Giovedì 20 Giugno 2019
   
Text Size

FESTA DEI POPOLI: FOTO. A POLIGNANO 400 IMMIGRATI

festa-dei-popoli-ciclopasseggiata

A POLIGNANO MANCA UN UFFICIO IMMIGRAZIONE: si riaccende il dibattito

A breve partiranno i corsi di lingua italiana per immigrati e extracomunitari

A Polignano risiedono circa 400 immigrati, la maggior parte dei quali provenienti da Tunisia, Albania, Marocco, Georgia, Cina. Alcuni di loro hanno partecipato con entusiasmo alla tre giorni della Festa dei popoli, progetto ‘Convivialità delle differenze’ (vedi le due gallerie fotografiche in basso) - organizzato dalla Caritas diocesi Conversano-Monopoli, adottato dalla Caritas della parrocchia polignanese di Sant’Antonio e dalla Caritas della Chiesa Matrice di Noci.

Per congiunture storiche varie e casualità, possiamo associare la loro nazionalità di provenienza alla professione diffusa all'interno delle varie comunità. Ad esempio, nel caso delle georgiane, la maggior parte dei migranti svolgono attività nell’ambito del sociale, in particolare sono badanti e assistenti per anziani.festa-dei-popoli-polignano

UFFICIO IMMIGRAZIONE - In tutti questi anni, nonostante i proclami e la capillarità del fenomeno, a Polignano non esiste ancora un ufficio immigrazione. Se n’è discusso all’incontro dibattito di venerdì scorso, durante il quale il sindacalista Vitino Benedetti ha sollevato nuovamente la questione. Al dibattito, moderato dal prof. Giovanni Montanaro, hanno partecipato anche l’assessore  alle politiche giovanili Matteo Colella e Antonio Pacelli in rappresentanza della categoria commercianti.

INTEGRAZIONE MIGRANTI E RESIDENTI - “Nelle nostre comunità, intendo Noci e Polignano - osserva Paolo Mazzone ai nostri microfoni - non si registrano episodi legati a fenomeni razzisti. Diciamo che i migranti presenti sul territorio sono abbastanza integrati nella nostra società. Ormai l’immigrante è il nostro vicino di casa."

"Alcuni atteggiamenti culturali sbagliati ci vengono imposti dai mass media e dalla televisione, ma nelle nostre piccole comunità non si registrano grossi problemi. Manifestazioni come la festa dei popoli - prosegue Mazzone - servono a sensibilizzare maggiormente sul tema del connubio e dell’armonia tra migrante e residente.”

Vittoria Ressa, volontaria della Caritas, annuncia ai nostri lettori l’imminente apertura del corso di lingua italiana per extracomunitari e immigrati residenti a Polignano. “Il centro d’ascolto è già funzionante, il corso dovrebbe partire a metà ottobre nei locali di contrada Starsa Vecchia”.

Con Paolo Mazzone, tracciamo un bilancio della tre giorni di festa, documentato da un ampio servizio fotografico.

festa-popoli-polignanoLA FESTA DEI POPOLI - Il primo giorno si è registrata una straordinaria partecipazione di pubblico in piazza Sant’Antonio per il concerto dei Mijikenda, gruppo di sette ballerini provenienti dal Kenia. Stando alle testimonianze raccolte, se l’evento del gruppo keniota fosse stato inserito nel cartellone estivo dell'estasi polignanese, ne avrebbe risollevato in parte il triste epilogo.

Grande sensibilità anche nei momenti di preghiera interconfessionale, alternati a giochi, dibattiti, e momenti di etno gastronomia con ricette tipiche dei paesi di provenienza di alcuni migranti residenti a Polignano.

Nella prima fotogallery ripercorriamo insieme le tappe salienti della ciclopasseggiata. Numerosi i partecipanti, a discapito di chi pensa che a Polignano non vi siano amanti della bicicletta. Peccato per l’inefficienza delle strade e delle infrastrutture, assolutamente non a misura di ciclista e di amante della natura.

Infine vi mostriamo la seconda fotogallery, più corposa, con volti e momenti emozionanti della serata conclusiva, balli popolari di tutto il mondo e sonorità bucoliche del ‘Trio Rebelde’.

 

Commenti  

 
#1 Cittadinanza Attiva 2010-09-20 23:58
Polignano, la sua classe imprenditoriale e professionale assenti. I Politic i? Non pervenuti! Gli intelletuali, con o senza laurea, non presenti! Il di battito...(!?) Occasione persa e, per certi versi, sciupata. Peccato.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI