Sabato 19 Gennaio 2019
   
Text Size

I SERVIZI CONTESTATI SULLA GUIDA SPIAGGE 2010

cala-paura-depliant









CALA PAURA E SULLA GUIDA SPIAGGE CON TUTTI I SERVIZI CONTESTATI

Oronzo Pellegrini promette battaglia se chiudono la strada. Spuntano fuori i cassonetti del vetro

 

“E’ positivo!”. Oronzo Pellegrini, titolare della spiaggia di Cala Paura pensa positivo. Non esulta per l’esito dell’ordinanza al Tar. Per quella si attenderà l’esito della sanatoria. E poi – riflette – “quella è una sconfitta per tutti”.

Oronzo è piuttosto sorpreso, perché gli mostriamo la guida spiagge 2010, disponibile nel nuovo ufficio turistico di Polignano.

Tra le spiagge della litoranea segnalate nella guida, con tanto di foto e simboli dei servizi offerti, c’è anche Cala Paura. La caletta risulta addirittura la più attrezzata tra le spiagge pubbliche, a pari merito con quella di Cala Fetente, a differenza della quale non vanta l’accesso ai disabili e la bandiera blu. “Quella ce l’avevo – fa un ghigno – poi le cose sono andate diversamente…ma questa è un’altra storia.”guida-bandiera-blu

Cosa c’è di strano nella guida spiagge? Scopriamo che tra i simboli dei servizi offerti a Cala Paura ci sono i bagni, contestati per le difformità e il servizio ristoro, contestato pure quello. Insomma, nonostante le difformità, i servizi della spiaggia sono su una guida ufficiale destinata a un pubblico, con tanto di stendardo del comune e bandiera blu (vedi foto). Un mini depliant che sarà pubblicato anche su un giornale locale dietro lauto compenso. “E’ positivo, mi fanno pubblicità!”

Questo è un vero paradosso. Sbandierare i servizi di una delle spiagge più attrezzate e allo stesso modo più contestate in assoluto? Insomma, è il classico della serie una carezza in un pugno. Ma Pellegrini non si scompone.

“E’ positivo - ripete e trattiene la risata - Nel periodo di San Vito, grazie ai servizi che vengono contestati, centinaia di persone attraversano la caletta e si riversano nei miei bagni.”

I CASSONETTI DEL VETRO - Non è tutto. Ai nostri obiettivi fotografici non passano inosservati i due cassonetti per la raccolta del vetro, con tanto di logo della Teknoservice (vedi foto in basso e a fine articolo). Il servizio non era incluso nel capitolato d’appalto, come abbiamo già raccontato in altre puntate del serial thriller 'Cala Paura'.

Anche in questo caso, Oronzo pensa positivo: “Ho preso degli accordi con quelli del servizio di pulizia…”

cala-paura-cassonettiLE DIFFORMITA' - Tornando alla guida spiagge 2010, conclude: “Se tutti i servizi sono sulla guida, vuol dire che tanto abusivi non sono. E poi se questi sono abusi edilizi… Sono semplici difformità che come ho dimostrato, sono state autorizzate dalla Sovrintendenza. Ho presentato anche le varianti al progetto. I bagni mi sono arrivati così, perché il modello imposto non era più disponibile. In mancanza di fogna dovevo fare la fossa imhoff e la cisterna. Anzi, secondo me i bagni chimici sulle spiagge sono da abolire."

"La copertura che si diceva essere abusiva è una protezione per i fuochi di San Vito. Vorrei ricordare che grazie alla mia firma, la commissione della questura di Bari ha dato l’ok ai fuochi d’artificio dopo la denuncia dell’architetto Pedone. Mi hanno costretto a coprirmi, ho firmato, senza quella firma non avrebbero potuto sparare. Nonostante questo, sono stato accusato di aver coperto la struttura abusivamente.”

I NUOVI PROGETTI DI ORONZO - Oronzo Pellegrini ha in cantiere nuovi progetti su Polignano e Monopoli. Promette battaglia nel caso dovessero recintare le vie di accesso al mare. “Sarò il primo a ostacolare il progetto di chiusura delle strade. Sono sempre disponibile a una collaborazione con l’architetto, ma la strada non si chiude.  Tornando ai miei progetti, a Polignano stiamo cercando di destagionalizzare con le immersioni e la pesca. Monopoli è un terreno più fertile. il prossimo anno avremo una serie di barche con progetti che purtroppo realizzeremo a Monopoli, perché qui a Polignano non c’è spazio.”

VEDI ANCHE IL PROGETTO DEL 1992 A CALA PAURA E IL TURISMO

cala-paura-vetro

Commenti  

 
#2 Nathan Never 2010-08-09 11:42
Cala Fetente senza accesso ai disabili????????
 
 
#1 Gordian. 2010-08-08 05:49
Adesso che arriva il federalismo fiscale voglio vedere se non vi mettete tutti a lavorare e finalmente a produrre ricchezza...
Cara Polignano tra poco ci tocca lavorare sul serio, già da adesso lo stato vi chiede in che modo intendete produrre ricchezza, se attraverso il turismo oppure le industrie, se rispondete turismo vi comunico che vi dovete dare molto da fare altrimenti se proprio non volete fare niente non vi resta che ospitare le famose centrali nucleari.
Quindi....rimboccatevi le maniche ed iniziate a lavorare sodo, aprite spiagge, lidi, incentivate i privati ad arpire negozi, puntate sul vostro mare, aprite negozietti con prodotti tipici della nostra zona, etc...e soprattutto agli amministratori e dirigenti, datevi da fare una buona volta ed anzichè far chiudere le attività e cercare di creargli problemi, cercate di dargli fiducia e di incentivarli, sono tutti dei poveretti che cercano di guadagnarsi da vivere...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI