superfluo
 
 
#5 Lachance 2010-11-17 22:18
Giusto, se non ci sono fondi significa che non ci si può permettere la spesa quindi se ne può fare a meno.
Io manderei a casa qualche dipendente comunale che stà senza far niente tutto il giorno e magari comprerei qualche cosa utile per la scuola pubblica.
***
Fare dei tagli su ciò che non serve mi sembra la strada più giusta.
 
 
#4 manu 2010-11-17 19:42
nel resto d'europa nella scuola dell'obbligo gli alunni sono forniti di tutto da parte degli enti scolastici. dai libri alle matite...L'Italia fa schifo
 
 
#3 mamma 1B 2010-11-17 18:55
:eek:
 
 
#2 UNA MAMMA 2010-11-17 16:32
Meno male che qualcuno ieri sera si e' fatto sentire.............non lo so' perche' ma nessuno ha il coraggio di parlare !!! Eppure il signore che ha parlato ha detto una cosa giustissima . Spero che la preside ci ripensi e porti il problema in consiglio comunale .bisogna farlo assolutamente per la cultura dei polignanesi !!!
 
 
#1 x i genitori 2010-11-17 16:15
Capisco l'indignazione dei genitori (almeno di quelli che hanno scritto su questo sito) perchè la scuola pubblica non dovrebbe essere costretta a questo... ma la Preside non si è inventata niente di nuovo, se fate un giro anche su internet vedrete che è una prassi ormai diffusa (da nord a sud, passando per il centro) quella di chiedere contributi volontari alle famiglie per migliorare l'offerta formativa o anche per comprare la carta, perchè dal Ministero arrivano solo tagli, anche per le spese ordinarie... non credo lei sia stata contenta di chiedere l'obolo ai genitori, ma avrà pensato "a mali estremi, estremi rimedi". In fondo l'offerta è volontaria, se proprio non condividete non la fate..sono certo nessuno vi giudicherà, ma non biasimate chi le tenta tutte per "arginare" l'effetto crisi sulla formazione degli alunni..non è più tempo di fossilizzarsi sulle "questioni di principio", c'è anche chi pensa ad esser pratico..
qualche link:
http://www.lanazione.it/cronaca/2010/10/19/401637-firenze_elementari_contributo_facoltativo_balzello_famiglie.shtml

http://tribunatreviso.gelocal.it/cronaca/2010/10/14/news/balzello-a-scuola-genitori-infuriati-una-raffica-di-lettere-di-protesta-2529782

http://listainsiemescuola.myblog.it/archive/2010/01/25/un-altro-contributo-sui-contributi.html
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI