Venerdì 22 Marzo 2019
   
Text Size

L'AUMENTO DELLA TARSU DEL 20% E PROBLEMA DIFFERENZIATA

Tarsu

Egregio Direttore, ritengo opportuno ritornare su un argomento spinoso qui a Polignano, già affrontato per altri aspetti.

Mi riferisco al servizio di nettezza urbana per quanto riguarda il pagamento a carico dei cittadini. Nei giorni scorsi, sono arrivati a me come a tutti i malcapitati polignanesi, residenti o non residenti, i bollettini per il pagamento della TARSU, la tassa sui rifiuti solidi urbani.

C’è una novità, come al solito sgradita, l’aumento del 20% “regalato” ai polignanesi dall’attuale amministrazione comunale con delibera di giunta n. 36 del 9.03.2010.

La pagherò questa tassa, come ho fatto finora in unica soluzione per evitare che frazionandola possa dimenticare di pagare le rate successive e trovarmi tra qualche tempo alle prese con un’ingiunzione di pagamento. Sorvolo su quello che mi è capitato l’anno scorso con una richiesta di ulteriore pagamento per altri € 38,50 relativo a diversi anni or sono (in limine della prescrizione, ovviamente), nonostante avessi esibito la ricevuta di pagamento effettuata con molto anticipo e per l’intero!

Dicevo che questa tassa, volente o nolente, sarà pagata ma mi vendicherò subito. Vendicare è solo un modo di dire, naturalmente, solo per rapidità di espressione. E come? Da oggi me la prenderò comoda e non farò più tutti i giorni e con la massima cura la raccolta differenziata  che facevo spontaneamente da moltissimi anni, anche perché rarefatti o introvabili i relativi cassonetti. Magra consolazione certamente e che si ritorce contro me stesso. Sì, indubbiamente è così, ma l’alternativa, per es.  inveire verso gli autori del misfatto anche solo verbalmente per farli ritornare sulle loro decisioni e rischiare una sicura querela, sarebbe peggiore.

La prossima vendetta, sarà molto probabilmente, per questa e per molte altre ragioni, quella di non votarli e invitare altri a fare lo stesso sperando di trovare “qualcuno” (non mi riferisco a novelli ducetti di paese, ma ad una collettività polignanese più operativa, più sensibile, più informata, più attenta, più rispettosa e più rigorosa, cioè quasi la luna nel pozzo…!) che voglia con intelligenza differenziarsi da lor signori ingloriosamente a cavallo del potere locale.

Invece di combattere gli sprechi, telefonini a sbafo per esempio in dotazione ai vip locali, di razionalizzare le risorse e di moralizzare i comportamenti si aumentano disinvoltamente le tasse, SOLO del 20% in unica soluzione!, ben oltre il tasso di inflazione. È così facile che sarebbero capaci tutti, anche le zanzare polignanesi……….

Ma l’aspetto che dispiace di più a me e non solo a me è che NESSUNO dei consiglieri di maggioranza o degli assessori  ha mai pensato, contestualmente  all’ingiustificato e immorale aumento delle tasse, di solidarizzare con i polignanesi costretti a fare maggiori sacrifici anche sul versante Tarsu, e simbolicamente a rinunciare o a dimezzarsi motu proprio gli emolumenti che si intascano. O hanno bisogno proprio di quegli introiti per vivere?

Bell’esempio viene dall’alto! Le loro tasche non si toccano, sono sacre e inviolabili, a quelli dei “sudditi” non è il caso di prestare alcuna attenzione.

Ma poi non si lamentassero, gli attuali detentori pro tempore della cosa pubblica, se prima o poi capiterà loro di rimanere con un pugno di mosche in mano!”.

Chiedo scusa per questa mia esternazione a caldo e forse proprio per il caldo estivo di questi giorni, come qualcuno andrà  sicuramente a sostenere….

cordialmente

Carlo De Luca


P.S. spero con quanto sopra detto di non mettere a repentaglio l’eventuale contributo pubblico per la pubblicazione del Diario di Giuseppe Mallardi. Ma se così fosse, pazienza! La voglia di intervenire, purtroppo apparendo polemico, è così grande che Mallardi…. a distanza di duecento anni capirà se dovrà aspettare ancora altri duecento anni!

Commenti  

 
#3 DIFFERENZIamoci 2010-07-26 21:49
stiamo già alla frutta,il segretario/a si serve della badante.
la maga chi è?
 
 
#2 Er Monnezza 2010-07-25 22:38
L'aveva già detto il segretario PD che la tarsu aumentava del 20%…. Fa piacere che anche altri se ne stiano rendendo conto! Hanno ingiustamente attaccato il segretario solo perchè aveva detto cose sacrosante. La tarsu ha subito l'aumento del20% anche l'anno scorso a discapito delle tasche dei cittadini e commercianti. Almeno quest'anno si poteva evitare l'aumento. Speriamo solo che tutto questo clamore faccia desistere l'amministrazione da un nuovo aumento anche nel 2011!
 
 
#1 DIFFERENZIamoci 2010-07-24 02:06
svenarsi è anche un modo di dire,naturalmente,
per screditare la reputazione di un lavoro è diffamazione,non è per rapidità
di espressione.
Cliccare Conversano Mola WEB, con la discarica e la puzza del percolato nel paese,
leggere le lettere dei vari assessori al vostro amato Presidente Vendola
buon politico,pessimo amministratore,per capire l'enorme dissenso di una tassa salata con conseguenze anche sulla salute per quei cittadini,spero
che ritorni a scrivere che la differenzita comunque e sempre bisogna
farla,quella politica ? un nome,uno.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI