Martedì 25 Giugno 2019
   
Text Size

RIFIUTI ENERGIA: IMPIANTO A BIOMASSE A POLIGNANO?

bovino-angelo-conferenza

Bovino annuncia nuove idee e proposte per lo smaltimento dei rifiuti e la produzione di energia a biomasse combinate al fotovoltaico

Centrale a biomasse: PRESENTATE GIA' PROPOSTE PROGETTUALI

 

Si dice soddisfatto il sindaco Bovino, a margine della firma del nuovo contratto a tempo pieno dei netturbini con la ditta piemontese Teknoservice srl. Bovino annuncia in esclusiva, ai nostri microfoni, importanti progetti  con sistema di smaltimento rifiuti e di produzione energia a biomasse.

IL TEMPO PIENO - “Era importante - osserva il sindaco - dare punteggio altissimo sulla questione della occupazione del tempo pieno e privilegiare la qualità del servizio al massimo possibile, per il rispetto e qualità dell’ambiente e della vita, senza sacrificare eccessivamente le tasche dei cittadini. Il nostro aumento della Tarsu è stato minimo rispetto a quello che si sente in giro. Purtroppo questo servizio diventa sempre più oneroso, ci sono materiali per i quali prima ci pagavano per smaltirli, come per esempio il vetro. Oggi dobbiamo pagare noi per lo smaltimento di questi materiali. Poi c’è l’entrata in funzione dell’impianto a Conversano.”

“In questo scenario che non è ancora stabile - spiega Bovino - perché le idee non sono chiare, io ho parlato con l’assessore provinciale Giovanni Barchetti. Si sta guardando verso una politica che continui a portare utilità, perché  il costo dello smaltimento rischia di schizzare troppo in alto. La differenziata resta il punto di partenza. Noi il vetro continuiamo a smaltirlo separatamente, i cartoni anche. Anzi, con questa azienda, la Teknoservice, seppur in un lasso di tempo non molto lungo, cercheremo comunque di portare avanti le questioni legate alla divulgazione e alla sensibilità, cercheremo di mantenere alta l’attenzione sulla raccolta differenziata”.

Si poteva fare un contratto di gestione rifiuti pluriennale, piuttosto che di cinque mesi?

“L’avrei voluto fare, l’avevamo già pronto. L’abbiamo sospeso per fare questo contratto, perché l’entrata in vigore del decreto legge e la soppressione delle Ato, il passaggio delle deleghe alle Regioni, non ci consentono di guardare oltre. Siamo in attesa che la regione dia l’indirizzo in materia di gestione rifiuti.”

L’Upi ha chiesto il passaggio delle deleghe alla Provincia?

“Io sono anche componente regionale dell’Upi. Noi abbiamo chiesto la delega perché riteniamo che le province possano svolgere un certo ruolo, che già svolgono di fatto. Sarebbe un doppione da eliminare (regione e provincia) e comunque da ottimizzare al fine di trovare delle soluzioni condivise. Per questo non si disdegna l’ipotesi della delega trasferita alle stesse province. Stiamo comunque valutando a 360impianto_biomassa gradi. compresa anche la questione dello smaltimento dei rifiuti. Noi stessi, non nascondo che stiamo pensando al sistema di biomasse.”

Un impianto a biomasse qui a Polignano?

“Non lo so, potrebbe addirittura esserci un impianto qui a Polignano. Noi abbiamo una agricoltura e una attività di supporto all’agricoltura che potrebbero essere utili, quindi uniremmo le due cose: problema dello smaltimento, produzione di energia attraverso il sistema delle biomasse, quindi riduzione di costi e addirittura risparmio energetico. Insomma è una bella sfida e non vi nascondo che ci stiamo lavorando. Ci sono già delle buone cose in pentola.”

Sono state presentate già delle proposte, dei progetti su impianti a biomasse a Polignano?

“Anche. Ho avuto un incontro con una azienda multinazionale con tecnici italiani che sono protagonisti in questa progettualità e che guardano al futuro delle biomasse in maniera forte. Per la verità loro mi prospettavano un discorso misto: produzione di energia con biomasse unita al fotovoltaico, perché da queste parti il fotovoltaico può raggiungere il livello massimo. Mi proponevano di fare un forum nazionale a Polignano. Per questioni di tempo e lavoro ho rimandato, però la cosa mi alletta e ci alletta molto, da me agli assessori al ramo Matteo Colella e Raffaele Scagliusi.”

 

VEDI ANCHE LA FIRMA DEL CONTRATTO DEI NETTURBINI CON LA TEKNOSERVICE

CHE COS'E' UNA CENTRALE A BIOMASSA

 

Alcuni link e articoli sul dibattito:

BIOMASSE E SMALTIMENTO RIFIUTI: LE POTENZIALITA'

IL DIBATTITO SULL'INQUINAMENTO DA BIOMASSE

ARTICOLO DA PANORAMA SU BIOMASSE

LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

 

Commenti  

 
#1 leo 2010-06-25 18:40
Spett.le redazione,
sono solito frequentare queste pagine per aggiornarmi su quanto accade a Polignano e sono così venuto a conoscenza di questa ipotesi progettuale.
Nell'articolo si accenna ad una Centrale a "Biomasse". Mi piacerebbe saperne di più per poter valutare gli aspetti e gli impatti (positivi e negativi) connessi a tale eventuale realizzazione. E pertanto, vostro tramite, faccio un appello agli amministratori perchè forniscano le informazioni utili affinchè ci si possa fare tutti un idea più precisa sulla questione.
In ultimo, visto che è stata affrontata incidentalmente anche la materia "rifiuti", sarei interessato a conoscere a che percentuale di differenziata siamo giunti a Polignano.
grazie
Leonardo Maiellaro
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI