Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

SETE DI 10MILA EURO. TOUR NELLE CASSE COMUNALI

sete-di-radio-tour-gdv1-478x360 ESCLUSIVO: IL COMUNE PAGA LA PUBBLICITA' CHE SI FANNO LA RADIO E LA BIRRA.

Cosa ne pensano associazioni, cittadini e artisti locali?

 

Il tir di RadioNorba costerà alle casse comunali ben 10mila euro. Lo ha rivelato nella nostra intervista esclusiva, che pubblicheremo in due parti a cominciare dalla settimana prossima, l’assessore al turismo del comune di Polignano, Mimmo Ruggiero.

“E’ vero – ha ammesso sorpreso alla nostra domanda – c’è già la delibera di questa settimana”.

Polignano a Mare è la quinta tappa dell’evento “Sete di Radio Tour” - a questo punto "sete di 10mila euro" - un tour promozionale per la Radio e per la birra Dreher (sponsor ufficiale), il cui tir - presentato da un settimanale locale (sponsor ufficiale anche questo, tanto da scavalcare le notizie importanti della settimana e da meritarsi l'ambita prima pagina) come ultratecnologico e all’avanguardia, dimenticando (?) ahinoi di pubblicare le cifre e i costi - stazionerà per due ore nei giorni 4 e 5 giugno nei pressi dell’arco marchesale.

La nuova formula di marketing studiata per l’evento va sintetizzata più o meno così: “io comune di Polignano a Mare ti faccio la pubblicità alla radio e alla birra, ti porto anche un bel manipolo di adolescenti urlanti e festanti davanti ai loro idoli di ‘grande spessore e caratura artistica, sic!’ adescandoli con una bella bottiglia di birra che inibisce più o meno le facoltà intellettive e ti trasforma in merce di scambio per vendere alcolici e dischi, e ti pago pure coi soldi pubblici del comune”.

Insomma, i soldi pubblici per pagare quella famosa pubblicità contro la quale combattono da anni le associazioni dei consumatori. Chiedete alla Polidream cosa ne pensa della pubblicità come specchio per le allodole. Anzi, ci domandiamo cosa ne pensi la Polidream e le associazioni polignanesi - che tra l'altro quest'anno, vedrete, forse non avranno un solo centesimo - a riguardo.

Il comune di Cerignola, tappa precedente alla nostra, ha sborsato ugualmente 10 mila euro. Il sindaco della città foggiana, Antonio Giannatempo, in un comunicato stampa ha dichiarato: “Siamo molto felici di offrire ai ragazzi della nostra città un bel momento ricreativo, durante il quale potranno avere un contatto diretto con i loro beniamini”. E si, caro sindaco, contatto diretto con le loro bevande alcoliche, altro che beniamini, avrebbe dovuto aggiungere a suo tempo nella nota ufficiale e scritta. Giannatempo giustifica il contributo pubblico concesso alla radio che viene pagata per farsi pubblicità, quale “copertura delle spese organizzative”.

Di più, noi della redazione sappiamo inoltre, che sono in corso trattative riservate tra TeleNorba e il comune di Polignano per trasmettere in diretta televisiva uno degli eventi dell’estate polignanese. Vi terremo aggiornati.

Perchè investire così i pochi soldi delle casse comunali? Non c'erano alternative per meglio ottimizzare i costi? Investire su eventi e artisti locali? Su situazioni di precarietà?

Tra l'altro, paghiamo noi, coi soldi pubblici, la pubblicità che si fanno altri.

A voi i commenti.

Commenti  

 
#11 cucù 2010-06-02 13:25
Concordo con vergogna diecimila euro potevano essere utilizzati per un minifestival Jazz con il coinvolgimento delle associazioni locali che in passato hanno dimostrato di avere capacità organizzative e che sono riuscite a portare a Polignano fior di artisti di fama internazionale.Non si capisce quale sia la strategia che porta a tali scelte.
 
 
#10 vergogna! 2010-06-01 00:13
si vergogna innanzitutto perchè chi ha deciso questa manifestazione dovrebbe sapere che una delle tappe è Monopoli con una capienza ed ospiti più rilevanti, inoltre dovrebbe sapere (speriamo che il direttore artistico arrivi presto a soffocare le cavolate di Ruggiero) che l'evento prevede una diretta radiofonica e la presentazione del disco degli artisti che saranno sul Tir. Una piccola esibizione e nulla più. Sono concorde con quasi tutti i commenti non capisco il commento di "ipocrisia" che da lezioni di economia politica (ed economica??? che significa??) per spiegare che un evento del genere farebbe felici i commercianti.... siamo sicuri che ciò avverrà? sa lei a che ora è l'evento' sarà in ore serali o pre serali e soprattutto infrasettimanali, quale sarà l'introito se non per la ditta pubblicizzata? 10000 euro è il costo di un bel mini festival jazz con nomi di tutto rispetto, 10000 euro sarebbero il giusto compenso per attività varie e disseminate nell'intero arco dell'estate ma, questo è il dazio che l'amministrazione deve pagare per l'altro sponsor (FA*) esoprattuto perchè questo giornale continui a scrivere cavolate a favore dell'amministrazione
 
 
#9 Gordian 2010-05-31 18:52
Io non capisco per quale motivo il tutto si deve svolgere tutto in un fazzoletto, ma ci rendiamo conto che si stà parlando di un evento che si terrà sotto l'Arco Marchesale, ma voi siete matti, questa cosa non ha senso, quelli non sono luoghi adibiti a certi eventi, lì ci vuole più eleganza e poi dobbiamo vendere meglio il nostro territorio, dovrebbero esserci eventi diversi in giornate diverse un pò dappertutto per dar modo ai turisti di visitare luoghi diversi e quantomeno dare l'impressione di una proprosta più ampia. Voi dovreste lanciare delle sfide a voi stessi non fare questi pastrocchi che non servono a nesuno, nè ai turisti e nè ai commercianti(tranne qualcuno amico come al solito).
 
 
#8 fast 2010-05-31 17:19
Ipocrisia io sono di destra e scrivo cmq contro questa amministrazionediincompetenti, non ci vuole molto, solo un pò di spirito critico (sia di destra che di sinistra) per capire che tutto quello che fanno è fatto male e in modo approssimativo, tanti soldi spesi male come in questo caso...

Dai su però così ci teniamo buona tele norba..Concordo con il Sig.Teofilo, basta parlare di destra e sinistra su questo forum..io penso che scrivano più cittadini indignati, sia di destra che di sinistra..Quanto alle repliche come quelle di Ipocrisia penso solo siano solo le affermazioni, di chi al potere non sopporta alcun tipo di critica...E paghiamo questo carrozzone, schiamazzi e birra a volontà 10.000 euro...chissà quanti turisti verranno!! oh scusa I soliti residenti della provincia...
 
 
#7 soldi buttati 2010-05-31 13:48
oddio, questa amministrazione non sa manco come investire per un ritorno elettorale. buttare soldi così e darli a giornali e tv che cambiano a seconda del vento, non è un investimento utile.
vagghia mbarè i vagghia perd ;-)
 
 
#6 cld 2010-05-31 13:13
Se è vero quanto si legge in questo articolo, si stenta a crederlo, la presente Amministrazione comunale di Polignano dà la sua ennesima dimostrazione di miopia o meglio di strabismo! si guarda storta una qualche proposta culturale seria dichiarando che non ci sono soldi e che è opportuno cominciare ad arrangiarsi da soli, mentre si buttano diecimila euro per ubriacare i giovani e fare pubblicità a qualche emittente privata che vive già prevalentemente con sussidi pubblici, cioè con soldi delle tasche di tutti i cittadini.
Per esempio perché non utilizzare questi diecimila euro per inaugurare, finalmente, il museo Pino Pascali nell’ex mattatoio comunale?
Sarebbe il caso che questi signori amministratori (si fa per dire: sicuramente non sembrano buoni amministratori) se ne vadano di corsa ... a quel paese!
Meraviglia che almeno l'assessore alla cultura - che dovrebbe essere di tutt'altra levatura - non esprima con chiarezza il suo dissenso da manifestazioni che assorbono denaro pubblico senza produrre risultati di benchè minima portata sociale. Anzi la portata sociale ci sarà: un grande disordine pubblico davanti all'arco marchesale, per il quale gli attuali amministratori non riescono a trovare qualche centinaio di euro per impedire che turisti e paesani siano colpiti dalle deiezioni (in parole povere: le cacate!) dei piccioni sulle loro teste. Colpiscono i piccioni, notoriamente dal cervello piccolo piccolo, a maggior ragione lo fanno i signori del palazzo, a danno di tutti!
 
 
#5 Barrister 2010-05-31 13:11
Credo che il populismo che permea certi commenti sia inutile esercizio di bassa aritmetica, dal momento che non è possibile esercitarsi nella divisione dei diecimila euro per un certo numero di gruppi musicali o vedere quanto costa la pulizia di un metro quadro di marciapiedi. In realtà di gruppi che si esibiscono per 100 euro non se ne avverte il bisogno, così come chiunque abbia dimestichezza con certi lavori sa bene che con quell'importo non si ripara un bel niente. L'aspetto fondamentale credo sia il contrasto tra la delibera tesa all'individuazione del direttore artistico e gli eventi spot organizzati dall'assessore. Delle due l'una: o l'esperto non serve a nulla perchè tanto gli eventi si organizzeranno ugualmente, oppure serve ed allora è assurdo sprecare risorse senza un piano organico che coordini il programma dell'estate polignanese. A meno che l'assessore da par suo non giustifichi la spesa dicendo che siamo ancora in primavera!
 
 
#4 nicolateofilo 2010-05-31 13:10
Caro ipocrisia, per favore legga i commenti. Penso che il suo trovi risposta in alcuni commenti, dove da nessuna parte mi sembra sia stato scritto di voler andare contro i desiderata e i bisogni delle attività commerciali, alle quali diamo voce e spazio, cosa che dovrebbero fare un pò più spesso, caro ipocrisia, (e non la chiamo per gli altri nomi che camaleonticamente cambia continuamente, visto che si affanna così tanto a cambiarlo sempre), i suoi amici e suoi giornali.

Si parlava di come meglio investire i quattrini, senza buttarli al vento, come di fatto è stato fatto. Anche nell'interesse delle attività commerciali, caro ipocrisia.

Per il finale, quello che scrive si commenta da solo. Il dibattito su turismo e attività commerciali in questo giornale è vivo, non è sterilizzato su pregiudizi o posizioni per partito politico preso, animato spesso dai commercianti e titolari di attività stessi. Non stiamo discutendo degli eventi dell'amministrazione Di Giorgio, non siamo nel 1994. Torni coi piedi per terra, siamo nel 2010 e voli meno alto con la fantasia. Le consiglio di leggere l'intervista a Mimmo Ruggiero - a breve online - e dalle domande capisce che abbiamo riportato all'assessore le istanze dei commercianti e titolari di attività legate al turismo.

a presto e grazie,
nicola
 
 
#3 Gordian 2010-05-31 12:44
Concordo pienamente ...investire sulle "sabbie mobili" rende bene l'idea del modo di fare Polignanese.
Il confronto con le associazioni, locali vari e persone esperte, è molto importante, è la base per avere un minimo di crescita che questo paese non ha.
Continuano a fare intrattenimento per una sera, anzi per poche ore ma qui si potevano spendere i soldi per mettere a nuovo il centro storico che renderebbe sicuramente molto di più di una semplice serata e poi ancora manca un percorso pedonale, roba da matti.
Sempre i soliti posti, le solite cose, non si riesce ad uscire da questa gabbia, mentalità tutta Polignanese, molto strana devo dire.
Come al solito rivedremo i soliti spettacoli in Piazza S. Benedetto...cioè spettacoli per bambini e anziani.
Arriva il nuovo Assessore al turismo, atteso con ansia... e ritorniamo a fare puntualmente le stesse cagate di sempre.

P.S. a tutti quelli che dicono che ci sono giornali a favore e giornali contro posso dire che quelli a favore sono manipolati e quelli contro (anche perchè si vede dai commneti sul forum) sono informazioni vere!
Quando riconoscerete questo, avrete fatto un bel passo avanti e tutto il paese ne beneficierà.
 
 
#2 roby 2010-05-31 12:17
Della serie come la fai la sbagli. A polignano si vuole il turismo si o no ? Io credo che Lei Direttore non lo vuole. Vuol far passare come negativo qualsiasi evento organizzato dall'amministrazione. Purtroppo per Lei chi ha attività commerciali desidera questi eventi per creare economia e far lavorare tutto l'indotto. Forse qualche lezione di economia politica ed economica non farebbe male. Credo che Lei sia troppo di sinistra. La memoria è corta o non era nato quando a Polignano l'amministrazione Di Giorgio spendeva milioni per De Grecori o Anna Hoxa o gli Articolo 31 E MI FERMO QUI.
 
 
#1 ninco nanco 2010-05-31 03:03
Leggo con dispiacere che il comune di Polignano abbia deciso di investire così i propri pochi quattrini.

La polemica su alcol e giovani la ritengo di secondo piano, criticabile e quasi giustificante la spesa per la promozione di un tipo di turismo.

La questione è più complessa. E la domanda da farsi è in sintesi:

Quali alternative avevamo di spendere (investire) quei soldi?

[ poi il politico serio si dovrebbe domandare che ritorno sociale ha l'investimento fatto. Il politicante potrebbe domandarsi che ritorno elettorale ( seguite il mio discorso e capirete come in entrambi i casi la scelta del Tour è sbagliata!) ]

Per farvi capire quanto e cosa si poteva fare farei alcune domande:

1: Quanti euro il Comune ha dato ai ragazzi della chiesa che hanno organizzato il presepe vivente che hanno riempito Polignano x diversi giorni [non 1]

2: il Comune avrebbe potuto finanziare i gruppi musicali locali polignanesi e limitrofi con anche 100 euro a gruppo, che lo farebbero più per piacere che per soldi, avrebbero portato a polignano 100 gruppi, cioè in media 400 persone. che portano a loro volta una media di 10 persone. e siamo a 4400 e con effetto leva di altri attratti dall'evento avremmo circa 8-10 mila persone[ che avrebbero fatto vivere polignano non solo la sera]

3: Il comune avrebbe potuto fare un accordo con tutti i locali, bar, ristoranti, investendo in coofinanziamento, per l'organizzazione di serate ad hoc.

[sponsorizzate da comune e locale]

Il comune investe così nel suo territorio, lega relazioni, sfrutta la maggiore capacità organizzative di soggetti che operano per lavoro.

4: il comune avrebbe potuto investire in un evento di caratura sociale-nazionale.

Ora le idee potrebbero essere infinite: la butto lì così una giornata NAZIONALE di visita dei fondali e subacquea per diversamente abili

Oppure investire i 10000 con i "pescatori".

Pensandoci un pò è superiore come rendimento anche a quello che hanno pensato loro.

Infatti, cari politici, l'investimento che fate non è solido: tanto il giornaletto e la lobby conversanese che finanziate è come il galletto segnavento cambia direzione facilmente.

Forse fra i polignanesi trovereste persone più serie. Investire e costruire sulle sabbie mobili, lo vedrete, non serve.

Investire meglio i soldi di tutti è utile anche per voi, costruite relazioni stabili basate sul reciproco confronto, non su minacce e paure.

Ne avreste guadagnato voi alla prossima tornata elettorale e i cittadini noi tutti in benessere e salute.

Meglio non pensarci, facciamoci una birra e una bistecca di bovino argentino...chi se ne frega!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI