IL SINDACO DIFENDE LA PISTA CICLABILE

pista-ciclabile-polignano

PRESTIGIACOMO CONTRO LA BANDIERA BLU

CASO PISTA CICLABILE. BOVINO: 'Telefonano per farmi i complimenti. Anziani che fanno passeggiate, mamme con i passeggini...'

All'interno l'intervista che il sindaco rilasciò nel 2009

 

 

Il vice presidente di Legambiente, Sebastiano Venneri, non è l’unico a mettere in discussione la credibilità della Bandiera Blu. I dubbi questa volta, li avanza niente popò di meno che il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, ospite nel salotto televisivo di RaiUno, Porta a Porta. Lo rivela il settimanale polignanese Blu, accusato più volte di aver messo alla berlina il riconoscimento assegnato dalla FEE.

“Dimentichiamoci delle bandiere blu che non sono attendibili”. Così, la Prestigiacomo dubita delle bandiere blu che “assegnate dalle organizzazioni internazionali” fanno parte di “un sistema poco trasparente” – spiega. Il settimanale Blu ha ricordato che sul sito ufficiale del governo (www.governo.it) è possibile scaricare le dichiarazioni della Ministra.

Anche Venneri di Legambiente aveva duramente messo in discussione il riconoscimento. Al comune di Anzio per esempio, si disse che avrebbe volentieri assegnato una bandiera nera. Si tratta in sostanza di autocandidature. Per parteciparvi basta infatti rispondere ad alcuni questionari. Insomma, una mezza fetecchia, direbbero a Napoli.

I PARAMETRI DELLE VELE - Intanto, monta la polemica anche sul nostro spazio commenti, sulle 4 vele di Legambiente e sui parametri di assegnazione del riconoscimento. Scrive un nostro lettore: “Lo stato di conservazione del territorio e del paesaggio, la qualità dell’accoglienza, la pulizia delle spiagge, la presenza di servizi per disabili, le iniziative nel campo della gestione sostenibile del ciclo dei rifiuti, della mobilità, del risparmio idrico ed energetico e la presenza di parchi e aree marine protette”. Ma dove sono tutte queste cose a Polignano? Forse sono miope...”.

LEGAMBIENTE POLIGNANO - Ancora il settimanale Blu ha ricordato che “A Polignano il problema di Legambiente è di altra natura”: “un’associazione - scrive - che vanta le vele conquistate dalla città, mentre tace sugli alberi potati alla cieca (il caso della piazzetta di via Spadolini, ricorderete), sulla costa non accessibile, pista ciclabile indecorosa”, ecc.

BOVINO DIFENDE LA PISTA CICLABILE - A proposito della pista ciclabile, sicuramente una delle spine nel fianco dell’amministrazione, Giuseppe Gialluisi ha annunciato in una conferenza stampa la chiusura della petizione: 2130 è il bottino delle firme raccolte.

Pensate che il sindaco Bovino, durante l’ultimo consiglio comunale, venerdì scorso, ha nuovamente rivendicato l’efficienza dell’opera pubblica, spostando poi l’attenzione sulla scelta di dipingerla di blu, tanto azzeccata - a suo dire - che sarebbe addirittura oggetto di interesse di altri paesi. Poi ha accusato evidentemente qualche giornale online, reo di 'vituperio informatico'. Riportiamo qui le dichiarazioni integrali del primo cittadino in consiglio.

“Sulla pista ciclabile evidentemente ci si vuole mettere i prosciutti davanti agli occhi. Basta andare una mezza giornata che si incontreranno cittadini, turisti, anziani che percorrono quell’area, mentre si sta facendo vituperio informatico. Lo dico senza malizia e cattiveria, ma è informazione sbagliata. Ci sono anziane che fanno passeggiate, mamme con i passeggini… Abbiamo gente che mi ringrazia, mi viene a trovare, mi telefonano e dicono ‘sindaco abbi pazienza l’abbiamo capito che c’è tutto un giro…'. La comunità di Polignano non ha speso un centesimo. Mi fanno i complimenti e qualche città ci sta copiando perché l’hanno fatta azzurra come la nostra.”

RUGGIERO: 'NON E' IL MEGLIO CHE SI POSSA PRETENDERE' - Dichiarazioni in evidente contrasto con quanto dichiarato dall'Assessore al Turismo Mimmo Ruggiero su Polignanoweb, annunciando importanti provvedimenti in materia di servizi turistici, che vedremo nascere a breve. "Non c’era nemmeno questa amministrazione molto probabilmente - rispose Ruggiero a una nostra osservazione - E’ una scelta che viene da lontano, con responsabilità di altri e di un prodotto che non è il meglio che si possa pretendere. Su questo sfondiamo una porta aperta."

L'INTERVISTA NEL 2009 - Pubblichiamo qui in basso, anche un'intervista rilasciata dal sindaco Bovino a Polignanoweb il 2 aprile 2009. Allora disse che il progetto andava rivisto, ma che si doveva realizzare anche per non perdere i finanziamenti: "Visto che non avevamo i tempi per preparare il progetto alternativo che prevedesse l'esproprio a monte e non avevamo risorse pronte per allargare i ponti... Nella peggiore delle ipotesi abbiamo una fascia di camminamento che già molti cittadini utilizzano..."

 

_____________

VEDI ANCHE LE VELE E I PARAMETRI

LA BANDIERA BLU E ALCUNI VOSTRI COMMENTI

VEDI ANCHE PISTA CICLABILE E ALCUNI COMMENTI