Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

IL CASO GROTTA RONDINELLE DEBUTTA IN CONSIGLIO

beatrice-de-donato-pedone

La De Donato chiese un consiglio comunale ad hoc. Martedì prossimo si riunisce con un punto all'odg su Grotta Rondinelle.

Martedì 16 novembre si riunisce il consiglio comunale con un secondo punto all’ordine del giorno interamente dedicato al caso Grotta delle Rondinelle.

“Su certe cose non transigo, chiedo un consiglio comunale ad hoc”. Con questa presa d’atto, la vicesindaco Beatrice De Donato il 28 ottobre scorso annunciò il piano, presentando poi l’istanza in un vertice di maggioranza.

La De Donato mise le mani avanti anche rispetto ai possibili rischi da “invasione” di campo. Per evitare di scottarsi col fuoco amico, ammise: “non sono stata eletta in questa amministrazione. E’ vero, non ho la forza politica, ma su questi temi delicati non transigo.”

Intanto, sui muri di città apparve un manifesto del Movimento Schittulli: “Giù le mani dalla grotta delle rondinelle”. In un titolo a margine della foto al centro, gli uomini del presidente ricordano che la grotta “era, è e sarà sempre dei polignanesi”.

Aspettando il consiglio ad hoc, la vicesindaco ribadisce di non avere alcun problema personale contro Pedone: “Nulla contro l’architetto, per me quella casa poteva acquistarla chiunque”.

LA TEORIA DELL'ESPROPRIO - Infine, si unisce al coro di chi sostiene la teoria dell’esproprio del suolo acquistato da Pedone nel 2009, la famosa particella 1048 che include l’ingresso da terra nella Grotta delle Rondinelle.

I consiglieri che porteranno avanti questa battaglia - non sappiamo quanto saranno uniti e quali strategie a questo punto condividerebbero - probabilmente si appelleranno all'articolo 42, terzo comma della Costituzione italiana e all’articolo 834 del codice civile; strumenti etici e normativi alla base dell’atto di espropriazione per pubblica utilità.

L’impianto giuridico, tra l’altro, tutela anche la proprietà privata: il privato che subisce il provvedimento espropriativo deve ottenere un indennizzo e non un risarcimento.

L’esproprio per ragioni di pubblica utilità è regolato dal Decreto del Presidente della Repubblica n. 237 dell’8 giugno 2001: "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità".

La scelta di ricorrere all’esproprio piuttosto che intraprendere altre vie forse dividerà la parte politica intenzionata a difendere con il coltello fra i denti uno dei tratti di costa più affascinanti e misteriosi di Polignano.

 

Link correlati alla notizia e archivio storico:

VEDI ANCHE FOTO E VIDEO DELLA GROTTA RONDINELLE CON PIPISTRELLI E STALATTITI

VEDI ANCHE BEATRICE DE DONATO INVOCA L'ESPROPRIO E COMMENTI

VEDI ANCHE L'INTERVISTA A PEDONE, PROGETTO PARCO DELLA GROTTA E COMMENTI

LA DE DONATO IL 25 SETTEMBRE 2009 SUL CASO GROTTA RONDINELLE E COMMENTI

VEDI ANCHE CONSIGLIO GIUGNO 2010 E GROTTA RONDINELLE

Commenti  

 
#4 cittadino indignato 2010-12-14 11:07
La nostra bella Polignano sembra essere stata messa in vendita!!!Dal porto alle grotte!!!Io difendo la mia Polignano,la mia bella Polignano,ma la nostra amministrazione?che fa?perché non cerchiamo di valorizzare la nostra città facendola splendere 365 giorni l'anno e non solo d'estate o solo quando qualcuno viene a fare visita nella nostra cittadina...valorizziamo le nostre grotte,la nostra costa,il nostro mare, le nostre strade(disastrate purtroppo-dico io,ma i nostri politici non camminano per le nostre strade?)!!Per noi e per gli altri....
 
 
#3 Faccia a faccia 2010-11-14 15:19
Spero venga invitato anche l'arch. Pedone per poter controbattere le vostre fesserie.
 
 
#2 orcocan 2010-11-12 22:13
x gioice
ci vogliono gli attributi per trattare certi temi; grotta palazzese: accesso da area privata a condizione... - grotta ardito: accesso da area privata...? di fatto inaccessibile e con la sopraelevazione per il ristorante concessa a ***- con il silenzio di quasi tutti -dall'ultima amministrazione Di Giorgio. Tutto questo fa "pendant" con una serie infinita di scempi realizzati con la complicità o la desistenza della politica: lungomare sud collegato a "trombetta" (a malapena pedonabile... a proposito, quando?), impossibilità di accesso al mare con relative ville *** nel tratto di costa cozze nere - San giovanni, per non parlare dei "villaggi" sic... a nord di Polignano. Potrei continuare a lungo, ma tant'è... è Polignano BELLEZZA
 
 
#1 Gioice 2010-11-12 14:18
Visto che ci siete perchè non discutere anche della Grotta Palazzese, della Grotta Ardito e di qualche altra grotta che adesso mi sfugge ma che sicuramente ha dei "proprietari"
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI