Martedì 16 Luglio 2019
   
Text Size

VISITE PRONTO SOCCORSO: 'A BREVE I LAVORI'

gigantelli-bovino-asl-polignano

IL DIRETTORE GIGANTELLI A POLIGNANO: 'A breve i lavori'

LOMELO AI NOSTRI MICROFONI: 'Non basta l'intervento di Gigantelli'

Il consiglio comunale ha appena adottato all’unanimità un atto deliberativo con il quale, spiega il presidente Eugenio Scagliusi, “vogliamo sollecitare e sensibilizzare di nuovo la Asl a valorizzare questa struttura, piuttosto che alimentare continui timori di declassamento e chiusura che ogni tanto si ventilano quando si parla di piano di riordino ospedaliero.”

Il direttore del nostro distretto sanitario Vincenzo Gigantelli ha visitato stamani, poche ore fa, l’intera struttura dell’Asl a cominciare dal punto di primo intervento, accompagnato dal sindaco Bovino, dai consiglieri di maggioranza e opposizione, dagli assessori e da Raffaele Piemontese. Come una visita guidata, in gruppi di tre, quattro per ogni area e rappresentanza politica con inediti raggruppamenti (prove centriste?).

salvatore-colella-scagliusiGigantelli ha annunciato in esclusiva l’inizio, a breve, dei lavori per il potenziamento della struttura, tramite quel famoso finanziamento di 1milione e 800mila euro
del quale si erano perse le tracce.

'RISORSE SUFFICIENTI' - “Il mio compito - dichiara Gigantelli quando si trattiene qualche minuto con i giornalisti - è quello di dare alle popolazioni delle sicurezze rispetto all’organizzazione sanitaria territoriale, quindi senz’altro attraverso l’ascolto e la presa di visione di quello che è già esistente. Nei prossimi mesi si darà luogo a un lavoro di riqualificazione e di trasformazione, ma anche di ammodernamento delle strutture, che passerà anche attraverso un momento organizzativo. Questo lo si potrà fare tenuto conto delle risorse che abbiamo a disposizione e che, secondo me, sono sufficienti per fornire assistenza all’intera popolazione, senza discriminazioni, puntando all’equità e alla continuità assistenziale, quindi senza creare compartimenti.”

Capitolo a parte merita il 118. A Polignano, il punto di primo intervento è la vera spina nel fianco dell’Asl. Spesso manca il medico, mentre il servizio andrebbe totalmente riqualificato. “

I problemi che asseriscono al macrosistema dell’emergenza - risponde Gigantelli alle nostre osservazioni - saranno oggetto di attenzione da parte dei coordinamenti aziendali. Io potrò rappresentare questo, come altre criticità che mi sono state poste da parte degli amministratori in termini di sensibilità e volontà di collaborazione alla costruzione di un modello organizzativo. Andremo incontro ai bisogni dei cittadini.”

CAUTO OTTIMISMO DALL'OPPOSIZIONE - Intanto, c’è chi dall’opposizione, per esempio Mimmo Lomelo, guarda con preoccupazione e con cauto ottimismo alle rassicurazioni di Gigantelli.sansonetti-commissione-sanit

“Non basta l’intervento di Gigantelli” - ammette Lomelo. Si attendono risposte dal dirigente Alessandro Sansonetti (in foto a destra), una figura autorevole e molto influente nell’ambito del nostro distretto.

Per Lomelo e gli altri presenti, dal piano di riordino sanitario potrebbe nascere qualcosa di positivo: potenziare le strutture già esistenti riqualificandone i servizi.

“Bisogna essere intelligenti da capire che, in una fase in cui gli ospedali chiuderanno - fa notare Lomelo - aumenteranno i servizi di base. Noi abbiamo una struttura nella quale bisogna consolidare i servizi che ci sono e verificare se da parte della direzione sanitaria c’è la possibilità di avere ulteriori servizi. Nel frattempo c’è quel finanziamento di 1milione e 8oomila euro che io ho contribuito a portare qui a Polignano per la ristrutturazione.”

“Speriamo - conclude Lomelo - che non perdano quel finanziamento, come hanno perso già i soldi del porto”.

Seguono approfondimenti.

Link correlati alla notizia:

ESCLUSIVO: SANSONETTI VUOLE NAVETTA CHE PASSA DA POLIGNANO

VEDI ANCHE INTERVISTA ESCLUSIVA AL DIRETTORE GIGANTELLI: 'MI FARO' UN GIRO A POLIGNANO'

VEDI ANCHE OGGI CONSIGLIO SU PRONTO SOCCORSO E SANITA'

VEDI ANCHE NOMINE ALL'ASL, GIGANTELLI NEL DISTRETTO ASL 12

VEDI ANCHE FOTO SCHOKC E COMMENTI: COSA NASCONDE IL PRONTO SOCCORSO

VEDI ANCHE PROTESTE DELL'AMMINISTRAZIONE E PRONTO SOCCORSO SENZA MEDICI


Commenti  

 
#5 bovino non sa comunicare 2010-10-11 13:46
se questa amministrazione comunica male la colpa è di Torres che ha la delega ai rapporti con la stampa. basta leggere l'articolo 'si offende'. bovino non ha il coraggio di lasciare la comunicazione a chi di competenza . così com'è ora non tutti i giornali ricefvono le notizie e le informazxioni di questa amministrazione. quindi con chi te la vuoi prendere caro osservo e commento? prenditela con chi si occupa di questo
 
 
#4 osservo e commento 2010-10-11 13:31
Bravo Angelo Frugis e bravo anche il commentatore.....qui appena sopra! Ma visto che di Porto si parla, di porto parlerò: caro "cosa resterà di Polignano" , mi sembri assolutamente di parte, eppure Frugis prima te lo ha ricordato! Dov'era Lomelo quando Di Giorgio ha SVENDUTO il porto?
Ricordo che la prima Amministrazione bovino aveva costituito una società per la costruzione del porto ,nella quale il sindaco era Presidente e il comune deteneva il 55% delle azioni che sono diventate il 5(cCINQUE)% con la SVENDITA di Di Giorgio, approvata con alzata di mano del tuo stimatissimo Lomelo e Vitto...
Intanto ,per ritornare in tema, questa presa di posizione sul pronto soccorso,con conseguente azione ,mi sembra un passo concreto nella giusta direzione, operato da questa vituperata amministrazione che fa tanto( molte cose le potrebbe fare meglio) ma comunica talmente tanto male che questacredo, sia fra le sue lacune più grandi....
Aspetto di vedere all'opera il prox Sindaco, tanto poi ci ritroveremo su queste pagine a dire: ERA MEGLIO BOVINO
 
 
#3 ... 2010-10-09 18:02
non capisco che c'entra il porto con l'articolo sul pronto soccorso.... il solito commento fuori luogo giusto per fare polemica....
 
 
#2 cosa resterà di polignano 2010-10-09 14:40
Personalmente ammiro Mimmo Lomelo per il suo operato, la questione del porto non è semplice, il privato non riesce a portare a termine i lavori...figuriamoci il comune anche se avesse avuto un finanziamento, sarebbero cominciati si i lavori, ma, dopo qualche anno che i soldi sono finiti si sarebbero fermati anche i lavori e la stessa amministrazione avrebbe fatto una figuraccia, meglio com' è andata secondo me!!!Ricordo anche che l'attuale amministrazione ha rifiutato l'aiuto che Lomelo, cosi come anche Vitto hanno cercato di dare per il paese o sbaglio?!
 
 
#1 Angelo Frugis 2010-10-09 10:14
Il Buon Lomelo non si smentisce mai, si presenta assieme ad altri amministratori anzichè valutare bene la strada da intraprendere per potenziare il pronto soccorso lui ginganteggia che ha fatto arrivare dei finanziamenti di 1 milione e 800 mila euro, e hanno fatto perdere i finanziamenti del porto, ma quando il sindaco Di Giorgio ha venduto il porto lui dove era negli spalti dell'aula consigliare? Politico poco credibile, e poco seguito.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI