Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

'L'UFFICIO TURISTICO PRIMA DI SAN VITO'

mimmo_ruggiero_assessore

BANDO BUFALA: 'Bisogna partecipare più che crederci!'

Come annunciato, pubblichiamo l’intervista esclusiva rilasciata per Polignanoweb dall’assessore al turismo Mimmo Ruggiero. Un’intervista ad ampio raggio, che abbiamo deciso di dividere in due parti. Nella seconda (che potrete leggere cliccando in basso, a fine articolo) l’assessore annuncia importanti novità e linee guida progettuali per riformare i servizi turistici in città. Ci svela alcuni retroscena e piani di programmazione per il rilancio turistico.

Nella prima affrontiamo la questione spinosa del bando bufala, tenendo a precisare che il nostro scoop non ha alcuna intenzione di voler sminuire l’indiscutibile professionalità maturata con sacrifici e anni di lavoro dal vincitore annunciato del bando pubblico di selezione, Domenico Simone. Nella convinzione che tutta la vicenda purtroppo rischia di danneggiare la figura di Simone - coinvolto probabilmente suo malgrado - teniamo a precisare che il nostro articolo vuole solamente contestare il metodo e il bando.

Assessore, un consigliere di maggioranza ha parlato candidamente ai nostri microfoni del vincitore. E’ un bando bufala ed è già scritto chi ha vinto. Hanno partecipato anche altri alla selezione?

“Credo che ci siano altre domande di partecipazione. Il bando sarà una dinamica aperta, sfido anche un livello di controllo alto, è una questione che investe la dirigenza come garante della trasparenza del bando. In questi giorni e in questi mesi ho interloquito con tante persone, ho incontrato tanti amici, ho voluto confrontarmi con tutti.”

Quindi non ha incontrato solo Domenico Simone?

“Assolutamente no. Ne ho visti altri, in quanto il mio bisogno era quello di acquisire una esperienza per mettere in piedi un progetto di lavoro. Domenico è stato uno degli interlocutori.”

E’ vero che Domenico sta già operando da diverso tempo?

“Questo non mi risulta.”

Quindi dobbiamo ancora crederci al bando?

“Bisogna partecipare più che crederci. A me più che lo strumento interessa il prodotto. Sto lavorando su un progetto che punti su una strategia di qualità. L’estate sarà un prodotto organizzato dal comune che avrà un criterio di qualità e che spero di essere in grado di vendere, attirare degli sponsor e far scoprire una immagine coordinata di una estate polignanese che punti su una versatilità di eventi, tutti basati su un buon livello qualitativo e professionale.”

Qualcuno parla da settimane, e con sprezzo, di due concertini. Se il bando si è chiuso solo sabato scorso, come si può sapere già chi deve suonare? Si presume allora che ci sia già un lavoro a monte, che prescinde dal bando.

“Il lavoro l’ho fatto io, non da ora ma da sempre. Si vuole mettere in piedi un progetto di lavoro in cui sento io il bisogno di avere un supporto tecnico, di conoscenza, di compresenza e organizzazione, in quanto molti eventi saranno organizzati dal comune. Non saranno dati finanziamenti a pioggia alle varie associazioni, ma parliamo di un progetto che il comune farà proprio. Questa è la sfida. Non daremo 800 euro, 1000 euro a tutte le associazioni, non ci sarà l’associazione che prenderà cifre alte, il progetto tiene conto di un coordinamento e punterà su un criterio di vendibilità. L’estate polignanese mi auguro che abbia un costo molto ma molto basso, per vendere un prodotto bisogna confezionarlo e renderlo vendibile. Non possiamo fare un lavoro con 50 eventi di estate polignanese passando dal festival del libro alla festa della madonna del Carmine, oppure alla sagra del panzerotto. No, il prodotto deve essere omogeneo e vendibile. Stiamo lavorando anche sulla fruibilità e su alcuni sponsor a carattere regionale che hanno promesso di darci il loro contributo.”

Quindi a cosa serve il tecnico?

“Serve per coordinare, serve per organizzare anche concretamente tutta la logistica e l’organizzazione, dal service al palco. Il comune non ha personale ad hoc. Se stiamo organizzando un festival jazz chi si occupa della parte organizzativa? Chi si occupa della gestione? Servirà fondamentalmente per assumere un ruolo di riferimento tecnico ed organizzativo a tutti gli eventi che saranno un volano attrattivo. Non a caso nel bando abbiamo previsto una percentuale per gli sponsor, perché c’è bisogno di una figura che si dedichi a reperire risorse.”

Vuole anticipare qualcosa del programma? Intanto, le associazioni non riceveranno finanziamenti…

“Non ho detto questo. Questa è la mia aspettativa. Sono vincolato ad un discorso di approvazione del bilancio. Ci sono alcune linee guida su cui stiamo lavorando, che sono dei festival, e però sono cose delle quali preferirei non dare una ufficialità. Si sta lavorando e sto lavorando su un progetto di festival jazz e di cabaret. Stiamo lavorando per una grande serata dedicata a Modugno, in cui si spera che ci siano artisti di fama nazionale che abbiamo contattato e che in quella serata ci onoreranno della loro presenza.”

Chi sono?

Ci sono tutta una serie di contatti. Si spera anche di avere una diretta tv.

Con quale emittente?

Molto probabilmente con Telenorba.

Cosa si è rotto rispetto al passato che secondo lei, l’ha detto anche nella lettera, ha creato qualche malumore?

“Si è rotto un meccanismo di fruibilità di un prodotto. Tutto ciò che avveniva negli anni scorsi. Ho avuto modo di vedere alcuni prodotti che il comune ha commissionato negli anni passati. Hanno lavorato anche figure artistiche importanti a livello locale. Mi potete dire però quale è stata la fruibilità di questi prodotti che il comune ha pagato anche decine di migliaia di euro?

E di quali prodotti parliamo?

"Di prodotti editoriali, di guide turistiche di 50 pagine, stampate in mille copie."

Da quale editore?

"Beh, a produrre la maggior parte di queste iniziative è stata la società Edizioni Aliante."

La stessa del giornale?

"Si. Il punto di svolta è proprio questo. Sono stati fatti negli anni scorsi dei prodotti promozionali che avevano costi molto alti e numeri molto bassi, mille copie che venivano gestite dall’ufficio cultura e pubblica istruzione senza un criterio di diffusione e veicolabilità. Chi ha fruito di queste cose? Mille copie di un prodotto promozionale si capisce come sono poche e non vanno ad attrarre e far conoscere il paese e che non vengono visti come vero strumento di promozione e di utilità. L’ospite che arriva nel nostro paese ha bisogno di avere immediatamente informazioni utili. Noi invece abbiamo stampato 20mila guide turistiche 4mila delle quali in inglese, veicolate dal nascituro ufficio turistico. L’ospite che arriva potrà fruire immediatamente del materiale informativo.

Nascituro ufficio turistico. In realtà non si è mai capito quando apre…

“Prima di San Vito. Questa settimana posizioniamo l’insegna, arriva anche l’arredo. Conto di fare una bella presentazione ed una ufficializzazione prima di San Vito.”

NELLA SECONDA PARTE DELL’INTERVISTA – “L’estate polignanese per me è un qualcosa da fare e organizzare per allietare delle serate a chi sceglie il nostro paese per fare vacanze. Serve a mettere su un prodotto fruibile che sia non invasivo e adeguato ai nostri spazi e luoghi che sono non molto ampi, contenuti e che hanno bisogno di spettacoli adeguati. Sto concentrando la mia azione sulla costruzione dei servizi. Fino ad oggi, per i miei predecessori, fare turismo significava soltanto fare la rassegna estiva, fare il concerto. Chi si è occupato della fruibilità del mare? Dell’autonoleggio e dei trasporti? Di un ufficio turistico? Dei servizi?”

_____________

Link correlati:

VEDI ANCHE RADIO TOUR 'SETE DI 10MILA EURO. IL TOUR NELLE CASSE COMUNALI' E VOSTRI COMMENTI

VEDI ESCLUSIVA BANDO BUFALA PER DIRETTORE ARTISTICO

VEDI ANCHE 'E UN CONSIGLIERE DI MAGGIORANZA VUOTO' IL SACCO' E COMMENTI

INTERVISTA MIMMO RUGGIERO: SECONDA PARTE

 

Commenti  

 
#10 cornacchia... 2010-06-03 03:25
per non dimenticare riporto anche qui il mio post: "questo paese ha molteplici potenzialità ma ahimè-ahi noi non ha amministratori altrettanto capaci, ...adesso lo voglio proprio dire ma pare normale che un grande artista di elevato spessore come il M° Gianluca Petagna (visionate pure http://www.studioclassic.it/code/artisti/petagna.htm ), dopo aver suonato ieri come oggi insieme ad altrettanti grandi artisti di fama internazionale per esempio gli artisti solisti e non della scala di milano, ospitato nel nostro paese, si offre di omaggiare con alcuni concerti la nostra Polignano per l'estate 2010, in cambio solo di vitto e alloggio e nientemeno, il "tecnico, il supremo, il dominus del turismo" nel nostro paese lo rimbalza... ma allora mi chiedo: ma l'emerito "ass......" cosa ne sa di cultura di arte se i risultati ottenuti sin qui sono questi? dove si è formato questo mostro-genio di "tecnico"? ma sopratutto dobbiamo dircelo chi lo ha messo in quel posto, non può non sentirsi responsabile di questa completa e totale incapacità del soggetto incaricato!...." bravo tecnico, continua così almeno indirettamente ci stai dando un forte aiuto: ci stai dando l'opportunità di capire meglio tutte le tue incolmabili lacune come anche quelle di tutta la compagine politica sia di maggioranza e sia dell'opposizione... :-)
 
 
#9 Cittadinanza Attiva 2010-06-02 21:38
L'Ass.re, dice che la persona (da nominare) darà un apporto logistico ed or ganizzativo. Per quanto ne sappiamo il Sig. Simone di cui si (s)parla ha studi e formazione musicale nonché capacità artistiche. Quindi, che c'entra la logistica? Nell'intervista, inoltre, si (s)parla di opuscoli promozionali, denigrando quelli del passato e vantandosi per quelli appena realizzati(ventimila, distribuiti anche alla BIT di Milano)! Nonostante l'evidente (segnalato) errore di paternità del "Ponte" a Murat! E' Borbonico! Lo documenta il bel libro di Carlo De Luca, donato al sindaco ed alle biblioteche lo cali!
 
 
#8 Slyver 2010-06-02 13:07
Chi viene chiamato per pseudo-capacità tecniche e non riesce ad oggi 01/06/10 a presentare uno straccio di programma ha fallito il compito per cui è stato chiamato a ricoprire quel ruolo,pertanto deve trarne le debite conseguenze e dimettersi da assessore. Scherzo, da quella poltrona non si può staccare è troppo attaccata al fondoschiena per privarsene.
 
 
#7 Gordian 2010-06-02 04:19
Sono così demoralizzato che mi è passata anche la voglia di scrivere, soprattutto quando leggo i commenti idioti e senza alcun senso (come è il suo solito) di francpape.
E anche questa volta non siamo stati capaci di gestire questo timido afflusso turistico.
 
 
#6 si legge... e si assume... 2010-06-02 00:21
dall'intervista... passiamo alla sintesi: dice il tecnico: "il mio bisogno era quello di acquisire una esperienza per mettere in piedi un progetto di lavoro..." "...ho bisogno di supporto tecnico..."; poi ancora: "Ci sono tutta una serie di contatti. Si spera anche di avere una diretta tv" "Molto probabilmente con Telenorba"; in ultimo ma non è finita "Quindi a cosa serve il tecnico? ...“Serve per coordinare, serve per organizzare anche concretamente tutta la logistica e l’organizzazione, dal service al palco. Il comune non ha personale ad hoc"; bene, credo che tutti possiamo coscientemente dire: il prescelto tecnico (non si capisce bene su quali basi), per poter svolgere il suo già retribuito operato, ha bisogno di un tecnico perchè esso stesso si definisce insicuro/incapace; non ha ancora creato ad oggi, 01.06.2010, un ufficio turistico e steso il relativo programma estate; non sa ancora chi siano gli artisti che interverrano ma sta lavorando a qeusto, non sono se vi sarà una diretta come non sa chi sarà l'emittente; in ultimo, questo è lo scoop: vi accorgerete che il "tecnico" parla molto spesso di "costruire pacchetti", bene secondo me la risposta è proprio questa: prepariamoci a ricevere quest'altro pacco napoletano... da quest'insieme di amministratori senza remore o paura di smentita, il tutto è scritto nell'intervista INCAPACI di gestire perchè privi di ogni benchè minima capacità e cultura personale!
 
 
#5 ce sceim facennnnn 2010-06-01 17:11
oggi monopoli presenta il suo programma turistico per l'estate 2010. noi stiamo pensando al programma invernale 2010/2011?????????? aaaaaaaaaaa....bandiera blu
 
 
#4 sempre io francpape 2010-06-01 13:22
N.C. anzi...... INCLASSIFICABILE.8)8)8)
 
 
#3 augusto cernò 2010-06-01 10:49
bravo " osservatore " non solo bagni pubblici fruibili anche da disabili,ma anche tutte quelle iniziative che evitino che la città diventi un letamaio dopo ogni manifestazione religiosa e non.Che ne dite delle gomme da masticare che hanno rovinato le basole del centro storico ? E poi cacche di cane,gusci di frutta secca,carte,mozziconi,scarti alimentari ecc ecc.Almeno si copiasse da altre citta turistiche se proprio non ci si arriva....
 
 
#2 osservatore 2010-05-31 23:59
Ma perchè non realizzate prima di tutto dei bagni pubblici...e posizionate dei raccoglitori, di mozziconi di sigarette...come in tutti i paesi civili.
 
 
#1 Un Appunto, 2010-05-31 23:58
leggo con interesse l'articolo avendo lavoorato per anni nel campo dell'organizzazione degli spettacoli e rimango perplesso:
Oggi 31 maggio, si deve ancora provvedere a organizzare un'estate a Polignano? Uhm! bene e chi sarebbero gli artisti che ancora non hanno prodotto le loro date per l'estate in arrivo?
Probabilmente qualcuno c'è ma i costi di questa avventurosa ricerca dell'ultimo istante?
Un direttore artistico a 5000 euro al mese + provvigioni sugli sponsor per organizzare il service e la parte organizzativa? mi sembra un pò tantino, bastava chiamare un buon service e intorno a Polignano ce ne sono di Ottimi che organizzano tour nazionali e conferirgli l'incarico...... tanto comunque qualsiasi service arriva dovrà essere pagato, no?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI